Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

L’olio al ristorante

Anche nel corso della settima edizione di Olio Officina Festival si affronta il tema che tanto interesse incontra, soprattutto tra i produttori, forse un po’ meno tra i ristoratori. Importante l’apporto del Ceq, il Consorzio extra vergine di qualità, che presenta un importante progetto

Maria Carla Squeo

L’olio al ristorante

L’olio al ristorante trova la sua giusta collocazione. Anche se non tutti i ristoratori ci credono, la centralità e l’importanza strategica del luogo è fuori discussione. Per questo a Olio Officina Festival si prende in considerazione tale tema.

Dpo il focus organizzato lo scorso anno in collaborazione con la rivista “Sala & Cucina”, quest’anno è il Ceq che in collaborazione con Olio Officina porta avanti questo importante momento di confronto. C’è un titolo in particolare che desta curiosità: La qualità ha un cuore freddo.

Tutto parte da un presupposto di base, che non è assolutamente da trascurare: "produrre un extra vergine di qualità - spiega il direttore del Ceq Mauro Melloni - richiede molta professionalità e attenzione in campo e in frantoio, e soprattutto la disponibilità d accettare rendimenti più bassi, anticipando la raccolta, in nome di una qualità nutrizionale elevata. Il tempo consuma la parte più nobile e preziosa del prodotto e lo fa senza sconti soprattutto quando abbassiamo la guardia, pensando erroneamente che possiamo lasciarlo incustodito. Luce, ossigeno e temperatura non idonea trasformano un extra vergine di alta qualità in uno banale, quando non mediocre, fino a declassarlo alla categoria inferiore, tanto più velocemente quanto più intensa è la sua esposizione. Da molti anni - prosegue Meloni - il Ceq va affermando che l’extra vergine è qualitativamente deperibile e che è indispensabile riprogettare la filiera di produzione e distribuzione dal lato della conservazione. È una conclusione a cui il Consorzio è pervenuto dopo una pluriennale esperienza di collaborazione con i principali gruppi distributivi, per alcuni dei quali svolge tuttora un servizio di controllo qualità che lo porta ad analizzare gli oli prelevandoli direttamente dagli scaffali di vendita".


L’appuntamento è per la mattina di venerdi 2 febbraio, in sala Leonardo, con il seguente programma.


OOF ECONOMIA

Ore 10.00

Quando lo chef incontra l’olio

Dialogo a tu per tu tra l’oleologo e lo chef.

Claudio Sadler, chef e patron di Sadler e Chic n’Quick; Luigi Caricato, Olio Officina


Ore 10.30

La qualità ha un cuore freddo

L'extra vergine è qualitativamente deperibile ed è indispensabile riprogettare la filiera di produzione e distribuzione dal lato della conservazione. È una conclusione a cui il Consorzio extra vergine di qualità è pervenuto dopo una pluriennale esperienza di collaborazione con i principali gruppi distributivi, per alcuni dei quali svolge tuttora un servizio di controllo qualità che lo porta ad analizzare gli oli prelevandoli direttamente dagli scaffali di vendita. Cosa fare per innovare dunque? Riprogrammare il modo di conservare e proporre gli oli extra vergini di qualità cominciando dalla ristorazione potrebbe essere un percorso culturalmente utile e economicamente conveniente. Una sperimentazione in corso raccontata da un Consorzio che ha fatto della qualità la sua ragion d’essere.

Mauro Meloni, direttore Consorzio Ceq extra vergini di qualità; Claudio Sadler, chef, presidente dell'associazione di ristoratori Le Soste; Massimo Occhinegro, esperto marketing degli oli da olive


Ore 11.00

Il menù che non si macchia: l'innovazione delle carte Touch class

Marta Franceschi, Product Development Manager di Fedrigoni Spa

 

Ore 13.00

Vendere l’olio nel segmento del lusso

Quante opportunità commerciali e quanti e quali spazi sono possibili per gli oli d’eccellenza?

Leone Marzotto, ceo Peck Spa

 

Ore 13.30

Vendere l’olio nel canale Horeca

Quali prospettive sono possibili, di qui in avanti, nel canale di vendita in cui, più che in altri ambiti commerciali, gli oli del territorio (Dop, Igp) possono trovare una più efficace collocazione e valorizzazione?

Claudio Truzzi, Responsabile Qualità Metro Italia

 

Ore 14.00


Oli da olive in Italia e nel mondo. Le nuove tendenze di consumo

Mauro Meloni, direttore Consorzio Ceq extra vergini di qualità; Palmino Poli, presidente di Aibi-Assitol

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Maria Carla Squeo - 23-01-2018 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti