Sabato 07 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Non basta dire olio

Dire, tante volte e all'infinito, "dobbiamo dare valore all'olio extra vergine di oliva nei ristoranti" non basta, non è sufficiente. Occorre fornire esempi concreti di come si possa fare. Ed ecco quanto ha riferito il brand manager di Carapelli FirenzeGiacomo Bruni, nell'ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione, raccontando dell'esperienza vincente del temporary restaurant “il Carapelli”. (Settima puntata. Continua)

Maria Carla Squeo

Non basta dire olio

Proseguiamo il lungo racconto della giornata di studio e approfondimento dello scorso 27 maggio a Milano,, relativamente alla seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione, organizzata da Olio Officina. 

Utile, e altrettanto prezioso, è stato l’intervento di Giacomo Bruni, brand manager di Carapelli Firenze, nel presentare l’esperienza originale e unica de il Carapelli, il temporary restaurant che per dieci giorni è stato operativo a Milano. 

Giacomo Bruni

“Si tratta - ha affermato Giacomo Bruni - di un progetto nato per cercare di valorizzare l’olio, che è stato un buon motivo per soffermarci sull’intera gamma della nostra azienda, legando così l’olio strettamente alla cucina, perché è proprio in relazione ai vari possibili impieghi che è possibile poter valorizzare una materia prima così importante qual è l'olio extra vergine di oliva, facendola di conseguenza conoscere e apprezzare nelle sue molteplici espressioni, proprio operando direttamente sul campo, e in prima persona, là dove l’olio è essenziale". 

L'intervento di Giacomo Bruni

 

Lo storico marchio noto in tutto il mondo, Carapelli Firenze, che da oltre cento anni è presente con successo sul mercato internazionale, con questa iniziativa del temporary restaurant ha per certi versi spazzato tutti, pensando bene di promuovere l’olio extra vergine di oliva proprio aprendosi a coloro che oggi vengono definiti con un termine molto in voga food lover. Ovvero i protagonisti di una sorta di iniziazione che li ha portati a scoprire l’olio in relazione agli altri ingredienti, con uno sguardo nuovo. 

Il progetto il Carapelli

 

“Nel ristorante che abbiamo predisposto per l’occasione - ha precisato Bruni – è stato possibile far vivere a ciascuno dei presenti una esperienza unica, ovvero far diventare chef per un giorno, affiancati dalla professionalità di uno stimato professionista qual è Filippo Saporito, chef stella Michelin presso il ristorante La Leggenda dei Frati di Villa Bardini a Firenze". 

il Carapelli

 

"L’esperienza del ristorante il Carapelli è stata molto efficace, proprio perché gli ospiti che hanno partecipato con grande curiosità e convinzione, hanno potuto non soltanto realizzare il sogno di cucinare per i propri amici la propria ricetta speciale, ma hanno acquisito nel contempo, direttamente e indirettamente, il valore dell’olio extra vergine di oliva in tutte le sue declinazioni”. 

Lo chef Filippo Saporito all'opera

Ecco cosa occorre fare per dare degli esempi guida, stabilire delle esperienze riproducibili da cui trarre ispirazione. È in questo modo che si può lasciare un segnale positivo e dar luogo a emulazioni.

Scene dal Forum

 

Fine settima parte, continua.

La foto di apertura, come pure quelle interne sono di Gianfranco Maggio; a parte quelle della sezione "il Carapelli" e il ritratto dello chef Filippo Saporito, che invece sono di Carapelli Firenze.

 

LEGGI LA PRIMA PARTECosa è emerso al Forum Olio & Ristorazione

LEGGI LA SECONDA PARTE: L'olio di  parte quelle della sezioneintrattenimento

LEGGI LA TERZA PARTE: La ristorazione oliocentrica

LEGGI LA QUARTA PARTE: L'olio come oggetto di studio

LEGGI LA QUINTA PARTE: Il Garda Dop al ristorante

LEGGI LA SESTA PARTE: Più valore all'aceto

Maria Carla Squeo - 16-07-2019 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora