Martedì 24 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Gli oli Zucchi eletti “Prodotto dell’anno 2016“

E’ l’intera gamma, tra oli da seme ed extra vergini, quelli “Consigliati da Legambiente”, ad aver ricevuto il premio per l’innovazione “che ha meglio soddisfatto i consumatori nel loro bisogno di qualità, tracciabilità e sostenibilità garantite”

OO M

Gli oli Zucchi eletti “Prodotto dell’anno 2016“

Nota stampa di Sara Della Noce. I Consigliati da Legambiente, la gamma di oli extra vergine di oliva e oli di semi a marchio Zucchi nata dalla collaborazione tra Oleificio Zucchi e Legambiente Onlus, ha ricevuto ieri a Milano il prestigioso riconoscimento Eletto Prodotto dell’Anno 2016, premio che da 29 anni viene assegnato alle novità di prodotto più innovative in Italia e in altri 35 Paesi del mondo.

Introdotta sul mercato a luglio 2015, la linea Consigliati da Legambiente è stata premiata nella categoria Olio grazie al voto dei consumatori, che hanno indicato nelle sei referenze che compongono la gamma l’innovazione di prodotto che meglio ha soddisfatto il loro bisogno di garanzie sulla qualità, la sicurezza alimentare, la provenienza e la sostenibilità degli oli acquistati nel largo consumo.

Il logo Consigliati da Legambiente sulle etichette, infatti, distingue gli oli EVO (100% Italiano, Dolce Fruttato e Sinfonia) e di semi (Girasole, Soia non OGM e Prodotto per Friggere con Girasole Altoleico – tutti e tre di provenienza italiana), prodotti e confezionati secondo il disciplinare volontario messo a punto da Oleificio Zucchi con la consulenza di Legambiente che vincola l’intera filiera al rispetto di parametri qualitativi, di sicurezza e di tracciabilità ben più stringenti rispetto a quelli di legge.
A maggior garanzia di trasparenza, inoltre, il consumatore può acquisire ulteriori informazioni sulla provenienza del prodotto grazie al QrCode in etichetta, che stabilisce una connessione diretta tra il dispositivo mobile e il sito www.zucchi.com.

Con l’assegnazione del premio Eletto Prodotto dell’Anno 2016, le referenze della gamma Consigliati da Legambiente potranno fregiarsi di un ulteriore e autorevole logo distintivo che ne certifica l’innovatività e l’elevato gradimento da parte dei consumatori italiani. Il premio, infatti, si basa sulle valutazioni espresse online da un panel rappresentativo di oltre 12.000 consumatori in quella che è a tutt’oggi la più importante rilevazione di mercato sull’innovazione in Italia per numero di individui coinvolti.

“Siamo orgogliosi di questo riconoscimento da parte dei consumatori finali che hanno apprezzato le caratteristiche innovative di un progetto che rispecchia al 100% la nostra volontà di creare prodotti di alta qualità e al tempo stesso di comprovata sostenibilità” - ha dichiarato Giovanni Zucchi, Amministratore Delegato Oleificio Zucchi. “Sicuramente il logo Eletto Prodotto dell’Anno sarà parte integrante della comunicazione dei prodotti Consigliati da Legambiente perché siamo consapevoli della crescente sensibilità dei consumatori che non si accontentano più della sola novità in assortimento, ma esigono un’innovazione di prodotto che, alla verifica del consumo, si dimostri veramente all’altezza di ciò che promette”.

“Il mercato dell’olio, eccellenza tutta italiana, è per noi un settore strategico nel quale abbiamo deciso di intervenire per suggerire - ai consumatori e alle catene - prodotti di eccellenza e di qualità assoluta. L’assegnazione del premio Eletto Prodotto dell’Anno 2016 alla gamma di oli di Oleificio Zucchi, consigliati da Legambiente attraverso un disciplinare che impegna l’Azienda e i fornitori a un preciso percorso di affinamento qualitativo e di tracciabilità, conferma quanto la sostenibilità sia un valore premiante per le imprese e di quanto i consumatori siano attenti a queste tematiche” ha commentato Rossella Muroni, presidente Legambiente alla notizia della premiazione.

OO M - 11-03-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Regole precise per considerare i claim degli oli da olive

Il segreto della longevità? La scienza lo ha dimostrato: l’olio extra vergine di oliva fa parte di questa “ricetta” di lunga vita. Si tratta di uno degli approfondimenti affrontati nella lectio magistralis tenuta di recente a Milano dal prof. Gabriele Riccardi, ordinario di Endocrinologia all'università Federico II di Napoli e diabetologo, oltre che specialista della nutrizione umana. Nostra intervista allo studioso, membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nutrizionale Carapelli onlus

BIBLIOTECA OLEARIA
Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?