Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

OO M

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

La sede del Centro tecnologico per la plastica, Andaltec, di Martos, in Spagna, ha ospitato l'incontro iniziale del progetto internazionale Compolive, volto a sviluppare una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva.

Questo lavoro, coordinato da Andaltec, è finanziato dall'Agenzia europea per le piccole e medie imprese (Easme) nell'ambito del programma Life "Ambiente ed efficienza delle risorse".

Il consorzio del progetto è costituito da entità di tre diversi Paesi: Caliplast (Francia); Ford Automotive (Germania); l'Università di Jaén, Citoliva e Matricería Peña, oltre ad Andaltec (Spagna).

Il progetto Compolive è la continuazione di una precedente iniziativa di R&D di Andaltec e dell'Università di Jáen, e intende trovare nuove applicazioni industriali per i residui della potatura delle olive.

Si stima che ogni anno in Europa si producano più di 7 milioni di tonnellate di residui di potatura, ma solo in misura marginale per la produzione di energia. In questo modo, la maggior parte di tali rifiuti viene bruciata e mai riutilizzata.

Nei prossimi tre anni e mezzo, tutti i soggetti coinvolti in questo progetto lavoreranno per trasformare questi rifiuti in nuovi composti, con applicazioni industriali innovative.

"Grazie a questo progetto si otterrà un doppio beneficio ambientale”, ha sostenuto Manuela Cano, coordinatrice del progetto per Andaltec. “Da un lato – ha precisato – evitando la combustione inquinante di questo residuo e, dall'altro, sostituendo le materie prime fossili con biomateriali per la produzione di compositi".      

Questo schema rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea. 

Il coinvolgimento di Andaltec in questo progetto rappresenta un ulteriore passo avanti nella strategia di internazionalizzazione del centro di Martos. In questo modo vengono offerti servizi tecnologici ad aziende di diversi paesi, aumentando così, al tempo stesso, la partecipazione a progetti internazionali.

Andaltec ha preso parte a diversi progetti europei di R&D, come Life rPack2L (potenziamento del sistema di riciclaggio delle plastiche multistrato per l'industria alimentare); Cpv4all (sviluppo di concentratori solari più efficienti ed economici per le aree urbane); Sufoflex (sviluppo di imballaggi intelligenti per frutta di quarta gamma) o Grafood (sviluppo di imballaggi alimentari a base di grafene per l'estensione della durata di vita alimentare).

 

Si ringraziano per la notizia Elena Lara e Carlos Risquez 

OO M - 02-10-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora