Venerdì 20 Luglio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

L'olio è That’s Garda!

L'olio extra vergine di oliva e il turismo. La prima edizione è per domenica 25 marzo, a Salò. Anche Olio Officina ci sarà. Cosa può insegnarci una iniziativa simile? Che cosa può apportare di nuovo oltre il già conosciuto ed esplorato? Sta qui la grande sfida di un evento che intende scommettere su nuovi visioni. Il turismo chiede di essere concepito ogni volta in modo originale e inconsueto, senza rinunciare alla grande tradizione dei viaggiatori. Avete presente il Grand Tour?

Maria Carla Squeo

L'olio è That’s Garda!

Quando si parla di turismo non tutti pensano che si possa associare la coltivazione degli olivi, la produzione d'olio e tutta la cultura che vi sta dietro anche a coloro che un territorio lo vivono da viaggiatori o da turisti, comunque da visitatori curiosi che vogliono saperne sempre di più e non si accontentano di fermarsi ai soliti percorsi.

Ecco allora un nuovo evento - a nome That’s Garda! -  dedicato proprio all'olio e al turismo. La prima edizione si svolgerà presso l’Antica Cascina San Zago di Salò e vi è un ricco programma di eventi dedicati all’olio extra vergine di oliva Dop Garda. Ovviamente quando si dice olio si dice anche cibo e di conseguenza territorio. Ecco allora le classiche degustazioni guidate e i banchi d'assaggio, perché poi alla fine le sole parole non bastano mai. Occorre sperimentare, in prima persona. Acquisire la curiosità di ciò che diventa un alimento che ci nutre. L'olio, dobbiamo ammetterlo, è quell'alimento che tutti ritengono frutto di abitudine e non ci pensano minimamente che va affrontato in altro modo: assaggiandolo, per esempio. L'approccio diretto serve moltissimo, apre alla conoscenza.

Tutto ha inizio al mattino, alle ore 9.45, visto che è domenica. Da non perdere questo inizio perché la tavola rotonda coordinata dal giornalista Carlos Mac Adden, presenti al tavolo di discussione Luigi Caricato, l'ideatore del progetto culturale di Olio Officina, e Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola. Nel corso del dibattito si parlerà, come è giusto che sia, di olio da olive, ma anche di vino e soprattutto di ospitalità, elementi cardine di un territorio come il Garda, dove la leva del paesaggio implica la sua valorizzazione, considerando questo aspetto anche in una logica che punti allo sviluppo e all'estensione del turismo oltre il confine ristretto del lago, andando dunque in campagna, là dove il lago assume un'altra connotazione. Tutto ciò, non manca di prendere in esame anche la stessa economia gardesana, fondata proprio sull'agricoltura e sul turismo del lago - e non solo, ovviamente.

Saranno presenti all'incontro il vicepresidente della Federazione Italiana Cuochi Carlo Bresciani, il Presidente del Consorzio Olio Garda DOP Andrea Bertazzi, i Presidenti del Consorzio Valtènesi Alessandro Luzzago, del Consorzio Tutela Lugana DOC Luca Formentini, il direttore del Consorzio Lago di Garda Lombardia Marco Girardi, il Presidente AIS Veneto Marco Aldegheri e Presidente AIS Lombardia Fiorenzo Detti. Un ricco parterre di personalità che possono contribuire a dare una lettura nuova alle logiche già acquisite del turismo, perché in fondo i turismo muta come muta la società e di conseguenza va ogni volta considerato in funzione di ciò che si ha davanti. Niente è immobile e immutato.

Al termine della tavola rotonda, alle ore 11, per l'esattezza, saranno premiati i vincitori del concorso interregionale che dà luogo al Premio Olio Garda Dop. L'iniziativa, rivolta agli studenti degli istituti alberghieri, è stata concepita insieme con la Federazione Italiana Cuochi, la testata giornalistica Italia a Tavola e con l'ausilio  di Pentole Agnelli. A esser premiato è il miglior piatto cucinato e condito con l'olio Garda Dop. Cosa andrà al vincitore? Qualcosa di concreto, come è giusto che sia. Un primo premio di 1000 euro, per chi vincerà in assoluto, e, per il secondo e il terzo classificato, la dotazione professionale di Pentole Agnelli.

Quando si dice cibo e olio, si dice anche brindisi. Per lo meno, questa è la regola. Ed ecco dunque l'aperitivo a cura di Amira, che l'Associazione Maîtres Italiani Ristoranti e Alberghi, e di Abi Professional, ovvero l'Associazione Barman Italia.

Anche il pomeriggio ha le sue tappe. Intanto con le degustazioni guidate a cura dei sommelier di AIS, con il seguente orario:

- 14.00 degustazione dei vini Valtenesi con l'introduzione al territorio da parte del Presidente del consorzio Alessandro Luzzago;

- 15.00 laboratorio di assaggio per imparare a degustare l'olio con Andrea Bertazzi, presidente del Consorzio olio Garda Dop;

- 16.00 degustazione di Lugana introdotta dal Presidente Luca Formentini.

La manifestazione consiste di un solo giorno di evento, ed è certamente un buon inizio. Sarà ovviamente aperta al pubblico, con un orario che va dalle 9.45 alle 18. L'iniziativa è  promossa dal Consorzio dell'olio Dop Garda in collaborazione con le associazioni Ais Veneto e Ais Lombardia, nonché con Olio Officina, Consorzio Lago di Garda Lombardia, Consorzio Valtènesi, Consorzio Tutela Lugana Doc, ed inoltre patrocinata da Regione Lombardia, East Lombardy e Comunità del Garda.

Che aspettate? Noi di Olio Officina ci saremo.

 

 

La foto di apertura è di Gianfranco Maggio per Olio Officina

Maria Carla Squeo - 20-03-2018 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Sono Matteo Grandi, chef e patron del ristorante De Gusto Cuisine (San Bonifacio, in provincia di Verona), Claudio Sadler, chef e patron del Ristorante Sadler (Milano) e Antonello Sardi, chef del ristorante La Bottega del Buon Caffè (Firenze) i tre finalisti della seconda edizione del Premio Laudemio, rispettivamente nelle categorie “secondo piatto”, “primo piatto” e “antipasto”

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è elemento cardine

In cucina non si può prescindere dalla scelta di un ottimo olio extra vergine di oliva. Il principio ispiratore deve essere riconducibile al territorio: gli oli del territorio con gli alimenti del territorio. Nostra intervista allo chef Vincenzo Butticè, del Ristorante “Il Moro” di Monza, nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese