Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

OO M

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

La sede del Centro tecnologico per la plastica, Andaltec, di Martos, in Spagna, ha ospitato l'incontro iniziale del progetto internazionale Compolive, volto a sviluppare una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva.

Questo lavoro, coordinato da Andaltec, è finanziato dall'Agenzia europea per le piccole e medie imprese (Easme) nell'ambito del programma Life "Ambiente ed efficienza delle risorse".

Il consorzio del progetto è costituito da entità di tre diversi Paesi: Caliplast (Francia); Ford Automotive (Germania); l'Università di Jaén, Citoliva e Matricería Peña, oltre ad Andaltec (Spagna).

Il progetto Compolive è la continuazione di una precedente iniziativa di R&D di Andaltec e dell'Università di Jáen, e intende trovare nuove applicazioni industriali per i residui della potatura delle olive.

Si stima che ogni anno in Europa si producano più di 7 milioni di tonnellate di residui di potatura, ma solo in misura marginale per la produzione di energia. In questo modo, la maggior parte di tali rifiuti viene bruciata e mai riutilizzata.

Nei prossimi tre anni e mezzo, tutti i soggetti coinvolti in questo progetto lavoreranno per trasformare questi rifiuti in nuovi composti, con applicazioni industriali innovative.

"Grazie a questo progetto si otterrà un doppio beneficio ambientale”, ha sostenuto Manuela Cano, coordinatrice del progetto per Andaltec. “Da un lato – ha precisato – evitando la combustione inquinante di questo residuo e, dall'altro, sostituendo le materie prime fossili con biomateriali per la produzione di compositi".      

Questo schema rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea. 

Il coinvolgimento di Andaltec in questo progetto rappresenta un ulteriore passo avanti nella strategia di internazionalizzazione del centro di Martos. In questo modo vengono offerti servizi tecnologici ad aziende di diversi paesi, aumentando così, al tempo stesso, la partecipazione a progetti internazionali.

Andaltec ha preso parte a diversi progetti europei di R&D, come Life rPack2L (potenziamento del sistema di riciclaggio delle plastiche multistrato per l'industria alimentare); Cpv4all (sviluppo di concentratori solari più efficienti ed economici per le aree urbane); Sufoflex (sviluppo di imballaggi intelligenti per frutta di quarta gamma) o Grafood (sviluppo di imballaggi alimentari a base di grafene per l'estensione della durata di vita alimentare).

 

Si ringraziano per la notizia Elena Lara e Carlos Risquez 

OO M - 02-10-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo