20 Agosto 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Pizzolivm, il primo extra vergine per la pizza napoletana

Nuove referenze. Olitalia si presenta con un 100% italiano il cui profilo organolettico è stato ideato, studiato e appositamente creato per condire e armonizzare gli ingredienti della vera pizza napoletana. Una iniziativa che ha permesso l’ingresso nell’Albo dei fornitori approvati dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, in conformità con quanto disposto dall’Università degli Studi “Federico II” di Napoli

OO M

Pizzolivm, il primo extra vergine per la pizza napoletana

Chi era a Olio Officina Festival ha potuto prendere visione della novità di Olitalia. In una nota diffusa dall’azienda di propriet’`ella famiglia Cremonini, si legge che "è il desiderio di valorizzazione del patrimonio gastronomico italiano e delle sue più radicate tradizioni che ha spinto Olitalia e l’Associazione Verace Pizza Napoletana a unirsi per dare vita al primo olio extra vergine di oliva 100% italiano pensato per l’abbinamento con la pizza".

"Pizzolivm - si legge sempre nella nota diffusa dall’azienda di Forlì - nasce da un rigido processo di selezione delle migliori cultivar del nostro territorio da parte di alcuni tra i maggiori esperti a livello nazionale e internazionale, in collaborazione con i pizzaioli dell’Associazione, che hanno testato l’olio sulla pizza fino a trovare quello dal profilo sensoriale perfetto per armonizzare al meglio gli ingredienti della vera pizza napoletana".

Pizzolivm, in particolare, si caratterizza per le sue note fruttate verdi, con un perfetto equilibrio tra amaro e piccante di media intensità e da un lieve sentore di pomodoro. Il matrimonio perfetto con la pizza e i suoi ingredienti.

"Come da tradizione e da disciplinare - si legge nella nota di Olitalia - l’olio viene aggiunto prima della cottura con un movimento a spirale per distribuirlo uniformemente e far sì che la pizza non si asciughi troppo. Ma può essere aggiunto anche a crudo dopo la cottura, e con Pizzolivm si unisce la tradizione partenopea con l’esperienza di una grande azienda dell’Emilia Romagna, in un perfetto connubio tutto all’insegna del Made in Italy gastronomico, che va valorizzato ed esportato".

L’iniziativa di Pizzolivm ha permesso a Olitalia di entrare a far parte dell’Albo dei fornitori approvati dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, in quanto si tratta di un olio extra vergine di oliva conforme alle specifiche del Disciplinare, nonché agli stessi parametri di qualità definiti dal Dipartimento di Scienza degli Alimenti della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi “Federico II” di Napoli.

Pizzolivm per Food Service premete di ampliare la gamma di prodotti “Olitalia Gourmet”, con due formati disponibili: la bottiglia da 500 ml, in contenitore in vetro, e la latta da 3 litri.

Il ruolo dell’Associazione Verace Pizza Napoletana è molto importante, tant’è che le regole necessarie per riconoscere come autentica la “vera pizza napoletana” si fonda su requisiti dai quali non si può prescindere.

L’impasto
Deve essere realizzato solo con acqua, sale, lievito e farina, fatto lievitare per un minimo di 8 ore e infine steso esclusivamente con le mani;

Gli ingredienti
Il pomodoro pelato e fresco, la mozzarella di bufala o fior di latte, le foglie di basilico fresco e l'olio extra vergine di oliva.

La cottura
Deve avvenire direttamente sul piano del forno a legna per 60-90 secondi in modo da ottenere una pizza facilmente ripiegabile su se stessa e con il cornicione gonfio, di colore dorato e privo di bruciature e bolle.

L’aspetto
Deve essere tonda e di diametro non superiore ai 35 cm.

L'armonia di gusto e sapore
Appena sfornata, la pizza napoletana ha il profumo intenso del pane, i sentori aciduli del pomodoro e della mozzarella, il flavour fruttato e piccante dell’olio extra vergine, l’erbaceo del basilico fresco e dell’origano.

 

OO M - 28-02-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L'apertivo insolito

L'apertivo insolito

La cipolla egiziana ligure marinata, le olive Taggiasche e l’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure. Ed è fatta. Ovvero: quando l'essenziale rende appetibile il necessario > Marco Damele

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo