Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

media > per immagini

Orgoglio di Sardegna

Orgoglio di Sardegna

"La soddisfazione nel veder crescere queste piante è davvero grande". A sostenerlo è Pasquale Manca, patron di Olio San Giuliano, prestigioso marchio di Domenico Manca SpA. La foto che vedete ritra elo scenario di Alghero, dove ha sede l'azienda. "Poter seguire così da vicino, giorno dopo giorno, lo sviluppo del proprio progetto è un privilegio", prosegue Pasquale Manca. Sono tanti piccoli ulivi, nei nuovi poderi San Giuliano. Sono piccoli, ma cresceranno


Area sosta di un supermercato

Area sosta di un supermercato

La foto che vedete è volutamente tagliata, per non far vedere l'insegna della Gdo cui si riferisce. La scena è stata ripresa in Sardegna, ma tale consuetudine non è così infrequente. Si comprende bene come il punto di ricezione della merce, tanto più se si tratta di prodotti alimentari, non può essere messa a serio rischio come in questa immagine inquietante. Pensate agli oli extra vergine di oliva, sotto il sole, d'estate, all'aperto, in attesa dopo ore di sosta


Festa in casa Turri

Festa in casa Turri

Tutti in frantoio, a Cavaion Veronese, la scorsa domenica, 11 novembre, per condividere le gioie della spremitura delle olive e provare in prima persona il gusto e i profumi dell'olio nuovo, quello a marchio Dop Garda


Salvagno & Rana

Salvagno & Rana

A Nesente, Verona, la famiglia Salvagno e la famiglia Rana ritratti insieme all'interno del Frantoio Salvagno, intenti a festeggiare la loro storica amicizia, in occasione della campagna olearia numero 95


Come promuovere l'olio

Come promuovere l'olio

Il numero 6 di di OOF International Magazine presto in distribuzione. Prenotate la copia o abbonatevi


È tempo di cambiamento

È tempo di cambiamento

Nella vignetta di Raffaele Mirarchi, il selfie del ministro dell'Interno Matteo Salvini


Api su olivo

Api su olivo

L’albero che vedete è espressione della varietà Moresca. La foto è del vignaiolo e olivicoltore Felice Modica. Tutto è avvenuto domenica 4 novembre, in località Sant’Elia. Siamo nel territorio di Noto, in Sicilia. Nel corso di una passeggiata all’alba, in compagnia con il cane, la bella scoperta. La presenza delle api è molto utile agli olivi, come pure alle api stesse. Queste trovano nell’oliveto una sorta di beauty farm, pronte a ricaricarsi e a lavorare con maggiore energia, ma anche gli olivi a loro volta ne beneficiano, producendo più frutti


Schieramento d’olio

Schieramento d’olio

Poi ti accorgi quanto è essenziale il prezioso succo spremuto dalle olive. In queste confezioni, esposte su uno scaffale in un punto vendita in aeroporto, c'è il sogno, oltre all'olio ricavato dalla frangitura del frutto, c'è molto altro


L'Oleoteca regionale della Liguria

L'Oleoteca regionale della Liguria

Grande soddisfazione per il successo della trasferta milanese, a Golosaria, da parte delle imprese associate, tra le quali Sommariva di Albenga, Cagliero di Cesio, Il Bey di Imperia e Dino Abbo di Lucinasco


L'olivagione 2018 in Liguria

L'olivagione 2018 in Liguria

L’annata olearia 2018/19 si presenta ottima: le piogge primaverili hanno giovato. È quanto riferisce il Consorzio dell'olio Dop Riviera Ligure, che saluta con gioia l'iniziata della raccolta delle olive per la produzione dell’olio, raccolta che potrà andare avanti fino al 31 marzo 2019. La raccolta dell’olive in Liguria è una categoria dello spirito. Ora, per intanto, si lavora: sulle terrazze liguri nulla è facile, ma è tanta la soddisfazione nel difendere un prodotto che rappresenta una forte identità


Il nuovo olio

Il nuovo olio

Verde intenso, fresco e profumato. A Menfi, presso il Frantoio Botta


Le olive tra i libri

Le olive tra i libri

Cosa accade alle olive che si trovano sparse tra i libri nella biblioteca comunale di Menfi?  Si preparano per una spremuta di idee


Mai smarrire la speranza

Mai smarrire la speranza

Anche gli olivi conoscono momenti di cedimento, ma poi c’è sempre chi li fa rialzare, rimettendoli in piedi e prestando ogni utile cura, con grande dedizione. La foto è di Francesco Caricato


Capricci napoletani

Capricci napoletani

IN USCITA A NOVEMBRE: Sossio Giametta, Capricci napoletani. Pagine di diario, per le edizioni Olio Officina, a cura di Marco Lanterna. "I Capricci napoletani - scrive il curatore del volume - sprizzano una naturalezza quasi stendhaliana, ne hanno lo stesso beau désordre; li si legge rapiti, felici, leggermente attoniti, sorpresi d’incontrare fulminanti aforismi inframmezzati a ricordi e gags"


Stiamo lavorando al nuovo annuario

Stiamo lavorando al nuovo annuario

Le copie che vedete sono quelle dell'annuario - in edizione cartacea, è evidente - Olio Officina Almanacco. Quello, di prossima pubblicazione, in uscita per gennaio 2019, riserverà belle sorprese. Intanto, ecco le copertine dei numeri finora pubblicati


Frantoio di idee

Frantoio di idee

Non solo spremiture di olive, ad Albenga, nel frantoio-museo di Agostino Sommariva, si svolgono molti incontri culturali, in tutti i periodi dell'anno, tante iniziative, tra mostre, presentazioni di libri e molto altro ancora. Nella foto vedete il noto imprenditore oleario ligure insieme con Beppe Carletti, fondatore del gruppo musicale dei Nomadi, nonché leader e unico membro stabile della formazione


La domenica vestivi di rosso

La domenica vestivi di rosso

Nella redazione di Olio Officina oggi, martedi 16 ottobre, è arrivato - atteso con trepidazione - il nuovo romanzo, fresco di stampa, di Silvana Grasso - La domenica vestivi di rosso - per le edizioni Marsilio. Lo troverete in libreria da giovedì 18. Ora, non possiamo che immergerci nella lettura. Per essere in piena sintonia con l’autrice, abbiamo reso il nostro omaggio al rosso, con le due grandi O di OOF


Lo slogan più idiota del mondo

Lo slogan più idiota del mondo

Ai tanti cattivi in circolazione omaggiamo (in foto) quest’olio a km 0, senza etichetta, trovato in uno dei tanti mercatini del sud. Con un consiglio: non fidatevi delle persone che vi propinano cibi a Km 0. È uno slogan  cucito su misura per i tanti ingenui che popolano l’Italia. Il cibo del territorio è cibo universale, destinato a varcare ogni confine del mondo e a mescolarsi con altri cibi di altri luoghi. Il km 0 è quello dei cervelli a peso zero di chi ha cavalcato una formula idiota pensata per rincretinire i tanti poveri e malcapitati ingenui che ci cascano


L'olio prima di essere olio

L'olio prima di essere olio

Tutte queste olive, tutti questi frutti che si tramuteranno in succo. La celebrazione dell'olivagione in una foto di Luigi Caricato. Augurando a tutti buon raccolto


Ultimi chicchi d'uva

Ultimi chicchi d'uva

Una immagine tangibile della vendemmia 2018 prima che i nostri ricordi in vigna si traducano in vino


Le mie olive

Le mie olive

Il piacere di vedere i frutti crescere dall'albero, all'inizio minuscolo, quando lo si è piantato, e ora già pronto per essere generoso dispensatore di olive


| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Enoplastic Coltura&Cultura Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 13 novembre 2018

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

Il libro della settimana: Semplicità in cucina, di Giuseppe Capano

Il libro della settimana: Semplicità in cucina, di Giuseppe Capano

Edito da tecniche Nuove, è in libreria il nuovo lavoro dell'apprezzatissimo maestro di cucina, chef che i lettori di Olio Officina Magazine e i frequentatori di Olio Officina Festival conoscono moto bene. Anche per la sua nota passione per gli oli da olive, autore, tra l'altro, di volumi come Friggere bene e Olio: crudo e cotto

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

Cosa succede alle olive in frantoio

L'arrivo delle olive in frantoio, in un video amatoriale in cui si racconta - per immagini e suoni originali, senza alcun montaggio - il processo di produzione. Il frantoio, il più importante, grande ed efficiente in Sicilia, si trova a Sciacca, proprietà della famiglia Bono e dell'azienda conosciuta e apprezzata per i suoi oli a marchio Bonolio

In attesa di Olio Officina Festival 2019

L'ottava edizione di OOF 2019 è in programma a Milano nei giorni 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2019, presso il Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 61. Mentre fervono i preparativi, ecco alcune immagini del festival. Il tema portante del prossimo appuntamento è NOSTRA SIGNORA PUBBLICITÀ, ovvero come comunica e si promuove l'olio da olive.

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti

OOF International Magazine numero 5

OOF International Magazine numero 5

Una monografia interamente dedicata all’arte e alla scienza del blending e agli extra vergini a misura dei mercati. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese