Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

L’agricoltura biodinamica raccontata da un vignaiolo e un ortolano

L'appuntamento è in un luogo di cultura: la Libreria Baroni. La data è il 9 ottobre. La città è Lucca - ma va evidenziato che nell'intera provincia si registra la più alta percentuale in Italia di coltivazioni ispirate alla visione spirituale antroposofica del filosofo Rudolf Steiner. Scopo dell'incontro, è suggerire come immaginare una maniera diversa di coltivare per sé e per gli altri

Nicola Dal Falco

L’agricoltura biodinamica raccontata da un vignaiolo e un ortolano

Il 9 ottobre, a partire dalle 17.30, Saverio Petrilli, enologo della Tenuta di Valgiano e Federico Martinelli, ortolano a Saltocchio, racconteranno la loro esperienza di contadini biodinamici, spiegando quali sono i primi passi da fare per convertire la terra ad un’agricoltura senza chimica, libera cioè dai costi e gli abusi dei fertilizzanti e degli anticrittogamici.

Un scelta che si sta diffondendo al punto che, la provincia di Lucca è diventata la provincia italiana con la più alta percentuale di coltivazioni biodinamiche. Chi partecipa all’incontro non assisterà a una doppia conferenza, ma a una lezione di agricoltura alternativa che ha il principale scopo di suggerire come immaginare una maniera diversa di coltivare per sé e per gli altri.

«Il regime forzato e innaturale di alimentazione a cui l’agricoltura tradizionale sottopone la vigna – afferma Saverio Petrilli, nella foto in alto – rende il terreno compatto e duro. Confrontando due zolle, quella di un campo “fertilizzato” e quella di un campo dove si utilizza il corno letame, o composto 500, un grammo del quale, diluito e dinamizzato in un litro d’acqua contiene cinquecento milioni di microorganismi ed è in grado di sprigionarne il doppio, la differenza è lampante. Mentre la zolla del secondo, ricca di lombrichi, è soffice, respira e ha un sentore quasi floreale, l’altra è solida, serrata ed emana un inconfondibile odore di putrefazione».

«Di mio nonno – racconta Federico Martinelli, nella foto in alto – che all’inizio non poteva ammettere un cambiamento radicale nelle cose della campagna, contestando a fondo il passaggio al biologico, devo aver ereditato il gusto dell’osservazione, fondamentale per capire cosa succede dentro il campo. Me lo ricordo, fornito di una lentino tascabile, simile a quello degli orefici, guardarsi attorno, cogliendo questo o quello, osservandolo con calma. C’è una foto storica di piazza Anfiteatro, a Lucca, che risale agli anni Sessanta. Al centro della scena, tra ceste e cassette di ortaggi, spicca Daniele con le sue barbe rosse. Sicuramente, nella mia scelta di voltare pagina, maturata nel 2003, c’era l’odore dei veleni che usavamo, il puzzo innaturale di quelle sostanze. Una decisione etica, provocata e accompagnata da una sgradevole sensazione fisica».

L’incontro sarà allietato da un bicchiere di vino e qualche frutto dell’orto di Saltocchio. Oltre alla letteratura biodinamica saranno disponibili le dispense di Alex Podolinski, australiano socratico, maestro di molti biodinamici lucchesi.

 

Nella foto di apertura due zolle di terra a confronto: a sinistra quella di un campo biodinamico

Nicola Dal Falco - 03-10-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora