se non leggi correttamente questo messaggio, consulta la versione on line

Mercoledì 21 Maggio 2014 - numero 34 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

 
Inviamo nuovamente la newsletter scusandoci con i lettori per l'errore tecnico imprevisto, che non ha permesso l'inoltro di tutti gli articoli pubblicati
 

Olio, istruzioni essenziali

C’è uno strumento fondamentale, seppure poco praticato, per difendersi da oli poco raccomandabili: il proprio naso. Attraverso l’assaggio, se si è educati nel riconoscere la qualità, è possibile scegliere l’olio giusto al prezzo giusto

In difesa delle Dop

di Andrea Bertazzi

L’invasione del lampante

Tutti parlano – giustamente - di eccellenza, ma poi, se si fa un attento esame di coscienza, si scopre che la produzione di oli di scarsa qualità continua ancora inarrestabile, anche nel nuovo millennio. In Italia, oltretutto, gli oli lampanti non sono nemmeno tra i migliori in circolazione. Cosa è cambiato, rispetto al secolo scorso?

L'olivicoltore tormentato

Perché tanta cattiveria verso i più indifesi? Se lo domandano Flavio Lenardon e Giuseppe Stagnitto di TreeDream. Chi è più vulnerabile e soggetto ad errori, il piccolo produttore o le imprese che possono contare su tanti consulenti? Perché chi ci comanda vuole innescare tante inutili sofferenze?

Annusare sempre e ovunque

La persona umana è un’unità in cui convivono armoniosamente i piaceri sensuali e spirituali. Affidarsi al proprio naso, è il modo più preciso per cercare di afferrare l’essenza di una persona, così come la qualità di un cibo o di una bevanda

La Riviera ligure ricamata

Sul filo dei ricordi, nel nome dell’olio. A Imperia. Un viaggio interattivo alla scoperta di fermenti culturali, paesaggi, emozioni che animavano un territorio nell’Italia nascente di fine '800 e primi '900. Tutto ebbe inizio con la storica rivista della Ditta Sasso, diretta da Mario Novaro, un'intuizione anticipatrice delle moderne tecniche di promozione aziendale

I sommeliers salveranno l’olio

Nel corso della quarta Giornata nazionale della cultura del vino e dell’olio è emersa chiara la volontà di rendere popolare la conoscenza del prezioso succo di olive facendo ricorso all’esperienza maturata in ben 49 anni dall’Ais

Il volto femminile dell’olio

Una galleria immagini per rievocare quanto si è vissuto ad Alghero, nel corso della settima edizione del concorso le degustatrici di olio. Ma è vero che le donne hanno una sensibilità più spiccata nel cogliere le molte sfumature di un succo di oliva?

Io mi separo da te

Quarant’anni fa le campagne furono decisive nel referendum sul divorzio. Tra lo stupore generale, al referendum prevalsero i “no”. Nessuno aveva riflettuto sul fatto che dieci anni prima proprio da un centro agricolo della Sicilia era giunto un primo segnale di mutamento

Tutta la vita tra ulivi e frantoio

La pecca che mi sento di avere – ammette il ligure Rino Pellegrino – è la mancanza di tolleranza per la generale carenza di rispetto per la natura che ci circonda. Sento anche il mio limite, nel non riuscire ad arginare l'abbandono della coltivazione, della cura e dell'amore per le nostre terre

E’ olio di famiglia

Solo extra vergini da olivicoltori dilettanti. A Monopoli i migliori “succhi di oliva” tra i partecipanti alla terza edizione di un concorso rivolto agli hobbisti. Sarà anche allestita una mostra fotografica. Un vero successo: “Olio di famiglia” è stato inserito dalla Fao tra le iniziative dell’International Year of Family Farming

Uncivil orange. Uncivil lemon

Non occorre essere bocconiani per fare due conti: fallimentari. Fin quando non impareremo a dare il giusto valore ai frutti della terra, anche e soprattutto nei luoghi di produzione, non ci sarà speranza per l’agricoltura

Un Pascale farà dimenticare Petrini?

Prende il via il nuovo corso di Slow Food. Il neo presidente Nino Pascale è un agronomo. Punta ad aprire il dialogo con la Gdo e a caratterizzare l’organizzazione con una marcata presenza di piccole strutture agricole ispirate dal modello “contadino”

Olio bene comune

Si parla in tante occasioni di olio come bene culturale, ma poi? Che cosa si fa in concreto? Il capitale umano vive oggi un momento critico, assai precario, ma è dal capitale umano che occorre ripartire. Ci scrive l’imprenditrice olearia Adele Scirrotta, evocando una figura simbolo come Adriano Olivetti

La conoscenza affina il gusto

L’affermazione dell’olio extra vergine di oliva ha contribuito a cambiare i consumi di grassi. Le insalate di un tempo, per esempio, non avevano il gusto di quelle che oggi si apprezzano. A sostenerlo è Tiziana Zuccoli, colei che ha dato il via a Olio Capitale a Trieste. E’ cambiato l’olio, certo, ma sicuramente si è diventati anche più esigenti

Un mondo dove tutto torna

E’ un libro che parla di futuro quello di Nicola Sordo. Tutto ruota intorno al mondo contadino, in una società e in un’economia “ciclica”, fatta di agricoltura di sussistenza, di artigianato e commercio che evolvevano senza una dispersione eccessiva di risorse ed energie

L’oro liquido di Alghero

Si è conclusa con successo la settima edizione del Premio nazionale “La Degustatrice di Olio d’Oliva”. Ecco le vincitrici e la cronaca dell’evento a cura di Anna Maria Rognoni

 

A norma del Dlgs 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali, la Sua e-mail è stata inserita nel nostro database perchè espressamente da Lei richiesto o perchè reperita da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque, fermi restando i limiti e le modalità che le leggi, i regolamenti e la normativa comunitaria stabiliscono per la conoscibilità e pubblicità dei dati.
Questo messaggio include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica.
Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni la preghiamo di cliccare qui.