Lunedì 23 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Mercato Usa a rischio crollo per gli extra vergini

L’export con i dazi minacciati da Trump sarebbe un danno enorme. Se gli Stati Uniti imponessero i dazi sui nostri prodotti, secondo le stime Assitol le aziende vedrebbero calare i fatturati di oltre il 50%, con un contraccolpo pesante anche per l’indotto. Le esportazioni di extra vergine, solo nel 2018, hanno creato valore per quasi 400 milioni di dollari.

OO M

Mercato Usa a rischio crollo per gli extra vergini

Export dimezzato negli Stati Uniti e calo dei fatturati di ben oltre il 50% per le imprese del settore e dell’indotto. E’ questa la stima elaborata da Assitol, l’Associazione Italiana dell’Industria Olearia, sugli effetti dei possibili dazi sul nostro olio extra vergine.

La definizione di una seconda lista di prodotti da tassare, decisa dall'amministrazione statunitense come rappresaglia contro la UE nella controversia delle sovvenzioni per Airbus, è da considerarsi un segnale assai preoccupante. In questo elenco, figura infatti anche l’olio extra vergine in bottiglia, di cui l’Italia è, insieme alla Spagna, uno dei primi esportatori in America, da sempre il più importante acquirente di oli d’oliva.

“Se l’Ustr, l’Ufficio per il commercio estero di Washington, attuasse queste prime indicazioni, imponendo una tassazione ad hoc – spiega Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di Assitol – l’intera filiera, a partire dall'olivicoltura, subirebbe danni gravissimi”. Con un dazio sul 100% del prodotto, infatti, il prezzo dell’extra vergine crescerebbe di almeno il doppio, rendendolo insostenibile per il consumatore americano e inducendo così i buyers americani a cercare altrove l’olio d’oliva, oppure ad individuare oli alternativi.

“Buona parte dell’olio extra vergine in bottiglia presente nei supermercati statunitensi è importato dall’Italia – ricorda la presidente degli imprenditori del settore -. Venendo meno il flusso europeo, che garantisce agli Stati Uniti l’80% dell’olio confezionato, si farà spazio ai prodotti dei nostri competitors, in particolare tra i nostri concorrenti del Nord-Africa, come Tunisia e Marocco. Anche ammesso che, in seguito, i dazi siano cancellati, sarà difficilissimo riconquistare il mercato perduto”.

In sintesi, le conseguenze dei prezzi alti e del mancato approvvigionamento in Italia causeranno “il taglio drastico del nostro export di oltre 50% e, al tempo stesso, la riduzione del fatturato delle aziende”. L’industria italiana, che negli ultimi decenni ha fatto conoscere a livello mondiale l’olio extra vergine, vende fuori dai confini circa il 60% delle sue produzioni, con un indotto importante nel packaging e nella logistica, che risentirebbero anch'essi di un duro contraccolpo. “Con il calo repentino delle esportazioni – aggiunge Anna Cane – tutto questo verrebbe messo in seria difficoltà”.

Il contraccolpo dei dazi, tuttavia, non sarebbe circoscritto al comparto oleario. L’export di olio d’oliva rappresenta una voce importante della nostra bilancia commerciale e, in generale, della nostra economia. “Nel 2018, secondo i nostri dati, l’export di olio d’oliva negli Stati Uniti si è attestato sulle 94 mila tonnellate – sottolinea la presidente -. Il solo extra vergine, che rappresenta il 66% di questo flusso, ha fruttato all'Italia quasi 400 milioni di dollari. L’agroalimentare è una delle poche voci ancora vivaci del nostro sistema economico e il venir meno di questa fonte di reddito potrebbe avere una ricaduta molto pesante per il sistema Paese”.

Per queste ragioni, Assitol chiede alle istituzioni di intervenire. “Abbiamo già scritto, sia tramite Fedolive, la nostra confederazione europea del settore, sia come Associazione, alle autorità competenti – precisa Anna Cane – ma quello che occorre è una seria presa di posizione dell’Italia, per scongiurare i possibili effetti dei dazi, prevenendone l’entrata in vigore”.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

 

Si ringrazia per la notizia Silvia Cerioli

OO M - 11-07-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

In cosa consiste la scelta consapevole di un olio?

L’agronomo Gianandrea Ettorre, di Palazzo di Varignana, intervistato nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione, spiega i criteri di abbinamento di un olio in cucina, in base al profilo sensoriale degli oli

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo