Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

L’olivicoltura a Piacenza c’è. E si fa in tre

Tutto nasce dalle persone che ci credono, e non è facile portare avanti progetti economicamente incerti, soprattutto quando non vi è un territorio noto e già collaudato. Esiste l’olio piacentino, ma non tutti se ne rendono conto subito. L’esperienza di Giampaolo Bononi, Mauro Carboni e Danilo Maggi

Maria Carla Squeo

L’olivicoltura a Piacenza c’è. E si fa in tre

Occorre crederci, e c’è chi non demorde e insiste affinché l’olivicoltura possa affermarsi perfino a Piacenza. Ci scrive Gianpaolo Bononi, comunicandoci lo stato dell’arte: "ho acquistato il frantoio più il lavatore-defogliatore per essere autonomo, insieme a Mauro Carboni e Danilo Maggi, che risultava già proprietario dell'unico locale autorizzato dall'Asl per la frangitura in provincia di Piacenza".

"Lo scorso anno - prosegue Bononi - abbiamo franto tra prodotto nostro e altre olive coltivate nel piacentino e nel parmense, circa 85 quintali di prodotto, che abbiamo nella maggior parte restituito ai produttori, i quali finalmente trovano, senza viaggiare in altri luoghi del nel nord Italia un punto autorizzato (per il bio) e del personale preparato.
Abbiamo anche registrato un marchio, Frantoio Piacentino, che evoca il territorio e riporta antichi fasti dell'olivo sulla via francigena nel 1300/1400”.

"Le olive frante - precisa Bononi - hanno dato degli ottimi risultati, con oli dal contenuto in polifenoli ragguardevole, visto che in alcune analisi si sono attestati su valori di circa 400/500, oltre a una acidità libera dello 0,01. Ho coinvolto i miei compagni di viaggio in questa privata iniziativa a nostre spese dopo avere provato ad inseguire un progetto associativo come co-fondatore/presidente e lasciato dopo un triennio per palese divergenze con i soci in merito agli obiettivi legati allo sviluppo dell'olivicoltura".

Chi sono i tre protagonisti di questo nuovo progetto olivicolo in provincia di Piacenza?Bononi risponde per tutti: “siamo tre persone con competenze fondamentali e attrezzature specifiche che si sono messe insieme per diventare il punto di riferimento territoriale per l’olivicoltura della provincia".

Le tre persone sono il già citato Gianpaolo Bononi, manager di grandi aziende nonché produttore, dal 2007, del “Primo extravergine Piacentino” (il virgolettato è di Bononi) che è stato chiamato Incanto Sublime, ottenuto a Gropparello, da 500 piante: Mauro Carboni, dottore agronomo, nonché esperto riconosciuto dell’olivicoltura piacentina e parmense, che da anni segue gli impianti più importanti e produttivi, dispensando suggerimenti e consulenze a tutti coloro che si avvicinano all’olivicoltura; e Danilo Maggi, imprenditore agricolo che ha investito sul futuro dell’olivo con la messa a dimora di circa 900 piante, dotandosi, tra l’altro, dell’unico locale autorizzato dall’Asl per la frangitura delle olive, l'imbottigliamento e lo stoccaggio dell'olio prodotto a Mirandola di Carpaneto Piacentino.

Da sinistra: Mauro Carboni, Gianpaolo Bononi, Danilo Maggi

Così, come ci comunicano i tre produttori, per la prima volta in provincia di Piacenza esiste un frantoio autorizzato e certificato. Si tratta di un Frantoio Tem da 100 kg, abbinato a un lavatore/defogliatore, collocato a Mirandola di Carpaneto Piacentino, presso l'azienda agricola Maggi.

"Il progetto - ci fanno sapere Bononi, Carboni e Maggi - non ha nessuna associazione di riferimento e nessun obbligo, ma solo la volontà di formare un gruppo di persone che condividano gli stessi obiettivi e che puntino a diventare il nucleo formativo dello sviluppo dell’olivicoltura piacentina”.

Il frantoio ha già fissato il giorno di apertura, il 10 ottobre, disponibile per la frangitura delle olive del territorio previa comunicazione; mentre a novembre sarà aperto tutti i fine settimana (Frantoio Az. Agricola Maggi: 0523/856035).

 

Nella foto di apertura: Gianpaolo Bononi

Maria Carla Squeo - 22-08-2016 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti