Giovedì 24 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

media > per immagini

La Coldiretti messa a nudo

Prosegue la serie dei “Nudi d’autore”, questa volta con un personaggio, Vincenzo Gesmundo, che da solo tiene sotto scacco l’agricoltura italiana. Comandando come fosse l’agricoltura in persona e mettendo in riga anche i massimi vertici, nessun ministro escluso. Lui è il direttore generale della nota organizzazione agricola, perfetto uomo ombra, giunto alla ribalta delle cronache per gli scandalosi guadagni da milioni di euro di cui più nessuno parla o scrive

Luigi Caricato, Valerio Marini

La Coldiretti messa a nudo

Che volto avrebbe l’agricoltura senza Vincenzo Gesmundo e la Coldiretti? Noi, l’uomo ombra lo abbiamo messo a nudo, desacralizzandone la figura, fin troppo riverita e temuta.

"Contadino e milionario, stipendio da record per il segretario Coldiretti", è il titolo di un articolo apparso sul settimanale l'Espresso a firma di Emiliano Fittipaldi il 29 gennaio 2015. E, si legge nel sommarietto, "negli ultimi 11 anni il dirigente ha guadagnato oltre 10 milioni di euro. Una cifra pazzesca: solo nel 2014 la retribuzione ha sfiorato i 2 milioni".

Senza una serie di articoli, scaturiti da una indagine effettuata dal giornale on line Agricolae, Gesmundo sarebbe rimasto in ombra, come uno dei tanti Carneade di cui nulla si sa ma che tutti, almeno quelli che di agricoltura si occupano senza vedere la terra, sanno bene chi sia.

 

LEGGI ANCHE:

Tutti i soldi di Coldiretti

Il linguaggio di Coldiretti

Cosa succede in Coldiretti

La grave colpa di Coldiretti

Coldiretti uguale mafia?

Vogliamo mettere online non solo i conti della Coldiretti ma anche le nostre storie

 

ALTRI NUDI D'AUTORE

Paolo e Fabrizio De Castro

Colomba Mongiello

Matteo Renzi

Maurizio Martina

 

 

Luigi Caricato, Valerio Marini - 24-07-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

Lo chef patron del Ristorante Sadler di Milano è stato il vincitore della seconda edizione con la vincente proposta del Pancotto al Laudemio e rosmarino, tuorlo d’uovo cotto nel ghiaccio, croccante di cereali e tartufo nero

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti