Mercoledì 20 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

Vinitaly è sempre Vinitaly

Una edizione, tutto sommato, da non perdere. In tanti, come Nanni Moretti, cominciano a chiedersi: “mi si nota di più se vengo o se non vengo?” Per molti piccoli, esserci ha il sapore di una certificazione di esistenza in vita. 

Felice Modica

Vinitaly è sempre Vinitaly

Domenica 7 Aprile avrà inizio a Verona la 53° edizione del Vinitaly, il Salone Internazionale dei Vini e dei Distillati. 95 mila metri quadrati di stand. Lo scorso anno si registrarono 128 mila presenze da 143 Paesi e ben 32 mila buyer esteri. Eppure, al di là dei numeri impressionanti, da veterano della manifestazione posso dire che il Vinitaly non è più quello di una volta.

Di quando al produttore bastava esser presente, magari con un piccolo stand in condominio, per concludere fior di affari. Spesso per vendere intere annate a volenterosi buyer d’oltreoceano.

La globalizzazione avvicina e rende tutto più facile, ma intensifica la competizione. D’altra parte, la congiuntura scoraggia le aziende dall’investire in fiere ed esposizioni, a volte rendendo più proficui incontri mirati, scambi diretti (anche) interculturali tra produttori e importatori. Le fiere costano e non garantiscono, di per sé, un risultato da portare a casa.

In tanti, come Nanni Moretti, cominciano a chiedersi: “mi si nota di più se vengo o se non vengo?”

Per molti piccoli, esserci ha il sapore di una certificazione di esistenza in vita. 

Allora, perché andare a Verona? Semplice, perché una fiera almeno bisogna farla. Tanto vale scegliere la più importante d’Italia, una tra le migliori del mondo. E poi, alla lunga, la presenza al Vinitaly paga. Prima o poi domanda e offerta s’incontrano e basta un buon incontro per ripagare i sacrifici di un’azienda. Potrei dirVi anche che Verona è bella, anzi bellissima, che tutta la manifestazione è una kermesse allegra e colorata, che espone l’Italia migliore, in tutte le sue sfaccettature, per così dire, da Torino a Pachino. Direi una mezza verità. Perché l’espositore, segnatamente il piccolo espositore – che poi è il tessuto connettivo di questa metropoli stagionale chiamata Vinitaly – qui è condannato agli arresti presso il domicilio del proprio stand. Il visitatore – quello sì – può girare, spostarsi – beato lui…- dalle bollicine della Franciacorta al Gewὔrztraminer del Trentino e poi annegare nelle dolcezze dei passiti di Pantelleria. Chi espone, se fa questo lavoro seriamente, deve limitare le proprie escursioni ai servizi igienici e, al più, a qualche temeraria puntata al bar.

Inoltre, non beve, non mangia – a meno che non produca un vino vegano e condivida lo stand con una nota marca di mortadella… (visto pure questo). Gli manca di installarsi su una colonna e contemplare le moltitudini che brulicano tra stand e corridoi col distacco ieratico dello stilita. Ma pronto a ghermire il buyer di passaggio o a sfoderare il suo miglior sorriso a 32 denti quando arriva il vecchio cliente.

Già Vinitaly è sempre Vinitaly. E ci salverà.

Corre voce che il comune di Verona, per rinsanguare le casse comunali, abbia intenzione di piazzare all’uscita della fiera numerose pattuglie della temibile polizia locale. Tutte munite di etilometro.

Funzionerebbe. E sarebbe più efficace delle manovre del Governo Monti…

Felice Modica - 08-03-2019 - Tutti i diritti riservati

Felice Modica

Agricoltore e giornalista. Produce olio, vino e birra nell'azienda di famiglia. Si occupa di libri. Adora i cani e i gatti. Passato ormai il mezzo secolo, è rimasto coi piedi saldamente sulle nuvole.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria