Mercoledì 24 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Il primo giorno del festival

Il primo giorno del festival

Tutto ha inizio, e così, oggi, giovedi 21 gennaio 2016, alle ore 17 è tempo di Olio Officina Festival. La quinta edizione, ricca di tanti appuntamenti, prende il via. Ecco cosa sarà detto, visto e fatto oggi. Due hashtag per condividere sui social: #oof2016 #avanguardia


Il programma di sabato 23

Il programma di sabato 23

A Olio Officina Festival, in Sala Leonardo, un ricco calendario di incontri. Dirlo in poche parole non serve, meglio leggere attentamente ogni singola voce. C’è anche la Xylella, e non solo. Tanti i temi forti, tra cui anche i polifenoli, visti dietro le quinte


Il programma di venerdi 22

Il programma di venerdi 22

Cosa accade nel secondo giorno di Olio Officina Festival in Sala Leonardo? C’è da restare inchiodati sulla sedia per quante interessanti proposte. Per essere all’avanguardia occorre non aver paura e avere il coragio di progettare l’olio, anche a partire dai designer. C’è anche l’assegnazione di premi, e la presenza del ministro all’agricoltura maltese, Roderick Galdes


La cucina che interpreta

La cucina che interpreta

A Olio Officina Festival i cooking show che valorizzano i condimenti: l’olio extra vergine di oliva e l’aceto balsamico di Modena Igp. E anche i fritti, con Pasquale Torrente e la sua brigata della Cuopperia di Cetara e del Mercato di San Lorenzo, che prepareranno una serie di assaggi


Il Blend per capire l’olio

Il Blend per capire l’olio

A Olio Officina Festival si ripete l’esperienza dell’essere protagonisti in prima persona dell’olio che si utilizzerà a casa, scegliendone la giusta combinazione tra i vari extra vergini a disposizione. L’arte del blending è antica, ma va ancora scoperta


Fuori dal bicchiere

Fuori dal bicchiere

Cosa accade in Sala Solari, nell’ambito di Olio Officina Festival? Coricelli, con un amore nudo e crudo, con il raw food quale possibile chiave per interpretare un rapporto col cibo innovativo. E poi saggi assaggi di oli aromatizzati allo zenzero, menta, cannella, curcuma; e di oli di cocco, canapa, noce. Esaltando gli oli extra vergini territoriali, compresi quelli di Malta. E senza trascurare l’assaggio delle olive da tavola. E cpon una novità: l’assaggio musicale fuori dal bicchiere, con l’olio Dop Umbria


Non solo saggi assaggi

Non solo saggi assaggi

Cosa avviene in Sala Chagall, nell'ambito di Olio Officina Festival? Oltre a un ricco calendario di degustazioni, in un intenso non stop. Spazio al naso e la testa delle donne per l’olio, con l’associazione delle Donne dell’Olio, ovviamente. E poi un momento olistico, con gli oli e le acque per curarsi, con l’uso della penna luminosa e l’automassaggio a cura di Ivana Sagramoni, maestra reiki. Infine, un focus sulle olivicolture estreme


Frutto sublime

Frutto sublime

Nell’ambito di Olio Officina Festival, in chiusura della giornata inaugurale una performace artistica di Silvia Capiluppi e un reading di poesie dedicate all’olio di Clara Bartolini, una iniziativa a cura del movimento culturale Arte da Mangiare


Blending Experience

Blending Experience

Oleificio Zucchi, la storica azienda cremonese, protagonista a Olio Officina Festival 2016, con incontri e degustazioni, e un a tu per tu con la nobile arte del blending. Il pubblico vivrà un’esperienza sensoriale, culturale e creativa unica, entrando nel cuore vivo dell’olio


L’olio si coniuga al cibo

L’olio si coniuga al cibo

Il gruppo Olitalia, che comprende anche l'Acetaia Giuseppe Cremonini, porta cinque cuochi a Olio Officina Festival 2016. Si tratta di Fabrizio Ferrari, Maurizio Urso, Pasquale Torrente, Massimiliano Mascia e Roberto Carcangiu. Un ricco calendario di show cookung e incontri che si arricchisce anche di momenti didattici e ludici


Il cuore dell’olio a crudo

Il cuore dell’olio a crudo

Un amore nudo e crudo. E’ nella cucina crudista che l’olio da olive trova il terreno ideale in cui esprimere il meglio di se stesso. La Pietro Coricelli a Olio Officina Festival 2016, con due incontri all’insegna del raw food e dell’olio del futuro. L’avanguardia? E’ ricerca dell’essenziale


Qualità e innovazione

Qualità e innovazione

Monini torna a Olio Officina Festival. L’azienda spoletina riconferma il suo ruolo di ambasciatore della cultura dell’extra vergine italiano in occasione della kermesse milanese, dove riporta i suoi top di gamma e presenta una novità, “Premie Spremi”, pronta a rivoluzionare i consumi dell’Evo fuori casa


Due timbri postali per l’olio

Due timbri postali per l’olio

Poste Italiane è presente anche quest’anno, venerdi 22 e sabato 23 gennaio, con una sua postazione alla quinta edizione di Olio Officina Festival. Questa volta con due speciali annulli filatelici dedicati all’arte dell’assaggio dell’olio extra vergine di oliva


Oleo, Olei, Olui

Oleo, Olei, Olui

Anche Masseria Agricola Olère è presente a Olio Officina Festival 2016. Ovvero, quando il paesaggio ispira un futuro di speranze e progetti. A gestire l’azienda a conduzione familiare, due architetti – Carmela, Leonardo, con le figlie Giulia e Alessandra – che da Bologna hanno scelto Ostuni per impegnarsi nel recupero del valore fondante del paesaggio. , pronti a esplorare e inventare una nuova visione di agricoltura


Gli spettacoli a oof 2016

Gli spettacoli a oof 2016

Si va dalla conferenza-spettacolo "Ricomicio da Massimo" di Antonio Pascale, omaggio al grande Massimo Troisi che ripercorre il suo rapporto con il cibo, alla performance "Ode all'olio" di Lara Guidetti e Marco De Meo in cui danza e video si fondono per tracciare un percorso visionario a tratti pittorico. Spazio inoltre anche per il cinema, con "Mare d'argento", pellicola in difesa dell'ulivo albero simbolo del Mediterraneo, del regista Carlo Solito presente alla proiezione


Il caso della

Il caso della "Riviera Ligure"

Una piccola azienda era stata fondata ad Oneglia (poi Imperia) dalla famiglia Novaro, nella seconda metà dell’Ottocento. All’epoca produzione e commercio dell’olio d’oliva erano pratiche decisamente empiriche. A Olio Officina Festival 2016 il racconto di Maria Novaro


Gli oli e le acque per curarsi

Gli oli e le acque per curarsi

Capirsi con le essenze. A Olio Officina Festival 2016, la maestra reiki Ivana Sagramoni affronta il tema dell’uso della penna luminosa e dell’auto massaggio. E’ un incontro con gli oli corpo e le acque aromatiche per affrontare, seguendo i sette chakra, i piccoli e grandi disagi in maniera dolce e responsabile


Umbria architettura olio

Umbria architettura olio

Uao! Dalla cantine d’autore ai frantoi d’autore. A Olio Officina Festival ci sarà il Consorzio dell’olio Dop Umbria, con molte sorprese. Ad attendere il pubblico del grande happening milanese un incontro su un tema insolito, che coinvolge l’Accademia Belle Arti di Perugia, un docente di restauro architettonico e due agronomi e degustatori. Senza trascurare i cinque sensi, impegnati in una degustazione guidata dallo stile insolito. L'assaggio sarà infatti effettuato rigorosamente fuori dal bicchiere, su cinque differenti pani, mentre tutti resteranno stupiti dall'approccio


Troisi, gli italiani e il cibo

Troisi, gli italiani e il cibo

Spettacoli a Olio Officina Festival 2016. Giovedi 21 gennaio è la volta dello scrittore Antonio Pascale, con “Ricomincio da Massimo”, omaggio al grande comico napoletano. Si parte da tre clip. La prima: la macchinetta del caffè da una persona; ovvero, perché l'Italia non innova. La seconda: una gag tra Benigni e Troisi a “Blitz” di Gianni Minà; ovvero, perché l'Italia è divisa in gruppi che non comunicano. E infine la terza: Troisi e il cibo; ovvero, chi dobbiamo ringraziare per il cibo?


L’olio progettato

L’olio progettato

A Olio Officina Festival venerdi 22 gennaio ci sarà il designer Mauro Olivieri che ci aprirà la mente su cosa sia possibile fare a partire dalla presentazione degli oli da destinare al commercio, ponendoli sugli scaffali. Oltre al contenuto, si vende e si proprone anche una idea, che va progettata, appunto. Si esprime un racconto che va oltre il liquido grasso che tanto ci piace ma non sempre racconta tutto se stesso


<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 23 aprile 2019

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Un grandissimo vino marchigiano. Una qualità decisamente sopra la media, con un’acidità che dà freschezza e lunghezza al gusto. Al naso è un continuo evolvere, con la presenza di numerosissimi profumi. L'azienda, tra l'altro, ha deciso di passare dall’agricoltura convenzionale all’agricoltura biologica > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

Olitalia tra i partner della Scuola In Cibum

Olitalia tra i partner della Scuola In Cibum

La nota azienda italiana specializzata in oli e aceti sarà una presenza attiva nei corsi della scuola di alta formazione gastronomica con sede a Pontecagnano Faiano, in provincia di Salerno, unica realtà nel sud Italia per grandezza, attrezzature e finalità. In questo modo i condimenti avranno uno spazio di maggior rilievo e centralità nella formazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

L'arte a Olio Officina Festival

OOF 2019. Cinzia Boschiero intervista la direttrice creativa del movimento culturale Arte da Mangiare, Ornella Piluso, nell'ambito dell'evento che si è celebrato a Milano dal 31 gennaio al 2 febbraio 2019

L' olio di sansa ha una grossa carta da giocare

OOF 2019. Nell'ambito di Olio Officina Festival, è stato presentato un interessante studio (commissionato da Pantaleo Spa e condotto dall'Università di Udine) su un olio che per tanti anni è stato trascurato ma che merita ben altra considerazione, anche in ragione dell'alto contenuto in acido oleico e al contenuto elevato di tocoferoli. Intervista al professor Lanfranco Conte

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

OOF International Magazine numero 7

OOF International Magazine numero 7

Anche l'edizione invernale della rivista trimestrale di Olio Officina ha avuto un vasto consenso, presentata in esclusiva nell'ambito di Olio Officina festival 2019 e di cui abbiamo avuto più occasioni per scriverne. Il tema portante? L’olio a fumetti. Nuovi stili, nuovi linguaggi. Il consiglio è di abbonarsi e non perdere nessuno dei numeri. È possibile anche richiedere i numeri arretrati

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti