Mercoledì 20 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

La visione di Paolo Giordano

IL DOPO OOF 2019. Il Premio Olio Officina allo scrittore. Con il suo libro, Divorare il cielo, ci ha consentito di riflettere su un tema molto legato all’esistenza e alla sopravvivenza stessa dell’olivocoltura in Italia, ovvero la problematica aperta della Xylella, un argomento estremamente complesso e spinoso, che quando è stato ‘semplificato’ è stato mal compreso e che viene  gestito male anche istituzionalmente mettendo a rischio la produzione di olio in Italia

Cinzia Boschiero

La visione di Paolo Giordano

“Ci sono nuove sfide aperte anche nel settore degli  ulivi: sfide di democrazia, di confronto tra la realtà della scienza e la difesa della natura per presa di posizione conservativa e miope” - dice Luigi Caricato, ideatore e direttore di OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019. ”Ecco perché, tra i premiati di questa edizione di OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019, abbiamo scelto Paolo Giordano. Il suo libro, Divorare il cielo, ci ha consentito di riflettere su un tema molto legato all’esistenza e alla sopravvivenza stessa dell’olivocoltura in Italia, ovvero la problematica aperta della Xylella, un argomento estremamente complesso e spinoso, che quando è stato ‘semplificato’ è stato mal compreso e che viene  gestito male anche istituzionalmente mettendo a rischio la produzione di olio in Italia. Nel suo libro intitolato Divorare il cielo l’autore evidenzia la tensione tra purezza e contaminazione”.

Alla consegna del Premio OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019 era presente anche lo scrittore Antonio Pascale, che era stato premiato da  Luigi Caricato a OLIO OFFICINA nell’edizione 2018.

“La letteratura - dice Luigi Caricato” - deve sempre confrontarsi con la realtà. In questo libro di Paolo Giordano emerge il dissidio tra sacralità e fuga dalla sacralità; il contrasto tra  la bellezza della natura, in cui c’è l’incanto che fa provare ogni ulivo secolare,  e il pericolo imminente e la necessità di eradicare il male, ciò che è corrotto”.  Dal confronto tra i due scrittori e il pubblico presente in sala Leonardo, pertanto, si è approfondito il male di oggi: la semplificazione eccessiva uccide la cultura.

“Chi sceglie la scienza” - dice Paolo Giordano - ”ha una tensione continua, verso la ricerca, quasi verso l’eresia, ma ama la fatica, ha umiltà, si documenta, riflette; e trovo che anche il lavoro di scrittore richieda attenzione, meditazione, approfondimento. Questo romanzo vive sull’interiorità dei personaggi, evidenzia il desiderio dei giovani di appartenere a qualcosa. I dissidi ambientali hanno una loro complessità, non devono essere oggetto di propaganda o di disinformazione”.

Il libro di Paolo Giordano è ambientato in una masseria pugliese, e c’è il tema della lotta legata al territorio, in una terra, la Puglia, in cui c’è un nodo non risolto tra scienza e coscienza nel tentare di comprendere ed affrontare la Xylella, problema che, nel settore dell’olio, in verità, è presente fin dall’800 e su cui ci sono strategie vincenti e best practices basate su dati e approcci scientifici che evidenziano come eradicare un albero malato di Xylella, isolarlo, consenta di vincere e salvare altre piante.

Una scelta doverosa, civica prima ancora che di buon senso. Oggigiorno, è emerso dal dibattito ad OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019, si semplifica troppo, si narcotizzano le persone con i social che non consentono un confronto reale, documentato, trasparente sulla base di dati scientifici validati, che non ammettono il rispetto della natura in senso stretto, che sminuiscono il valore della Scienza, che sviano le menti perché sono strumenti di impatto veloce,  superficiali;  non consentono di avere memoria, non permettono di fruire della fatica positiva dell’approfondimento, appiattiscono qualsiasi cosa.

”Non è un caso” - dice Paolo Giordano - ”che non sono su Facebook.  E’ una scelta. Credo che i giovani possano ben comprendere che i social sono anche strumenti di controllo e non di apertura mentale e che possono avere delle pericolose spinte manipolanti della realtà”.

Cinzia Boschiero - 05-02-2019 - Tutti i diritti riservati

Cinzia Boschiero

Appassionata di temi di natura e salute, giornalista specializzata su dati e bandi europei, conosce 4 lingue, lavora in Italia e all’estero per progetti di ricerca, innovazione e attività di dissemination (Horizon 2020 etc.). Ha vinto due grant del Parlamento europeo e ha ideato e realizza format televisivi e radiofonici su temi comunitari relativi all’agroindustria e ad altri settori. Organizza seminari, corsi di formazione e di aggiornamento per professionisti su normative e bandi europei. Con la sua società E.C.Partners lavora per enti, associazioni, imprese, fondazioni come ufficio stampa.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Gli oli e i pesci della Basilicata

A Olio Officina Festival 2019 è stata protagonista di primo piano una regione piccola ma particolarmente ricca di risorse. L'occasione per presentare al pubblico di Milano le produzioni olearie e i prodotti ittici, in occasione di una pubblicazione dedicata dal titolo "I pesci nuotano nell'olio". L'intervista a Michele Brucoli, responsabile marketing e comunicazione presso il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata

BIBLIOTECA OLEARIA
Dp Garda. L'olio e il suo lago

Dp Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità