26 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

La Treccani apre ai prodotti con attestazione di origine. Pubblicata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana l’edizione 2020 dell’Atlante Qualivita

OO M

Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

Presentato a  Roma Atlante Qualivita - I prodotti agroalimentari e vitivinicoli italiani Dop Igp Stg - Le bevande spiritose italiane IG, con gli interventi della Ministra delle politiche agricole Teresa Bellanova e del Coordinatore S&D ComAgri del Parlamento europeo Paolo De Castro e le relazioni di Cesare Mazzetti Presidente Fondazione Qualivita, Riccardo Ricci Curbastro Presidente Federdoc, Cesare Baldrigfti Presidente OriGIn Italia, Massimo Bray Direttore Generale Istituto della Enciclopedia Italiana e Mauro Rosati Direttore Fondazione Qualivita.
 
Per la prima volta Treccani accoglie la cultura delle Indicazioni Geografiche e dei prodotti tipici italiani all’interno del corpus delle sue opere con la pubblicazione della decima edizione dell’Atlante Qualivita, il primo e unico volume a livello europeo dedicato alle produzioni certificate. Un riferimento “enciclopedico” realizzato da Fondazione Qualivita, in collaborazione con OriGIn Italia e Federdoc, per affermare il ruolo delle filiere italiane di qualità come elemento della cultura nazionale, a fianco di un inestimabile valore economico per il Paese.

L’Atlante Qualivita si pone come sintesi profonda di una ricchezza variegata grazie a 860 schede prodotto, suddivise in tre sezioni: prodotti agroalimentari (299 schede), prodotti vitivinicoli (526 schede) e bevande spiritose (35 schede realizzate in collaborazione con Assodistil), che descrivono dettagliatamente ognuna delle eccellenze italiane tutelate come Indicazione Geografica, attraverso informazioni su metodo   di lavorazione, storia, normative, caratteristiche nutrizionali e organolettiche dei prodotti stessi. Un rinnovato strumento di conoscenza destinato agli italiani, da sempre predisposti ad essere consumatori consapevoli e attenti ai concetti di autenticità ed origine.

Un valore culturale, quello dei prodotti Dop e Igp, testimoniato anche dalle strette connessioni con alcuni riconoscimenti in Italia dell’Unesco. Tra questi, i patrimoni culturali immateriali quali “La dieta mediterranea” (2013), “L’arte del pizzaiuolo napoletano” (2014), “La coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria” (2014), “L’arte dei muretti a secco” (2018) e i siti del patrimonio mondiale culturale e naturale quali “Val d’Orcia” (2004), “Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato” (2014) e “Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” (2019).

Un patrimonio inestimabile, quello delle Indicazioni Geografiche italiane, che emerge anche dalle indagi-ni realizzate da Ismea e Qualivita che hanno mappato oltre 600 Risorse Culturali - Beni architettonici e artistici fino alle opere letterarie - più di 200 Eventi incentrati e 150 Itinerari tutti intimamente legati alle produzioni Dop Igp .
 
 
Le dichiarazioni

L’edizione 2020 dell’Atlante Qualivita - ha dichiarato il ministro alle Politiche agricole Teresa Bellanova-  rappresenta un momento di grande importanza per l’universo delle produzioni a denominazione. Nel corso degli anni abbiamo assistito infatti con soddisfazione alla crescita significativa di un settore che possiamo definire a tutti gli effetti il fiore all’occhiello del patrimonio agroalimentare italiano. E oggi, col rafforzamento della preziosa collaborazione avviata con l’Istituto Treccani, registriamo un altro riconoscimento strategico, che ci restituisce con chiarezza quanto il valore delle denominazioni sia da ricercare prima di tutto nel carattere culturale che queste esprimono. Legame col territorio, tradizione e innovazione, memoria, saper fare tramandato nel tempo e difeso dai nostri imprenditori. Questi sono gli elementi alla base del successo del made in Italy nel mondo, che dobbiamo continuare a tutelare e promuovere con sempre maggiore convinzione e determinazione.

Cultura e prodotti agroalimentari Dop e Igp- ha dichiarato il  Coordinatore S&D ComAgri Parlamento UE e Pres. Comitato Scientifico Qualivita Paolo De Castro -costituiscono un binomio formidabile, che consente di va- lorizzare i territori coniugando le tante storie della provincia italiana. E l’Atlante Qualivita, oltre a confermarsi punto di riferimento e prezioso strumento di lavoro per gli operatori con i suoi oltre 800 prodotti, tra alimenti e vini, in questa edizione 2020 che vede Treccani come editore, diventa un “Testo unico” del sistema agroalimentare di qualità. Una pubblicazione ad alto valore aggiunto che descrive con perizia accademica e scientifica due degli assi di maggior pregio del made in Italy – Denominazioni d’Origine e Indicazioni Geografiche Protette riconosciute dall’Unione europea – e punte di diamante delle nostre esportazioni nel mondo.
 
È per me occasione - ha dichiarato il Direttore Generele Treccani Massimo Bray - di grande soddisfazione dare il benvenuto nel catalogo delle opere Treccani alla nuova edizione dell’Atlante Qualivita, che si arricchisce del contributo editoriale e culturale dell Istituto della Enciclopedia Italiana. L’Atlante Qualivita 2020, edito da Treccani, rappresenta uno strumento cardine per la conoscenza delle produzioni tipiche italiane e dei loro elementi distintivi. Treccani ha scelto di impegnarsi accanto a Fondazione Qualivita perché, oggi più che mai, avverte la necessità di promuovere in forma autorevole l’immagine dell’Italia produttiva nel mondo, collocando le varietà enogastronomiche del nostro Paese accanto agli altri elementi costitutivi del patrimonio culturale nazionale. Siamo convinti che sia possibile produrre ricchezza rispettando e valorizzando il nostro territorio, il nostro paesaggio, la nostra tradizione. E che la diplomazia culturale e l’amicizia fra i popoli possano passare anche dal riconoscimento e dalla promozione della cultura del cibo e del vino, le cui infinite specificità costituiscono l’articolata e affascinante mappa delle connessioni, antiche e più che mai vitali, tra l’uomo e il territorio in cui egli vive.

L’edizione 2020 dell’Atlante Qualivita - ha dichiarato il  Presidente Fondazione Qualivita Cesare Mazzetti - vede la luce con un partner editoriale d’eccezione, l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani. Dopo la creazione di Treccani Gusto, il primo dizionario online dei prodotti Dop e Igp, Fondazione Qualivita e Treccani hanno ulteriormente rafforzato il legame esistente, dando vita all’Atlante 2020 in questa nuova splendida veste. Ma non è certo solo l’abito a fare il monaco: la duplice firma del volume vuole testimoniare al mondo ciò che la nostra Fondazione ha sempre predicato, ovvero lo strettissimo legame esistente tra le produzioni agroalimentari italiane a Indicazione Geografica e la cultura dei territori da cui esse hanno origine.
 
Il lavoro svolto da Qualivita e Treccani,- ha dichiarato il  Presidente Federdoc Riccardo Ricci Curbastro - volto a racchiudere in un unico volume la grande varietà del patrimonio viticolo italiano e delle eccellenze che lo connotano, è fortemente apprezzato dalla Federdoc e dai suoi Consorzi di tutela associati. Tra i nostri scopi istituzionali e quelli dei Consorzi vi è la diffusione  e la conoscenza dell’unicità delle Denominazioni di origine, il raccontare il loro territorio, la loro storia  e le tradizioni viticole che si celano dietro ad una bottiglia, portando all’attenzione del pubblico anche l’impegno dei produttori nel conferire alle DO una qualità superiore, innovativa e sostenibile che distingue queste produzioni dalle altre. È per questo che appoggiamo il progetto della Fondazione Qualivita e dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani attraverso il quale si presenta al pubblico, racchiuso in un autorevole contenitore, parte del nostro sapere vitivinicolo.

L’Atlante Qualivita - ha dichiarato il  Presidente Origin Italia - raccoglie e valorizza l’eredità culturale di tutti i prodotti italiani a Indicazione Geografica, e rappresenta un punto di riferimento per la conoscenza delle produzioni tipiche di eccellenza, oltre che un ottimo viatico per tenere alta l’attenzione sul posizionamento delle Dop e delle Igp come valore culturale del nostro Paese. Il fatto che quest’anno per la prima volta sarà edito dall’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani non fa che confermarne il prestigio e l’autorevolezza; sarà più che mai un’occasione per lanciare le tipicità enogastronomiche italiane nel contesto internazionale.
 

OO M - 13-12-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo