Sabato 20 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

La visione di Paolo Giordano

IL DOPO OOF 2019. Il Premio Olio Officina allo scrittore. Con il suo libro, Divorare il cielo, ci ha consentito di riflettere su un tema molto legato all’esistenza e alla sopravvivenza stessa dell’olivocoltura in Italia, ovvero la problematica aperta della Xylella, un argomento estremamente complesso e spinoso, che quando è stato ‘semplificato’ è stato mal compreso e che viene  gestito male anche istituzionalmente mettendo a rischio la produzione di olio in Italia

Cinzia Boschiero

La visione di Paolo Giordano

“Ci sono nuove sfide aperte anche nel settore degli  ulivi: sfide di democrazia, di confronto tra la realtà della scienza e la difesa della natura per presa di posizione conservativa e miope” - dice Luigi Caricato, ideatore e direttore di OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019. ”Ecco perché, tra i premiati di questa edizione di OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019, abbiamo scelto Paolo Giordano. Il suo libro, Divorare il cielo, ci ha consentito di riflettere su un tema molto legato all’esistenza e alla sopravvivenza stessa dell’olivocoltura in Italia, ovvero la problematica aperta della Xylella, un argomento estremamente complesso e spinoso, che quando è stato ‘semplificato’ è stato mal compreso e che viene  gestito male anche istituzionalmente mettendo a rischio la produzione di olio in Italia. Nel suo libro intitolato Divorare il cielo l’autore evidenzia la tensione tra purezza e contaminazione”.

Alla consegna del Premio OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019 era presente anche lo scrittore Antonio Pascale, che era stato premiato da  Luigi Caricato a OLIO OFFICINA nell’edizione 2018.

“La letteratura - dice Luigi Caricato” - deve sempre confrontarsi con la realtà. In questo libro di Paolo Giordano emerge il dissidio tra sacralità e fuga dalla sacralità; il contrasto tra  la bellezza della natura, in cui c’è l’incanto che fa provare ogni ulivo secolare,  e il pericolo imminente e la necessità di eradicare il male, ciò che è corrotto”.  Dal confronto tra i due scrittori e il pubblico presente in sala Leonardo, pertanto, si è approfondito il male di oggi: la semplificazione eccessiva uccide la cultura.

“Chi sceglie la scienza” - dice Paolo Giordano - ”ha una tensione continua, verso la ricerca, quasi verso l’eresia, ma ama la fatica, ha umiltà, si documenta, riflette; e trovo che anche il lavoro di scrittore richieda attenzione, meditazione, approfondimento. Questo romanzo vive sull’interiorità dei personaggi, evidenzia il desiderio dei giovani di appartenere a qualcosa. I dissidi ambientali hanno una loro complessità, non devono essere oggetto di propaganda o di disinformazione”.

Il libro di Paolo Giordano è ambientato in una masseria pugliese, e c’è il tema della lotta legata al territorio, in una terra, la Puglia, in cui c’è un nodo non risolto tra scienza e coscienza nel tentare di comprendere ed affrontare la Xylella, problema che, nel settore dell’olio, in verità, è presente fin dall’800 e su cui ci sono strategie vincenti e best practices basate su dati e approcci scientifici che evidenziano come eradicare un albero malato di Xylella, isolarlo, consenta di vincere e salvare altre piante.

Una scelta doverosa, civica prima ancora che di buon senso. Oggigiorno, è emerso dal dibattito ad OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019, si semplifica troppo, si narcotizzano le persone con i social che non consentono un confronto reale, documentato, trasparente sulla base di dati scientifici validati, che non ammettono il rispetto della natura in senso stretto, che sminuiscono il valore della Scienza, che sviano le menti perché sono strumenti di impatto veloce,  superficiali;  non consentono di avere memoria, non permettono di fruire della fatica positiva dell’approfondimento, appiattiscono qualsiasi cosa.

”Non è un caso” - dice Paolo Giordano - ”che non sono su Facebook.  E’ una scelta. Credo che i giovani possano ben comprendere che i social sono anche strumenti di controllo e non di apertura mentale e che possono avere delle pericolose spinte manipolanti della realtà”.

Cinzia Boschiero - 05-02-2019 - Tutti i diritti riservati

Cinzia Boschiero

Appassionata di temi di natura e salute, giornalista specializzata su dati e bandi europei, conosce 4 lingue, lavora in Italia e all’estero per progetti di ricerca, innovazione e attività di dissemination (Horizon 2020 etc.). Ha vinto due grant del Parlamento europeo e ha ideato e realizza format televisivi e radiofonici su temi comunitari relativi all’agroindustria e ad altri settori. Organizza seminari, corsi di formazione e di aggiornamento per professionisti su normative e bandi europei. Con la sua società E.C.Partners lavora per enti, associazioni, imprese, fondazioni come ufficio stampa.

ULTIMI
Maria Carla Squeo
L'INCURSIONE

MARIA CARLA SQUEO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Un grandissimo vino marchigiano. Una qualità decisamente sopra la media, con un’acidità che dà freschezza e lunghezza al gusto. Al naso è un continuo evolvere, con la presenza di numerosissimi profumi. L'azienda, tra l'altro, ha deciso di passare dall’agricoltura convenzionale all’agricoltura biologica > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti