Martedì 24 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Il nuovo corso dell’olio

Si può legittimamente parlare di un Nouvelle vague dell’olio in Italia? Se ne è discusso a Olio Officina Festival, con Cristina Santagata, Agostino Sommariva e Marco Camplone per De Cecco. Sì, è possibile. Purché si parta da una comunicazione adeguata. Tutto deve partire da un racconto. Per restituire valore, è necessario rivestire l’olio da olive di uno status specifico e di un profilo identitario ben definito

Mariangela Molinari

Il nuovo corso dell’olio

Nouvelle vague: “Nuova ondata”, tendenza innovatrice della cinematografia francese a cavallo fra gli anni Cinquanta e Sessanta. Per estensione: nuova moda, nuova tendenza. È così che recita il vocabolario per spiegare un termine divenuto ormai di uso comune quando si vuole designare il delinearsi e l’affermarsi di un nuovo corso. Ed è così, utilizzando questa espressione, che durante l’ultimo Olio Officina Festival si è dibattuto, partendo da una domanda di fondo: il mondo dell’olio è pronto per la grande svolta?

In un Paese come il nostro, restio ai cambiamenti e alle innovazioni, quali strade sono percorribili per proiettarsi verso il futuro, uscendo dalla fissità in cui è rimato invischiato? Per Cristina Santagata, titolare della casa olearia Santagata che, con sede a Genova, da oltre 100 anni seleziona e commercializza oli di oliva ed extravergini di alta qualità, «nel mondo dell’olio c’è veramente bisogno di una rinascita, unica possibilità di ripartire, liberandosi da un immobilismo che non possiamo più permetterci».
Per la giovane, quinta generazione di una consolidata tradizione familiare, non si può più attendere: è indispensabile valorizzare la straordinaria ricchezza dei nostri oli, riconoscere e dare valore a prodotti che troppo spesso vengono sviliti in primis proprio dagli operatori stessi. Per farlo c’è un solo modo: metterci la propria faccia, facendosene, così, garanti. Il che, a ben vedere, sarà un nuovo corso, ma è pure un ritorno alle origini.
«Iniziative come Olio Officina Festival, dunque, sono fondamentali», continua Cristina Santagata. «Qui tutti gli operatori della filiera possono fare ammissione di responsabilità. Per cambiare è necessario l’impegno di ognuno a fare comunicazione e cultura del prodotto; è indispensabile che ognuno si metta in gioco a modo proprio e con i propri strumenti. Per il nostro settore non c’è alternativa: l’unica possibile nouvelle vague è guidata, ancora una volta, da impegno e volontà».

Come osserva Agostino Sommariva, dell’azienda Sommariva Tradizione Agricola di Albenga (Savona), «Negli ultimi 20-30 anni il nostro settore si è andato spegnendo. Per rendercene pienamente conto basta ricordare com’erano gli spagnoli un paio di decenni fa e notare lo straordinario sorpasso che hanno compiuto, dimostrando grandi capacità nel comunicare, vestire e valorizzare il prodotto».
La via che il nostro olio può percorrere, dunque, secondo Sommariva è quella di una comunicazione che punti a far comprendere il suo essere un prodotto vivo. E questo, sottolinea, può essere tanto più efficace se condotto con l’aiuto degli chef. Anche nei ristoranti stellati, infatti, è difficile che l’olio venga mostrato e spiegato. Per questo, l’impegno che la stessa Ais si è assunta sul fronte della formazione, con un programma didattico dedicato all’olio, promette di aprire al comparto nuove prospettive e, soprattutto, avvicinare una clientela più preparata, attenta e consapevole.

Anche Marco Camplone, direttore delle relazioni esterne di De Cecco, ha sottolineato l’importanza di una valida comunicazione. Non a caso, l’azienda abruzzese, che non significa solo pasta, ma annovera in portafoglio anche olio extra vergine di oliva, ha rilanciato Mondo De Cecco, la sua storica rivista rigorosamente cartacea (per come è chiamarlo house organ pare riduttivo), che ha mostrato di essere molto apprezzata, tanto da vantare una tiratura di 16.500 copie e una prossima versione in inglese.
«Quando parliamo di pasta e di olio parliamo della nostra cultura e del nostro saper vivere», afferma Camplone, «ed è questo che dobbiamo portare all’estero. Ciò che in Italia manca è una cultura dell’olio trasmessa attraverso riviste dedicate». E, in effetti, con le sue cinque testate specializzate anche in questo la Spagna ci ha superati. Insomma, la nouvelle vague potrebbe partire da qui: da un racconto e una comunicazione che, per traghettare questa ricchezza della nostra cultura alimentare verso una rinascita, cominci a rivestirla di uno status e un profilo identitario, raccontandolo come si deve.

Mariangela Molinari - 14-03-2017 - Tutti i diritti riservati

Mariangela Molinari

Giornalista professionista, vive e lavora a Piacenza. Ha studiato lingua e letteratura tedesca presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e verde ornamentale e tutela del paesaggio presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Bologna. Si occupa da tempo di alimentazione, ospitalità, giardini e ambiente, collaborando con varie testate specializzate. Per Terre di mezzo Editore ha pubblicato I trucchi del birraio. Manuale pratico per fare la birra perfetta (2014) e Olio di palma. La verità sull'ingrediente che ha invaso le nostre tavole (2016).

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Scegliere le capsule giuste, per vestire bene le bottiglie d’olio, aceto e vino

Scegliere le capsule giuste, per vestire bene le bottiglie d’olio, aceto e vino

Nessuna rottura o imprecisione al momento dello strappo della linguetta. Ogni volta lo strappo è preciso e puntuale, e anche la termoretrazione è migliorata, permettendo un’ottima aderenza della capsula alla bottiglia. B.E.E.S., acronimo di Best Enoplastic Environmental Solution, è il nuovo materiale per capsule termoretraibili, un’ottima alternativa al PVC e al PET

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Regole precise per considerare i claim degli oli da olive

Il segreto della longevità? La scienza lo ha dimostrato: l’olio extra vergine di oliva fa parte di questa “ricetta” di lunga vita. Si tratta di uno degli approfondimenti affrontati nella lectio magistralis tenuta di recente a Milano dal prof. Gabriele Riccardi, ordinario di Endocrinologia all'università Federico II di Napoli e diabetologo, oltre che specialista della nutrizione umana. Nostra intervista allo studioso, membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nutrizionale Carapelli onlus

BIBLIOTECA OLEARIA
Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?