Sabato 28 Maggio 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Blending Experience

Oleificio Zucchi, la storica azienda cremonese, protagonista a Olio Officina Festival 2016, con incontri e degustazioni, e un a tu per tu con la nobile arte del blending. Il pubblico vivrà un’esperienza sensoriale, culturale e creativa unica, entrando nel cuore vivo dell’olio

OO M

Blending Experience

Speciale OOF 2016. L’Oleificio Zucchi si conferma tra i protagonisti di Olio Officina Festival 2016, quinta edizione della manifestazione d’eccellenza dedicata alla “cultura dell'olio” ideata da Luigi Caricato, in programma da giovedì 21 a sabato 23 gennaio al Palazzo delle Stelline di corso Magenta 61 a Milano.

Oltre ad aver aderito all’evento come main sponsor special, la storica azienda olearia cremonese guidata dalla famiglia Zucchi sarà al centro di alcune delle numerose iniziative in cartellone che qualificano Olio Officina Festival come appuntamento concepito per saziare la mente non meno del palato.

In particolare, Oleificio Zucchi sarà protagonista delle coinvolgenti Blending Experience “Blendmaster all’opera. La realizzazione di un blend” in programma venerdì 22 e sabato 23 gennaio alle ore 10.00 e alle ore 14.00 presso la Sala Zucchi (Sala San Carlo Borromeo).

Durante questi momenti i partecipanti, guidati da Giovanni Zucchi, Amministratore Delegato e Blendmaster di Oleificio Zucchi, affiancato per l’occasione da Francesca Tiberto, blendmaster Oleificio Zucchi, avranno la possibilità di imparare a creare un proprio blend con gli oli extravergini di oliva. Metteranno alla prova la propria passione e creatività secondo un approccio che stupirà con esiti inattesi.

Oleificio Zucchi, inoltre, sarà presente per l’intera durata di Olio Officina Festival 2016 nell’area shop allestita in Sala Agnesi, adiacente allo Sala Zucchi, dove è possibile degustare una selezione degli oli extra vergine di oliva a marchio Zucchi. Inoltre, nella Libreria del Festival, collocata nei chiostri di Palazzo delle Stelline, sarà possibile acquistare il libro di Giovanni Zucchi, “L’Olio non cresce sugli alberi”, e sottotitolato “L’arte del blending: come nasce un olio di grande qualità”, volume che accompagna tra l’altro il lettore in un viaggio nell’universo poco conosciuto della filiera degli oli da oliva e nelle competenze multidisciplinari - a metà tra scienza, esperienza ‘sul campo’, sapere alchemico e intuito creativo - che guidano i blendmaster nella loro professione.

L’Oleificio Zucchi nasce nel 1810 nel lodigiano come attività artigianale a conduzione familiare dedicata all’estrazione di olio da semi per uso alimentare. Nel 1922 viene costruito il primo sito industriale vicino Cremona, che assume progressivamente le dimensioni di una vera e propria fabbrica. Nel 1946, la famiglia Zucchi costituisce l'attuale Oleificio Zucchi SpA e riavvia la produzione dopo i momenti difficili della guerra.

Dalla metà degli anni '50, Oleificio Zucchi diventa fornitore delle marche commerciali dei principali gruppi della Moderna Distribuzione. Nei primi anni '90, il costante sviluppo dell’azienda ha imposto la necessità di spostare lo stabilimento nell’attuale sede, sull'asta del canale navigabile di Cremona, in un'area di 80.000 mq.

Sotto la guida della famiglia Zucchi, impegnata in prima persona nel management, lo stabilimento è stato aggiornato alle più recenti conoscenze tecnico-impiantistiche e riesce così a rispondere costantemente alle esigenze del mercato in termini di qualità del prodotto e di impatto ambientale, con particolare attenzione alla costanza qualitativa del servizio ed alla flessibilità dell’offerta.

È di questi ultimi anni un ulteriore importante sviluppo dell’Oleificio Zucchi: l’introduzione della linea dell'olio d’oliva come naturale completamento della gamma dei prodotti. La storia e le continue innovazioni dell’Oleificio Zucchi, ormai leader nel mercato nazionale, hanno fatto sì che diventasse il partner più affidabile e collaudato del trade moderno oltre che "player" innovativo del mercato degli oli di semi e di oliva.

 

La foto di apertura è di Gianfranco Maggio / Olio Officina

OO M - 12-01-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
La versatilità del Riserva Oro di Masseria delle Sorgenti

La versatilità del Riserva Oro di Masseria delle Sorgenti

Avete notato che non tutti gli extra vergini hanno il dono di essere adatti ad ogni impiego? Il blend di olive Frantoio, Leccino e Pendolino, prodotto in Campania dalla famiglia Pontecorvo, proprio là dove viene estratta l’acqua Ferrarelle, ha questa specifica virtù > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Tutti a chiedere i Fil di ferro

Tutti a chiedere i Fil di ferro

Se dici ricetta oliocentrica, il pensiero corre subito ad Antonio Ruggiero. Lui parte sempre dall’olio ricavato dalle olive, che considera un prezioso succo di frutta da cui non si può prescindere. La ricetta parte da una pasta lunga tipo piccola bavettina che ha come base aglio, olio e peperoncino

EXTRA MOENIA
La forma della terra

La forma della terra

Gianfranco Tuoro è riuscito a fare l’olio come voleva. Solo che ora ne farà un po’ di più, ma non troppo di più. Ha appena allargato il suo uliveto, avendo aggiunto più aria e altre cinquanta piante. Il suo podere, a due passi dal mare e da Selinunte, immane rovina di bellezza, ha assunto la forma di un quadrato > Nicola Dal Falco

GIRO WEB
La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO
loading...

L'olio nei ristoranti. Cosa accade veramente nelle cucine?

Perché i grandi chef disdegnano l'olio da olive? Perché nei locali più frequentati si insiste con il rabboccare le bottiglie d'olio? E, soprattutto, perché non hanno successo le "carte degli oli"? Dialogo di Luigi Caricato con il critico gastronomico del Corriere della Sera Valerio M. Visintin e la scrittrice e sommelier Ilaria Santomanco. Tutti a celebrare gli chef, tutti a osannare la ristorazione, ma sono davvero così attenti verso un ingrediente come l'olio extra vergine di oliva, tanto significativo e centrale quanto di fatto ancora  poco considerato?

BIBLIOTECA OLEARIA
La cultura alta dell’olio

La cultura alta dell’olio

C’è una pubblicazione, difficile e rara da trovare, ma che si può comunque individuare nelle più importanti biblioteche. Si intitola La Riviera Ligure. Momenti di una rivista ed era stata editata da Sagep, frutto di una mostra che si svolse a Milano dal 6 al 30 giugno 1986, a cura di Pino Boero e Maria Novaro > Carlotta Baltini Roversi