Giovedì 24 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Festambiente 2018, la sostenibilità di Oleificio Zucchi al Festival Internazionale di Legambiente

Una Blending Experience, per sperimentare come nasce un extra vergine ricco di gusto e sensazioni olfattive. E, inoltre, i prodotti dell'azienda lombarda impreziosiranno i piatti che lo chef Giuseppe Capano preparerà durante gli showcooking previsti nei giorni della manifestazione

OO M

Festambiente 2018, la sostenibilità di Oleificio Zucchi al Festival Internazionale di Legambiente

Nota stampa di Noesis. Oleificio Zucchi, che da oltre duecento anni produce oli da oliva e da semi attenti all’ambiente e alla trasparenza, sostiene ancora una volta Legambiente a Festambiente, la kermesse annuale dell’associazione in scena dal 10 al 19 agosto a Rispescia (Grosseto). La storica azienda cremonese sarà sponsor tecnico dell’evento, che quest’anno festeggia il suo trentennale, e s’inserirà in una cornice di mostre, conferenze e spettacoli con diverse iniziative.

Per immergersi nell’affascinante mondo dell’olio extra vergine, ricco di sapori e tradizioni, giovedì 16 agosto gli esperti Blendmaster Zucchi condurranno gli ospiti nella Blending Experience, per sperimentare come nasce un extra vergine ricco di gusto e sensazioni olfattive, trasformando lo spazio Officina dei Sapori in un laboratorio di sapori inebrianti. L’evento è a numero chiuso con un tetto massimo di 20 adesioni – iscrizioni in loco.

I prodotti Zucchi impreziosiranno poi i piatti che lo chef Giuseppe Capano preparerà durante gli showcooking previsti nei giorni della manifestazione. 

Nella giornata di domenica 19 agosto, inoltre, Giovanni Zucchi, Vicepresidente di Oleificio Zucchi, racconterà il continuo lavoro dell’azienda verso pratiche di produzione sostenibili e trasparenti, nel contesto della tavola rotonda “La vera agricoltura, sostenibile e di qualità. Un patto per tutelare la biodiversità agroalimentare e il made in Italy”, coordinata da Filippo Solibello di RaiRadio2 e che vedrà la partecipazione di Gianpaolo Vallardi, Presidente Commissione agricoltura del Senato, e di altri opinion leader quali ilPresidente nazionale Legambiente Stefano Ciafani, il Presidente nazionale Coldiretti Roberto Moncalvo e Angelo Gentili, responsabile nazionale Agricoltura Legambiente.

“Crediamo fortemente che la sostenibilità, insieme con altri elementi quali la cura delle materie prime, la trasparenza, la ricerca della qualità, sia fondamentale per valorizzare lo straordinario patrimonio di produzione e trasformazione agroalimentare del nostro Paese. Insieme a Legambiente perseguiamo da anni questo approccio, e la nostra partecipazione a Festambiente non fa che sottolineare il nostro impegno per una produzione attenta, sana e rispettosa della biodiversità, della materia prima e dei lavoratori” – afferma Giovanni Zucchi, Vicepresidente di Oleificio Zucchi. – “La nostra azienda ha scelto inoltre per prima di valorizzare il blending, per diffondere la cultura dell’olio da olive e per sensibilizzare i consumatori a un consumo consapevole di questo straordinario prodotto: ogni passaggio nella filiera è importante, ed è per questo che vogliamo che anche i nostri consumatori abbiano la possibilità di conoscere la cura che poniamo in tutte le fasi produttive dei nostri oli”.

Oleificio Zucchi sarà presente nelle diverse aree tematiche del Festival con i suoi prodotti della gamma “Consigliati da Legambiente”: i due extra vergine d’oliva della linea Sostenibile certificata CSQA – il 100% Italiano e il Sostenibile dell’Unione europea - tracciabili in ogni fase della filiera dal campo alla tavola, e i tre oli di semi 100% italiani: Girasole, Soia non OGM e Friggimi con Girasole Altoleico. E ci sarà spazio per la bontà e l’eccellenza anche all’interno del Padiglione del Cibo Italiano e della dieta mediterranea, dove tra degustazioni, talk e un ricco calendario di eventi gli oli Zucchi faranno da ambasciatori del patrimonio culturale a tavola con la loro identità di gusto, qualità e benessere.

 

OO M - 06-08-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti