18 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

Vinitaly è sempre Vinitaly

Una edizione, tutto sommato, da non perdere. In tanti, come Nanni Moretti, cominciano a chiedersi: “mi si nota di più se vengo o se non vengo?” Per molti piccoli, esserci ha il sapore di una certificazione di esistenza in vita. 

Felice Modica

Vinitaly è sempre Vinitaly

Domenica 7 Aprile avrà inizio a Verona la 53° edizione del Vinitaly, il Salone Internazionale dei Vini e dei Distillati. 95 mila metri quadrati di stand. Lo scorso anno si registrarono 128 mila presenze da 143 Paesi e ben 32 mila buyer esteri. Eppure, al di là dei numeri impressionanti, da veterano della manifestazione posso dire che il Vinitaly non è più quello di una volta.

Di quando al produttore bastava esser presente, magari con un piccolo stand in condominio, per concludere fior di affari. Spesso per vendere intere annate a volenterosi buyer d’oltreoceano.

La globalizzazione avvicina e rende tutto più facile, ma intensifica la competizione. D’altra parte, la congiuntura scoraggia le aziende dall’investire in fiere ed esposizioni, a volte rendendo più proficui incontri mirati, scambi diretti (anche) interculturali tra produttori e importatori. Le fiere costano e non garantiscono, di per sé, un risultato da portare a casa.

In tanti, come Nanni Moretti, cominciano a chiedersi: “mi si nota di più se vengo o se non vengo?”

Per molti piccoli, esserci ha il sapore di una certificazione di esistenza in vita. 

Allora, perché andare a Verona? Semplice, perché una fiera almeno bisogna farla. Tanto vale scegliere la più importante d’Italia, una tra le migliori del mondo. E poi, alla lunga, la presenza al Vinitaly paga. Prima o poi domanda e offerta s’incontrano e basta un buon incontro per ripagare i sacrifici di un’azienda. Potrei dirVi anche che Verona è bella, anzi bellissima, che tutta la manifestazione è una kermesse allegra e colorata, che espone l’Italia migliore, in tutte le sue sfaccettature, per così dire, da Torino a Pachino. Direi una mezza verità. Perché l’espositore, segnatamente il piccolo espositore – che poi è il tessuto connettivo di questa metropoli stagionale chiamata Vinitaly – qui è condannato agli arresti presso il domicilio del proprio stand. Il visitatore – quello sì – può girare, spostarsi – beato lui…- dalle bollicine della Franciacorta al Gewὔrztraminer del Trentino e poi annegare nelle dolcezze dei passiti di Pantelleria. Chi espone, se fa questo lavoro seriamente, deve limitare le proprie escursioni ai servizi igienici e, al più, a qualche temeraria puntata al bar.

Inoltre, non beve, non mangia – a meno che non produca un vino vegano e condivida lo stand con una nota marca di mortadella… (visto pure questo). Gli manca di installarsi su una colonna e contemplare le moltitudini che brulicano tra stand e corridoi col distacco ieratico dello stilita. Ma pronto a ghermire il buyer di passaggio o a sfoderare il suo miglior sorriso a 32 denti quando arriva il vecchio cliente.

Già Vinitaly è sempre Vinitaly. E ci salverà.

Corre voce che il comune di Verona, per rinsanguare le casse comunali, abbia intenzione di piazzare all’uscita della fiera numerose pattuglie della temibile polizia locale. Tutte munite di etilometro.

Funzionerebbe. E sarebbe più efficace delle manovre del Governo Monti…

Felice Modica - 08-03-2019 - Tutti i diritti riservati

Felice Modica

Agricoltore e giornalista. Produce olio, vino e birra nell'azienda di famiglia. Si occupa di libri. Adora i cani e i gatti. Passato ormai il mezzo secolo, è rimasto coi piedi saldamente sulle nuvole.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
I migliori Oli di Famiglia

I migliori Oli di Famiglia

In Puglia c'è un concorso speciale, rivolto ai non professionisti, ovvero agli olivicoltori dilettanti. L'idea è partita quasi per caso, ma c'era comunque  tutta una visione dietro e una progettualità. Le recensione di un olio spagnolo e di un olio italiano > Mimmo Lavacca

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo