Martedì 25 Settembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Premio De@Terra 2017 a Francesca Petrini

La nota azienda marchigiana è particolarmente sensibile al tema salutistico, tanto che qualche anno fa ha realizzato il primo olio funzionale al mondo, il Petrini plus - brevettato - con le vitamine D3, K1 e B6, atte a favorire l’assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa, dagli effetti comprovati da tests clinici

OO M

Premio De@Terra 2017 a Francesca Petrini

Annata doc anzi Igp per l’azienda olivicola Fattoria Petrini che può riassumersi in altissima qualità, ottime rese e qualità certificata “Marche”. L’ambito riconoscimento Igp Marche è infatti da poco arrivato e già tutti prenotati i primi lotti di produzione.

”Siamo molto orgogliosi di questo riconoscimento di cui nostro padre ne è stato tra i promotori all’inizio del lungo percorso che, insieme ad altri imprenditori locali, è sfociato nell’ottenimento dell’indicazione geografica protetta che nel caso delle Marche, coincide con una vera e propria Dop in quanto anche l’origine delle olive deve essere marchigiana” – racconta Francesca Petrini che insieme al fratello Cristiano continua una tradizione antica come la sua terra di Monte San Vito, particolarmente vocata alla produzione di olio.

“Per me e per mio fratello, la qualità dell’olio non può prescindere dalla salubrità delle olive in termini di assenza di pesticidi e sostanze chimiche di sintesi. Facciamo biologico da oltre 25 anni e oggi i nostri terreni vantano un alto contenuto di sostanza organica che vuol dire fertilità naturale e salute delle piante con i loro frutti.

”La Fattoria Petrini è particolarmente sensibile al tema salutistico tanto che qualche anno fa ha realizzato il primo olio funzionale al mondo, il Petrini plus – brevettato - con le vitamine D3,K1 e B6 atte a favorire l’assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa, dagli effetti comprovati da tests clinici, effettuati presso la facoltà di medicina dell’Università Politecnica delle Marche e l’Ospedale di Senigallia (An).

Non finisce qui perché lunedì 18 dicembre, Francesca Petrini, l’inventrice, è stata premiata a Roma con il “Premio De@Terra”, istituito dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali in collaborazione con l’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare). Prima in graduatoria, il riconoscimento è destinato alle migliori sei imprenditrici agricole italiane che si siano particolarmente distinte per l’introduzione di aspetti innovativi e multifunzionali nella conduzione della propria azienda a difesa del patrimonio naturalistico e ambientale.

In azienda, Francesca pratica l’intero controllo della filiera: dalla pianta al prodotto finito, passando dal frantoio aziendale. La grande innovazione dell’imprenditrice è appunto l’olio Petrini Plus, utile nel prevenire e contrastare l’osteoporosi ma in generale tutte le malattie a carico del tessuto osseo nonché l’ormai diffuso problema della carenza di calcio.

“L’idea che mi ha fatto vincere il premio mi è venuta in Giappone – ha spiegato - osservando la popolazione e quindi lo stile di vita. Mi sono chiesta: cosa meglio di un alimento che usiamo quotidianamente come l’olio d’oliva, può veicolare sostanze da assumere quotidianamente per garantire l’assunzione del minerale più importante cioè il calcio? E’ quindi nato l’olio Petrini Plus. A premiare Francesca Petrini è stato il Direttore generale per lo Sviluppo Rurale Emilio Gatto che nel suo intervento ha sottolineato il ruolo fondamentale delle donne in agricoltura presenti oggi per circa il 30%.

Alla Petrini sarà attribuita, quale premio, la partecipazione ad una visita di studio per lo scambio di buone prassi presso alcune realtà agricole dell’Unione europea, creando i presupposti per lo sviluppo e il consolidamento di effettive opportunità di crescita imprenditoriale. Già testimonial Expo 2015 per le Marche, Francesca è stata premiata lo scorso giugno con l’Eiwiin (European International Women Inventors & Innovators network) per il vitaminizzato con la motivazione seguente :“Ingeniuos & Innovative Achievements”.

OO M - 27-12-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La Dieta Mediterranea e l’olio da olive

Intervista a Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e nutrizionista. Per una vita sana è necessario scegliere i giusti alimenti. Un buon condimento è fondamentale. L’olio extra vergine di oliva è un buon punto di partenza. In dosi moderate fa la differenza

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato