Martedì 12 Novembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

autori > keith richmond

Keith Richmond

Keith Richmond

Keith Richmond vive in Italia da oltre 50 anni. Per molti di questi è stato responsabile della pubblicazione presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura a Roma. Negli anni '60 era uno studente a Firenze e questa esperienza gli diede l'idea, un giorno, di acquistare una piccola proprietà in Toscana. Ed è cosi che nel 1975 acquistò un podere in provincia di Arezzo, a Montegonzi, da dove si domina la valle dell'Arno e le prime pendici dell'Appennino.

Keith Richmond vive in Italia da oltre 50 anni. Per molti di questi è stato responsabile della pubblicazione presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura a Roma. Negli anni '60 era uno studente a Firenze e questa esperienza gli diede l'idea, un giorno, di acquistare una piccola proprietà in Toscana. Ed è cosi che nel 1975 acquistò un podere in provincia di Arezzo, a Montegonzi, da dove si domina la valle dell'Arno e le prime pendici dell'Appennino. 

La proprietà rappresentava una sfida e ci sono voluti diversi anni per rendere la casa confortevole e garantire una produzione regolare di olio d'oliva. Keith e sua moglie vivono a Boggioli in modo permanente da oltre 20 anni e ora producono un olio extra vergine biologico premiato che viene inviato in tutto il mondo. Tutto ciò ha richiesto tempo e fatica, ma, dice Keith, che ne è valsa la pena.

Tutti i diritti riservati

Tutti gli articoli di Keith Richmond

La vita in fattoria

La vita in fattoria

Lo produco, lo racconto. Sul mensile Oliocentrico vi è una rubrica in cui i produttori si raccontano e auto recensiscono il proprio olio. Sul numero 5 della rivista abbiamo pubblicato il testo in lingua inglese del proprietario della tenuta Podere Boggioli. Qui riportiamo invece la versione in lingua italiana. "Quando le persone mi chiedono come sia stato coinvolto nella produzione di olio extra vergine di oliva, rispondo che non avevo scelta: ho una casa fattoria con 700 alberi di olivo, in Toscana"

Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Nel nome dell’amore

Nel nome dell’amore

A Taranto, presso la Libreria Mondadori, la prima presentazione in anteprima del volume Tu sei per me come questa luna piena, edito da Olio Officina. Il libro segna l’esordio da poeta di Bernardo Campagna. Gli elementi della natura - mare, onda, spiaggia, sabbia, vento, cielo, sole, luna - sono il teatro fisico delle emozioni

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le potenzialità degli oli delicati in cucina

Come vengono utilizzati gli oli in pasticceria, senza risultare invasivi rispetto agli altri ingredienti? Quali sono le tecniche cui è opportuno ricorrere per ottenere le migliori performance? L’esempio, concreto, dell’olio extra vergine di oliva Dop Garda. Alcune indicazioni nell’intervista allo chef e maestro di dolcezze Manuel Marzari, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo