Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

Una mostra sul packaging e il visual design degli oli da olive al Simei

Si svolgerà nell’ambito del Simei, dal 19 al 22 novembre 2019, presso Fiera Milano, nella sede di Rho, la mostra “Le forme dell’Olio”, organizzata da Olio Officina. A supporto dell'inziiativa, un incontro tra esperti che prenderà in esame lo stato dell’arte per tutto ciò che concerne il packaging e il visual design applicato agli oli da olive, con un interessante confronto dialettico tra Italia e Spagna

OO M

Una mostra sul packaging e il visual design degli oli da olive al Simei

È passato il tempo in cui l’olio extra vergine di oliva veniva ritenuto un prodotto povero dall’immagine austera e severa. Da qualche anno a questa parte sono scesi in campo i migliori e più inventivi designer, con il dichiarato intento di cambiarne radicalmente la consueta percezione di generico e indistinto condimento.

La mostra LE FORME DELL’OLIO – organizzata da Olio Officina per il SIMEI –  si può visitare in tutti e quattro i giorni della manifestazione fieristica. La mostra sarà collocata nel padiglione riservato alla convegnistica, con le teche disposte sui quattro lati del perimetro della sala convegni. Il pubblico dei visitatori potrà prendere visione delle più rappresentative bottiglie e confezioni d’olio. Inoltre, per quanti lo vorranno, è possibile anche registrarsi e partecipare in qualità di giurati alla valutazione delle bottiglie esposte. Il voto darà seguito a un premio specifico, che sarà consegnato venerdì 7 febbraio 2020, nell’ambito della nona edizione di Olio Officina Festival a Milano.

SCARICA L'INVITO OMAGGIO AL SIMEI

L’olio extra vergine di oliva è cambiato, la qualità generale è di gran lunga superiore al passato, ma accanto alla qualità del contenuto è necessario che vi sia una qualità altrettanto elevata delle forme rappresentative. Tutto ha una evoluzione, e, così come è accaduto per i vini, ora anche gli oli possono esprimere il proprio fascino attrattivo. Oggi, infatti, è in atto un nuovo corso. Sollecitate dal mondo esterno, le aziende confezionatrici non disdegnano più l’abbigliaggio e procedono con un restyling delle proprie gamme produttive. La logica è molti chiara: un prodotto d’uso quotidiano può benissimo essere vestito con eleganza e stile, anche perché una buona presentazione esterna serve oltretutto a incrementare le vendite, così come a soddisfare la diffusa esigenza di bellezza, visto che tra i criteri di scelta da parte del consumatore c’è anche l’impatto estetico e non solo il prezzo più conveniente. 

Questa nuova visione contribuisce di fatto ad assegnare un valore più alto a una merce che nel corso degli ultimi decenni aveva invece costantemente perduto valore e scendendo di rango, a pura commodity. Il design rinnovato, da estendere anche agli oli di largo consumo e non solo a quelli di fascia premium, contribuisce senza dubbio a un nuovo riposizionamento sul mercato.

La mostra “Le forme dell’Olio”, organizzata da Olio Officina, si svolgerà dunque nell’ambito del Simei, dal 19 al 22 novembre, presso Fiera Milano, nella sede di Rho. In concomitanza con la mostra, martedì 21 novembre, le riviste Olio Officina Magazine Mercacei saranno protagoniste di un interessante confronto dialettico, fatto di parole e immagini, traItalia e Spagna sul fronte del packaging e del visual design applicato agli oli da olive.

SCARICA L'INVITO OMAGGIO AL SIMEI

OO M - 24-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo