Sabato 10 Dicembre 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Gli oli Zucchi eletti “Prodotto dell’anno 2016“

E’ l’intera gamma, tra oli da seme ed extra vergini, quelli “Consigliati da Legambiente”, ad aver ricevuto il premio per l’innovazione “che ha meglio soddisfatto i consumatori nel loro bisogno di qualità, tracciabilità e sostenibilità garantite”

OO M

Gli oli Zucchi eletti “Prodotto dell’anno 2016“

Nota stampa di Sara Della Noce. I Consigliati da Legambiente, la gamma di oli extra vergine di oliva e oli di semi a marchio Zucchi nata dalla collaborazione tra Oleificio Zucchi e Legambiente Onlus, ha ricevuto ieri a Milano il prestigioso riconoscimento Eletto Prodotto dell’Anno 2016, premio che da 29 anni viene assegnato alle novità di prodotto più innovative in Italia e in altri 35 Paesi del mondo.

Introdotta sul mercato a luglio 2015, la linea Consigliati da Legambiente è stata premiata nella categoria Olio grazie al voto dei consumatori, che hanno indicato nelle sei referenze che compongono la gamma l’innovazione di prodotto che meglio ha soddisfatto il loro bisogno di garanzie sulla qualità, la sicurezza alimentare, la provenienza e la sostenibilità degli oli acquistati nel largo consumo.

Il logo Consigliati da Legambiente sulle etichette, infatti, distingue gli oli EVO (100% Italiano, Dolce Fruttato e Sinfonia) e di semi (Girasole, Soia non OGM e Prodotto per Friggere con Girasole Altoleico – tutti e tre di provenienza italiana), prodotti e confezionati secondo il disciplinare volontario messo a punto da Oleificio Zucchi con la consulenza di Legambiente che vincola l’intera filiera al rispetto di parametri qualitativi, di sicurezza e di tracciabilità ben più stringenti rispetto a quelli di legge.
A maggior garanzia di trasparenza, inoltre, il consumatore può acquisire ulteriori informazioni sulla provenienza del prodotto grazie al QrCode in etichetta, che stabilisce una connessione diretta tra il dispositivo mobile e il sito www.zucchi.com.

Con l’assegnazione del premio Eletto Prodotto dell’Anno 2016, le referenze della gamma Consigliati da Legambiente potranno fregiarsi di un ulteriore e autorevole logo distintivo che ne certifica l’innovatività e l’elevato gradimento da parte dei consumatori italiani. Il premio, infatti, si basa sulle valutazioni espresse online da un panel rappresentativo di oltre 12.000 consumatori in quella che è a tutt’oggi la più importante rilevazione di mercato sull’innovazione in Italia per numero di individui coinvolti.

“Siamo orgogliosi di questo riconoscimento da parte dei consumatori finali che hanno apprezzato le caratteristiche innovative di un progetto che rispecchia al 100% la nostra volontà di creare prodotti di alta qualità e al tempo stesso di comprovata sostenibilità” - ha dichiarato Giovanni Zucchi, Amministratore Delegato Oleificio Zucchi. “Sicuramente il logo Eletto Prodotto dell’Anno sarà parte integrante della comunicazione dei prodotti Consigliati da Legambiente perché siamo consapevoli della crescente sensibilità dei consumatori che non si accontentano più della sola novità in assortimento, ma esigono un’innovazione di prodotto che, alla verifica del consumo, si dimostri veramente all’altezza di ciò che promette”.

“Il mercato dell’olio, eccellenza tutta italiana, è per noi un settore strategico nel quale abbiamo deciso di intervenire per suggerire - ai consumatori e alle catene - prodotti di eccellenza e di qualità assoluta. L’assegnazione del premio Eletto Prodotto dell’Anno 2016 alla gamma di oli di Oleificio Zucchi, consigliati da Legambiente attraverso un disciplinare che impegna l’Azienda e i fornitori a un preciso percorso di affinamento qualitativo e di tracciabilità, conferma quanto la sostenibilità sia un valore premiante per le imprese e di quanto i consumatori siano attenti a queste tematiche” ha commentato Rossella Muroni, presidente Legambiente alla notizia della premiazione.

OO M - 11-03-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
I tanti volti degli oli La Selvotta

I tanti volti degli oli La Selvotta

Tutto prende corpo dagli olivi delle varietà Peranzana, Nebbio, I-77 e Gentile di Chieti. La famiglia Sputore a Vasto produce extra vergini di grande qualità, il blend Electum e la serie di monovarietali > Lorenzo Cerretani

RICETTE OLIOCENTRICHE
Il meglio della vita, anche in un'umile cipolla Oignon de Roscoff

Il meglio della vita, anche in un'umile cipolla Oignon de Roscoff

Nel 1647, Frère Cyril, un monaco cappuccino portò a Roscoff, i semi di questa cipolla di colore rosa-ramato, dal Portogallo. La costa Nord-Finisterre gode di un clima oceanico temperato con piogge regolari e questo bulbo trovò un ambiente ideale. Si presta molto bene a insaporire le insalate, da condire con un olio monovarietale di Tonda Iblea > Daniele Tirelli

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2014

In attesa della sesta edizione di Olio Officina Festival 2017, in programma a Milano dal 2 al 4 febbraio 2017, ecco in visione il succo dell'edizione 2014. Il teatro di scena è sempre Palazzo delle Stelline

BIBLIOTECA OLEARIA
Extravergine. La buona vita

Extravergine. La buona vita

Sarà presentato il primo dicembre, per le edizioni bolognesi Codicermes, un libro a più mani a cura di Daniela Utili, in cui il legame tra olio ricavato dalle olive e salute viene messo in grande evidenza. Le campagne di informazione e sensibilizzazione hanno solo in parte contribuito a indirizzare le scelte del consumatore verso extra vergini che mantengano integre le componenti bioattive presenti nel frutto e nell’olio. Ci vuole più informazione