Martedì 19 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > buon cibo

Un infuso di cipolla

Sì, avete inteso bene. Proprio un infuso. Vi sembrerà strano, ma è fattibilissimo. "Provare per credere", non si dice così? A proporlo, ovviamente partendo dalla cipolla egiziana ligure essiccata, l'autore di un libro in cui è possibile trovare moltissime idee e suggerimenti su come utilizzare quotidianamente il bulbo

Marco Damele

Un infuso di cipolla

Talvolta un buon infuso di erbe che coltiviamo o troviamo spontanee può essere più efficace di una misteriosa pastiglia per ridare sollievo al nostro organismo.

I cambi di stagione sono i periodi dell’anno più pericolosi per le mucose delle vie respiratorie irritate, per l’insorgere della tosse, raffreddori o riniti e la tisana alla cipolla egiziana essiccata è un rimedio tanto semplice quanto utile e purtroppo quasi mai utilizzato.

Il gusto alla fine è anche gradevole, e ci regala da subito un piacevole conforto, ma se preferite potete tranquillamente aggiungere qualche foglia di stevia o del miele.

Brevi note essenziali per poter procedere con successo

Utilizzare foglie di cipolla egiziana ligure essiccata, da mettere in infusione in acqua bollente per 5 minuti. Consiglio di utilizzarla la sera servita ben calda.

Ecco, nel mio libro, La cipolla egiziana, potrete trovare moltissime idee e suggerimenti su come utilizzare quotidianamente il bulbo. È possibile prenotarne una copia direttamente in libreria o scrivendo a  regaloebarattoinagricoltura@gmail.com

 

Le foto sono di Marco Damele

Marco Damele - 26-03-2017 - Tutti i diritti riservati

Marco Damele

Imprenditore agricolo di Sanremo, perito agrario e tecnico di colture biologiche e biodinamiche, dal 2007 al 2012 è stato presidente dei giovani di Confagricoltura Imperia e Liguria. Dal 2013 fondatore e responsabile di R&B Agricoltura, realtà operativa impegnata a rafforzare l’idea di ruralità e nel contempo divulgare le conoscenze per prendere in esame con uno sguardo nuovo a tutto il sistema agro alimentare italiano. Dal 2015 è entrato nel comitato scientifico di Hortives, nato a Milano con lo scopo di conservare il valore genetico degli ortaggi coltivati attualmente in orticoltura; riscoprire antiche varietà e specie ormai scomparse o sostituite dalle nuove varietà ibride; valorizzare ortaggi antichi; riscoprire vecchi sapori tradizionali e tipicità andate perdute.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Summer Fancy Food 2018, Oleificio Zucchi nella Grande Mela

Summer Fancy Food 2018, Oleificio Zucchi nella Grande Mela

In scena al Javits Center di New York dal 30 giugno al 2 luglio, il principale evento fieristico del Nordamerica riservato ai buyer del settore agroalimentare

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese