Lunedì 20 Novembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Il coraggio della ricostruzione

Puntualizzazioni. Non si capisce perché Alessandro Leogrande, nel suo bel ritratto radiofonico della figura di Manlio Rossi-Doria, sulla scia di Piero Bevilacqua, attribuisca allo studioso meridionalista un giudizio negativo sulla riforma agraria

Alfonso Pascale

Il coraggio della ricostruzione

Nel giudicare la politica agraria del secondo dopoguerra, Manlio Rossi-Doria ha sempre distinto i primi cinque sei anni di intervento pubblico dal periodo successivo.

Egli infatti scrive: "Per i primi anni non si può negare che il coraggioso processo di ricostruzione dell'agricoltura sia stato sostenuto, in alcuni settori vigorosamente, dalle leggi e dal pubblico intervento; allo stesso modo che non si può negare che la profonda esigenza di rinnovamento e di giustizia sociale, dopo aver trovato chiara espressione nella Costituzione repubblicana, abbia anche trovato, sotto la pressione delle agitazioni contadine, concreta attuazione con la legge di riforma agraria e sui contratti agrari, oltre che con l'estendimento della previdenza sociale alle classi agricole".

Per la fase successiva e per gli altri settori della politica agraria, il giudizio di Rossi-Doria si fa estremamente severo fino a dire che "riprendono piede le visioni e le abitudini amministrative del peggior periodo della nostra storia, in uno sforzo, indubbiamente riuscito, di conservare intatta la struttura tradizionale della nostra agricoltura".

Se non si fa questa distinzione e non si attribuisce il giusto valore alla riforma agraria, al di là dei sui indubbi limiti, non si comprende la trasformazione dell'Italia da paese prevalentemente agricolo a paese prevalentemente industriale e il ruolo decisivo che, in tale trasformazione, ha svolto l'agricoltura ammodernata nei suoi assetti fondiari e nei suoi aspetti tecnici.

Per ascoltare Alessandro Leongrande, cliccare: QUI

 

Alfonso Pascale - 17-09-2014 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

Il libro - a cura di Eddo Rugini, Luciana Baldoni, Rosario Muleo e Luca Sebastiani - fornisce un'introduzione alla genetica, alla genomica e all’allevamento dell'olivo, pianta longeva e multifunzionale, rilevante non soltanto per la produzione di olive da tavola e da olio, ma anche per il paesaggio e per la storia delle zone rurali