Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

Wooe 2019, si inizia

SPECIALE WOOE. L'atteso appuntamento a Madrid per i giorni 27 e 28 marzo è arrivato. Il World Olive Oil Exhibition si presenta con oltre 760 aziende espositrici provenienti da un totale di dieci paesi. La Spagna è protagonista e sarà rappresentata da dieci comunità autonome che rappresentano collettivamente il 98 per cento della produzione nazionale. Grandi attenzioni da ogni angolo del mondo per una manifestazione che si sta rivelando la più importante al mondo

OO M

Wooe 2019, si inizia

L'ottava edizione del World Olive Oil Exhibition inizia dunque domani, 27 marzo, e termina il 28. Un mercoledì e giovedì, presso l'IFEMA di Madrid, con la presenza di oltre 760 aziende espositrici provenienti da un totale di 10 paesi. Inoltre, la Spagna sarà rappresentata da 10 comunità autonome che rappresentano collettivamente il 98% della produzione nazionale.

A organizzare l'evento è Pomona Keepers, che tiene a evidenziare l'importante presenza delle imprese olearie marocchine e il consolidamento della fiera a livello internazionale.
 
L'organizzazione si aspetta una presenza significativa di acquirenti da tutto il mondo, oltre a una trentina di membri del Coi, che si incontrano in questi giorni in un comitato consultivo proprio a Madrid, facilitando così la loro partecipazione al WOOE.

Importante il  ruolo di Extenda, l'Agenzia andalusa di promozione estera.
 
Una delle novità di WOOE è The Olive Oil Corner, uno spazio per piccole degustazioni e presentazioni di prodotti. La WOOE Challenge, la prima edizione del concorso di insalate della fiera, che cerca la combinazione migliore per gli EVOO delle quattro DOP di Castilla La Mancha, sarà anche uno dei protagonisti di questo spazio.

WOOE ospiterà inoltre la presentazione in esclusiva dei 100 migliori EVOO del mondo secondo gli EVOOLEUM Awards, quelli che appariranno nella prossima guida EVOOLEUM 2020. Proprio il 27 marzo, alle 13.00, nel Conference Room, alla presenza di Juan A. Peñamil e Pandora Peñamil, direttori rispettivamente della guida EVOOLEUM, e José María Penco, direttore del concorso. Il 28 marzo, alle ore 11, José María Penco condurrà una degustazione di alcune delle vergini extra scelte agli EVOOLEUM Best of Class Awards.

Si tratta della quarta edizione del concorso internazionale EVOOLEUM Awards, che ha riunito i migliori degustatori del mondo a marzo per valutare i campioni presentati a questa edizione. Secondo i suoi organizzatori - AEMO e Grupo Editorial Mercacei - questa è l'edizione di maggior successo di una competizione che ha superato di gran lunga tutte le aspettative e il numero di EVOO ricevuti nelle precedenti edizioni.

La sua giuria, composta dai 23 più importanti assaggiatori del mondo, ha valutato i succhi di Spagna, Italia, Portogallo, Grecia, Francia, Croazia, Slovenia, Turchia, Israele, Marocco, Cile, Giordania, Arabia Saudita, Sud Africa, Tunisia, Stati Uniti , Malta, Germania o Giappone - quest'ultima come novità quest'anno - presentati a questa edizione del concorso.

Il World Meeting of Olive Oil riconosce l'eccellenza del settore olivicolo con la seconda edizione dei WOOE Awards. L'obiettivo del Premio è concentrarsi su professionisti, aziende, progetti e prodotti che contribuiscono al miglioramento e al progresso del settore olivicolo. La cerimonia di premiazione si terrà mercoledì 27 alle 11.45, presso l'IFEMA Madrid, nella sala conferenze della fiera.

Riconoscimento del lavoro divulgativo della conoscenza, per il Consiglio Provinciale di Jaén e Caja Rural Foundation di Jaén per l'edizione del manuale L'olivicoltura internazionale presentato nei cinque continenti e tradotto in sei lingue.
 
Riconoscimento per lo sviluppo del modello strategico aziendale, per Aceites García de la Cruz.
 
Riconoscimento per la progettazione, lo sviluppo e l'attuazione di un piano di promozione e divulgazione per un settore economico, per l'olio interprofessionale di Orujo de Oliva.
 
Riconoscimento dell'attività di promozione internazionale dell'olio d'oliva, per l'Office National de l'Huile de la République Tunisienne.
 
Riconoscimento del lavoro di internazionalizzazione come strategia aziendale, per Borges International Group.
 
Inoltre, la World Oil Oil Exhibition premia i prodotti più innovativi con l'olio da olive.
 

Il Marocco sarà il paese ospite nell'ottava edizione della World Oil Oil Exhibition. Il Regno del Marocco avrà una presenza speciale nelle conferenze e degustazioni, oltre che nell'Area Gourmet della fiera.

Kike Piñeiro, chef e comproprietario del ristorante A horta d'Obradoiro, guiderà i visitatori viaggiando attraverso diversi paesi mediterranei e altri paesi limitrofi attraverso l'olio d'oliva nella zona gourmet WOOE. I protagonisti saranno: Marocco, Spagna, Tunisia, Turchia, Bulgaria e Iran.

Inoltre, la Diputación de Córdoba parteciperà per la prima volta all'incontro per sostenere l'importante presenza di mulini delle sue quattro DOP: Priego de Córdoba, Baena, Lucena Oil e Montoro - Adamuz.

Spazio non solo per l'olio extra vergine di oliva, ma anche per l'olio di sansa. "Siamo un esempio di internazionalizzazione, ora stiamo cercando il riconoscimento a casa", è quanto ha affermato José Luis Maestro Sánchez-Cano, presidente di Oriva, l'Interprofesional de Orujo de Oliva Oil.

Oriva vanta una grande proiezione internazionale. Con 117.302 tonnellate prodotte nella stagione 2017/2018, la Spagna continua a guidare la produzione mondiale di olio di sansa di oliva, esportando l'85% della sua produzione. I principali mercati di destinazione sono l'Italia, il Portogallo e gli Stati Uniti, sebbene la mappa sia molto eterogenea, raggiungendo paesi come il Regno Unito, gli Emirati Arabi, la Cina, l'India o il Messico.

OO M - 26-03-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri