Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Far conoscere l’olio da olive

Un libro dell’oleologo Lorenzo Cerretani - L’olio spiegato alle mie figlie - è stato presentato in occasione di Olio Officina Festival 2018. Il linguaggio è semplice, spoglio di tecnicismi, rivolto ai bambini e ricco di esempi, ma con una sezione specifica per gli adulti

Nicola Morabito

Far conoscere l’olio da olive

OLIO OFFICINA FESTIVAL, VENERDÌ 2 FEBBRAIO 2018, SALA LEONARDO

L’intervento di Lorenzo Cerretani e Giovanni Lercker con la presentazione del volume L’olio spiegato alle mie figlie edito da Olio Officina ha reso testimonianza della sinergia che nel tempo si è creata tra i due studiosi e Luigi Caricato.

Lorenzo Cerretani ha concluso due dottorati di ricerca, il primo in Scienze degli Alimenti e il secondo in Ingegneria Agraria. Oleologo e capo panel, nonché autore di numerose pubblicazioni scientifiche, tanto da risultare nelle diverse banche dati il più prolifico ricercatore Italiano per il settore degli oli d'oliva. Autore e co-autore anche di alcuni libri, tra cui, per Edagricole, I minifrantoi. Guida pratica alla produzione di oli extravergini di oliva e L’olio spiegato alle mie figlie edito da Olio Officina e presentato durante la seconda giornata di Olio Officina Festival.

Giovannni Lercker, docente di Scienze e tecnologie alimentari presso l’Università di Bologna, è membro della Commissione del Codex Alimentarius e del Ministero delle Politiche agricole. Autore e co-autore di oltre 400 lavori sperimentali, è specialista in sostanze grasse e in particolare della stabilità all'ossidazione, oltre che dello studio della composizione dei grassi e del loro comportamento alla conservazione e alla trasformazione industriale.

I numerosi interventi di Cerretani e Lercker su Olio Officina Magazine hanno riguardato temi quali la confezione dell’olio (Olio Officina Magazine 01 p.78)e il suo “miglior pack secondo la scienza” (Olio Officina Magazine 01 p.88) o ancora l’imbottigliamento e il problema dell’ossidazione (Olio Officina Magazine 02 p.76) sono stati ripresi in occasione del Festival.

In particolare i contenuti del testo presentato durante il Festival sono anticipati dal contributo di Cerretani che appare a p.56 di Olio Officina Magazine 02 dal titolo “Il processo di produzione delle olive spiegato alle mie figlie”: il viaggio delle olive viene spiegato con un linguaggio ricco di esempi e grazie ad alla descrizione della successione cronologica dei tanti passaggi. Cerretani non scade però in uno sforzo sterile di semplificazione, al contrario il testo dell’articolo risulta da una parte comprensibile a bambini (e adulti) dall’altra ricco di tecnicismi, di nozioni di chimica, di descrizioni che presuppongono un ragionamento attivo da parte del lettore.

In Sala Leonardo il dialogo tra Luigi Caricato, Lorenzo Cerretani e Giovanni Lercker ha toccato il tema dell’editoria specializzata intorno al tema dell’olio: il percorso editoriale di Olio Officina prosegue tra le difficoltà con la pubblicazione del Magazine e dell’Almanacco e con la (ri)edizione di volumi specifici, ma il paragone con il relativo mercato spagnolo non regge: in Spagna vengono pubblicate cinque riviste sull’olio, in Italia appena due. Nel caso de L’olio spiegato alle mie figlie, il linguaggio è semplice, spoglio di tecnicismi, rivolto ai bambini e ricco di esempi, ma con una sezione specifica per gli adulti. La firma di Lercker sulla prefazione indica l’autorità accademica del testo che risulta accattivante per i più piccoli e ricchissimo di informazioni appetibili a tutti. Da leggere!

Nicola Morabito - 27-03-2018 - Tutti i diritti riservati

Nicola Morabito

Giornalista e fotografo, dopo il liceo classico è stato assistente dell’artista e fotografa Emma Vitti, nonché del fotografo di moda Francesco Licata. Laureato in Lettere, con tesi sull’uso di parola e immagine nella poetica di Luigi Ghirri, si occupa degli sport outdoor di montagna.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti