Giovedì 12 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

Vinitaly è sempre Vinitaly

Una edizione, tutto sommato, da non perdere. In tanti, come Nanni Moretti, cominciano a chiedersi: “mi si nota di più se vengo o se non vengo?” Per molti piccoli, esserci ha il sapore di una certificazione di esistenza in vita. 

Felice Modica

Vinitaly è sempre Vinitaly

Domenica 7 Aprile avrà inizio a Verona la 53° edizione del Vinitaly, il Salone Internazionale dei Vini e dei Distillati. 95 mila metri quadrati di stand. Lo scorso anno si registrarono 128 mila presenze da 143 Paesi e ben 32 mila buyer esteri. Eppure, al di là dei numeri impressionanti, da veterano della manifestazione posso dire che il Vinitaly non è più quello di una volta.

Di quando al produttore bastava esser presente, magari con un piccolo stand in condominio, per concludere fior di affari. Spesso per vendere intere annate a volenterosi buyer d’oltreoceano.

La globalizzazione avvicina e rende tutto più facile, ma intensifica la competizione. D’altra parte, la congiuntura scoraggia le aziende dall’investire in fiere ed esposizioni, a volte rendendo più proficui incontri mirati, scambi diretti (anche) interculturali tra produttori e importatori. Le fiere costano e non garantiscono, di per sé, un risultato da portare a casa.

In tanti, come Nanni Moretti, cominciano a chiedersi: “mi si nota di più se vengo o se non vengo?”

Per molti piccoli, esserci ha il sapore di una certificazione di esistenza in vita. 

Allora, perché andare a Verona? Semplice, perché una fiera almeno bisogna farla. Tanto vale scegliere la più importante d’Italia, una tra le migliori del mondo. E poi, alla lunga, la presenza al Vinitaly paga. Prima o poi domanda e offerta s’incontrano e basta un buon incontro per ripagare i sacrifici di un’azienda. Potrei dirVi anche che Verona è bella, anzi bellissima, che tutta la manifestazione è una kermesse allegra e colorata, che espone l’Italia migliore, in tutte le sue sfaccettature, per così dire, da Torino a Pachino. Direi una mezza verità. Perché l’espositore, segnatamente il piccolo espositore – che poi è il tessuto connettivo di questa metropoli stagionale chiamata Vinitaly – qui è condannato agli arresti presso il domicilio del proprio stand. Il visitatore – quello sì – può girare, spostarsi – beato lui…- dalle bollicine della Franciacorta al Gewὔrztraminer del Trentino e poi annegare nelle dolcezze dei passiti di Pantelleria. Chi espone, se fa questo lavoro seriamente, deve limitare le proprie escursioni ai servizi igienici e, al più, a qualche temeraria puntata al bar.

Inoltre, non beve, non mangia – a meno che non produca un vino vegano e condivida lo stand con una nota marca di mortadella… (visto pure questo). Gli manca di installarsi su una colonna e contemplare le moltitudini che brulicano tra stand e corridoi col distacco ieratico dello stilita. Ma pronto a ghermire il buyer di passaggio o a sfoderare il suo miglior sorriso a 32 denti quando arriva il vecchio cliente.

Già Vinitaly è sempre Vinitaly. E ci salverà.

Corre voce che il comune di Verona, per rinsanguare le casse comunali, abbia intenzione di piazzare all’uscita della fiera numerose pattuglie della temibile polizia locale. Tutte munite di etilometro.

Funzionerebbe. E sarebbe più efficace delle manovre del Governo Monti…

Felice Modica - 08-03-2019 - Tutti i diritti riservati

Felice Modica

Agricoltore e giornalista. Produce olio, vino e birra nell'azienda di famiglia. Si occupa di libri. Adora i cani e i gatti. Passato ormai il mezzo secolo, è rimasto coi piedi saldamente sulle nuvole.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota stampa del Consorzio d tutela dell’Aceto Balsamico di Modena, intorno alle dichiarazioni diffuse da Armando De Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo, e pubblicate da Olio Officina Magazine. Scrive, in particolare, la presidente Mariangela Grosoli, che “il Consorzio continuerà in tutti i modi possibili a perseguire la difesa del prodotto, della denominazione, di un mercato trasparente ed etico, insieme alla tutela del consumatore e di una concorrenza leale”

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora