Lunedì 30 Maggio 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Gli oli Zucchi eletti “Prodotto dell’anno 2016“

E’ l’intera gamma, tra oli da seme ed extra vergini, quelli “Consigliati da Legambiente”, ad aver ricevuto il premio per l’innovazione “che ha meglio soddisfatto i consumatori nel loro bisogno di qualità, tracciabilità e sostenibilità garantite”

OO M

Gli oli Zucchi eletti “Prodotto dell’anno 2016“

Nota stampa di Sara Della Noce. I Consigliati da Legambiente, la gamma di oli extra vergine di oliva e oli di semi a marchio Zucchi nata dalla collaborazione tra Oleificio Zucchi e Legambiente Onlus, ha ricevuto ieri a Milano il prestigioso riconoscimento Eletto Prodotto dell’Anno 2016, premio che da 29 anni viene assegnato alle novità di prodotto più innovative in Italia e in altri 35 Paesi del mondo.

Introdotta sul mercato a luglio 2015, la linea Consigliati da Legambiente è stata premiata nella categoria Olio grazie al voto dei consumatori, che hanno indicato nelle sei referenze che compongono la gamma l’innovazione di prodotto che meglio ha soddisfatto il loro bisogno di garanzie sulla qualità, la sicurezza alimentare, la provenienza e la sostenibilità degli oli acquistati nel largo consumo.

Il logo Consigliati da Legambiente sulle etichette, infatti, distingue gli oli EVO (100% Italiano, Dolce Fruttato e Sinfonia) e di semi (Girasole, Soia non OGM e Prodotto per Friggere con Girasole Altoleico – tutti e tre di provenienza italiana), prodotti e confezionati secondo il disciplinare volontario messo a punto da Oleificio Zucchi con la consulenza di Legambiente che vincola l’intera filiera al rispetto di parametri qualitativi, di sicurezza e di tracciabilità ben più stringenti rispetto a quelli di legge.
A maggior garanzia di trasparenza, inoltre, il consumatore può acquisire ulteriori informazioni sulla provenienza del prodotto grazie al QrCode in etichetta, che stabilisce una connessione diretta tra il dispositivo mobile e il sito www.zucchi.com.

Con l’assegnazione del premio Eletto Prodotto dell’Anno 2016, le referenze della gamma Consigliati da Legambiente potranno fregiarsi di un ulteriore e autorevole logo distintivo che ne certifica l’innovatività e l’elevato gradimento da parte dei consumatori italiani. Il premio, infatti, si basa sulle valutazioni espresse online da un panel rappresentativo di oltre 12.000 consumatori in quella che è a tutt’oggi la più importante rilevazione di mercato sull’innovazione in Italia per numero di individui coinvolti.

“Siamo orgogliosi di questo riconoscimento da parte dei consumatori finali che hanno apprezzato le caratteristiche innovative di un progetto che rispecchia al 100% la nostra volontà di creare prodotti di alta qualità e al tempo stesso di comprovata sostenibilità” - ha dichiarato Giovanni Zucchi, Amministratore Delegato Oleificio Zucchi. “Sicuramente il logo Eletto Prodotto dell’Anno sarà parte integrante della comunicazione dei prodotti Consigliati da Legambiente perché siamo consapevoli della crescente sensibilità dei consumatori che non si accontentano più della sola novità in assortimento, ma esigono un’innovazione di prodotto che, alla verifica del consumo, si dimostri veramente all’altezza di ciò che promette”.

“Il mercato dell’olio, eccellenza tutta italiana, è per noi un settore strategico nel quale abbiamo deciso di intervenire per suggerire - ai consumatori e alle catene - prodotti di eccellenza e di qualità assoluta. L’assegnazione del premio Eletto Prodotto dell’Anno 2016 alla gamma di oli di Oleificio Zucchi, consigliati da Legambiente attraverso un disciplinare che impegna l’Azienda e i fornitori a un preciso percorso di affinamento qualitativo e di tracciabilità, conferma quanto la sostenibilità sia un valore premiante per le imprese e di quanto i consumatori siano attenti a queste tematiche” ha commentato Rossella Muroni, presidente Legambiente alla notizia della premiazione.

OO M - 11-03-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
La versatilità del Riserva Oro di Masseria delle Sorgenti

La versatilità del Riserva Oro di Masseria delle Sorgenti

Avete notato che non tutti gli extra vergini hanno il dono di essere adatti ad ogni impiego? Il blend di olive Frantoio, Leccino e Pendolino, prodotto in Campania dalla famiglia Pontecorvo, proprio là dove viene estratta l’acqua Ferrarelle, ha questa specifica virtù > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Tutti a chiedere i Fil di ferro

Tutti a chiedere i Fil di ferro

Se dici ricetta oliocentrica, il pensiero corre subito ad Antonio Ruggiero. Lui parte sempre dall’olio ricavato dalle olive, che considera un prezioso succo di frutta da cui non si può prescindere. La ricetta parte da una pasta lunga tipo piccola bavettina che ha come base aglio, olio e peperoncino

GIRO WEB
La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO
loading...

L'olio nei ristoranti. Cosa accade veramente nelle cucine?

Perché i grandi chef disdegnano l'olio da olive? Perché nei locali più frequentati si insiste con il rabboccare le bottiglie d'olio? E, soprattutto, perché non hanno successo le "carte degli oli"? Dialogo di Luigi Caricato con il critico gastronomico del Corriere della Sera Valerio M. Visintin e la scrittrice e sommelier Ilaria Santomanco. Tutti a celebrare gli chef, tutti a osannare la ristorazione, ma sono davvero così attenti verso un ingrediente come l'olio extra vergine di oliva, tanto significativo e centrale quanto di fatto ancora  poco considerato?

BIBLIOTECA OLEARIA
La cultura alta dell’olio

La cultura alta dell’olio

C’è una pubblicazione, difficile e rara da trovare, ma che si può comunque individuare nelle più importanti biblioteche. Si intitola La Riviera Ligure. Momenti di una rivista ed era stata editata da Sagep, frutto di una mostra che si svolse a Milano dal 6 al 30 giugno 1986, a cura di Pino Boero e Maria Novaro > Carlotta Baltini Roversi