Sabato 16 Novembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

A Vieste l’olio è stato protagonista

Una intera settimana per celebrare il re dei grassi nel Gargano. L’olio extra vergine di oliva ha dimostrato di essere un "marcatore culturale” in grado di catalizzare le attenzioni al pari del mare. Gli olivi di Vieste e dintorni sono stati il paesaggio al quale si è potuto fare riferimento, persino per praticare lo yoga e ritrovare se stessi

 

OO M

A Vieste l’olio è stato protagonista

Dario Carlino, l’assessore all'agricoltura, allo sport e alle attività culturali del comune di Vieste, nei giorni della manifestazione era soddisfattissimo, così come peraltro ha dichiarato nel corso di un talk show cui ha partecipato anche il nostro direttore Luigi Caricato, come relatore: “Vieste – ha detto Carlino – è nel G20 del turismo e ne siamo fieri. Oltre al mare, ci sono anche gli olivi, da noi, molto importanti. La campagna è bella e non manca di fascino: attrae. Per questo crediamo molto in un turismo che si estenda anche agli oliveti e ad ogni altra coltivazione, che non si limiti solo al mare e al periodo estivo. Tutto è centrale nelle nostre attività e le attenzioni che riponiamo alle attività produttive sono molte e qualificate”.

Sabrina Pupillo, che della “Settimana dell’Olio” è stata l’anima propulsiva, ha messo in evidenza il ruolo esercitato dalla cultura, anche se ha avvertito che di solito si da’ per scontato tutto, ma non è così. La cultura è fondamentale, perché non c’è solo la vendita dell’olio, ma vi è anche una esperienza che è da trasmettere e considerare un valore.
Fare reddito è fondamentale, perché tutto funzioni correttamente, ma attraverso la cultura si allarga l’orizzonte.

"La Settimana dell'olio di Vieste - ha dichiarato l’organizzatrice - è stata un'esperienza intensa e bellissima e la soddisfazione è tanta. Riuscire a realizzare ognuna delle tante attività in programma non era scontato e non è stato semplice ma possiamo dire che ce l'abbiamo fatta! I miei ringraziamenti vanno innanzitutto all'amministrazione comunale di Vieste nella persona di Dario Carlino, assessore all'agricoltura, che ha ideato e voluto fortemente questa manifestazione per dare valore al prodotto principe della nostra terra. Lo ringrazio infinitamente perché quando alcuni mesi fa mi ha chiamata dicendomi 'Sabrina dobbiamo far crescere la Settimana dell'olio, dobbiamo creare un programma importante e strutturato che dia valore al prodotto' io mi sono quasi commossa; da lì ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo iniziato a lavorare fianco a fianco per l'organizzazione e la buona riuscita dell'evento. Dario è un grande amministratore ed è una di quelle persone che in ciò che fa ci mette anima, cuore e corpo, sempre operativo, sempre il primo ad arrivare e l'ultimo ad andare via. 


Un produttore del territorio, presente con il suo olio, Roberto Di Rodi, nel suo intervento non ha nascosto le sue preoccupazioni, poiché non è tutto oro quel che luccica: “la mia gioia – ha detto Di Rodi – è nel vendere l’olio. È un aspetto da non sottovalutare, perché non c’è stato un gran commercio di olio in quest’ultima annata: poche richieste di vendita all'ingrosso. Sarebbe l’ideale riuscire a vendere direttamente al consumatore”, ha detto. Ed effettivamente, curare il consumatore è l’unica strategia possibile per rilanciare una coltura, l’olivo, che richiede tempo, risorse e fatiche. Il consumatore deve capire il valore dell’olio e cercare di acquistare nei territori.

Antonella Tamborrino, docente universitaria, intervenuta al talk show, si concentra sull'importanza dell’innovare. “Innovare – ha detto –  significa introdurre un cambiamento. Un cambiamento di concetto e di approccio. Il settore vuole questo cambiamento?”

È questa la vera domanda che ha risuonato nella piazza in cui si è svolto l’incontro.
“Aiuta a essere competitivi, l’innovazione. Migliorare la qualità significa fare formazione e trasferire conoscenze. Niente può essere trascurato. Tutto è cruciale nella buona riuscita dei propositi che ci si prefigge. Sul fronte dell’olio, per esempio le innovazioni sono cruciali. Si parla di microonde, mentre nel 2011 ci sono state le prime applicazioni in ultrasuoni. Sul fronte delle innovazioni nei secoli ci sono stati pochi cambiamenti. Il decanter ha segnato un passaggio epocale, ma c’è molto da fare.


Interessante anche quanto si è detto sul fronte salutistico. Domenico Rogoli ha messo in luce la fondazione mediterranea, con l’obiettivo di diffondere la cultura della buona e sana alimentazione. “Ci stiamo allontanando da una alimentazione sana”, ha detto, “occorre far qualcosa”.

 

"Settimana dell'olio"

 

OO M - 11-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora