Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

OO M

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp


Una nota stampa a firma di Ezio Zigliani ci informa di un successo molto importante per la nota azienda che porta il nome di Giuseppe Cremonini. A imporsi su 19 aceti balsamici di Modena è stata una referenza, quella dell’Acetaia Giuseppe Cremonini, un 100% naturale, con una consistenza vellutata, un’alta densità (pari a 1,33 g/l), un 73% di mosto d’uva cotto e un invecchiamento in barrique di almeno 3 anni.

L’analisi comparata - di aceti balsamici di svariate fasce di prezzo – è stata effettuata da un panel di cinque esperti che hanno descritto l'aspetto visivo, quello olfattivo e il gusto, nonché la sensazione in bocca ed il retrogusto degli aceti. L’assaggio degli stesso è avvenuto con una diluizione di 1:10, di 1:5 e alle fine in purezza. L'aspetto degli aceti è stato registrato solo allo stato puro. Ogni assaggiatore ha degustato i prodotti in forma anonima più volte e nelle stesse condizioni. 

Nell’articolo del magazine Test, che è corredato da una dettagliata tabella completa di tutte le valutazioni, viene precisato che in degustazione l’aceto 5 Grappoli invecchiato Giuseppe Cremonini ha raggiunto il valore di eccellenza (che nella votazione tedesca corrisponde a “1”). Viene inoltre descritto come particolarmente corposo, aromatico, con acidità e dolcezza ben equilibrate, un’alta percentuale di mosto d'uva con un lungo periodo di maturazione.

L'Acetaia Giuseppe Cremonini è un'azienda di nuova generazione che sorge all'interno di una tenuta agricola di 40.000 m2, per la maggior parte coltivati a vigneto di Lambrusco Grasparossa Igt e Trebbiano Doc, uve tipiche del territorio utilizzate per il rinomato Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop. Lo stabilimento, progettato e realizzato basandosi su tecnologie di processo all’avanguardia per sposare tradizione, qualità ed efficienza, si può definire un modello di riferimento per l’intero settore. Accanto al moderno stabilimento sorge l’acetaia tradizionale di famiglia.

Coraggio, passione e attesa: sono questi i valori sui quali Giuseppe Cremonini ha costruito l'acetaia che porta il suo nome. Questi valori sono oggi interpretati dai figli Angelo, Camillo ed Elisabetta e si possono ritrovare in tutti i prodotti. Acetaia Giuseppe Cremonini fa parte del Gruppo Olitalia, interamente di proprietà della famiglia Cremonini, azienda leader nel settore del confezionamento e della commercializzazione di oli alimentari e condimenti, distribuita in più di 120 Paesi nel mondo.



OO M - 12-05-2020 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri