Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Nuovi studi su olio e salute

IL DOPO OOF 2019. Un eccesso di legislazione imbriglia un prodotto che ha invece molto da raccontare. Sono allo studio alcune soluzioni per contrastare tale fenomeno. L’obiettivo è rendere gli oli da olive più competitivi sul mercato. Di questo e altro si è parlato a Olio Officina Festival 2019, con un occhio sempre attento alle nuove evidenze scientifiche in campo nutrizionale

Cinzia Boschiero

Nuovi studi su olio e salute

Sono emersi dati utili alla manifestazione OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019 svoltasi di recente a Milano. E’ stata presentata una Guida vademecum “Olio extra vergine di oliva: un tesoro da custodire”, gratuita e scaricabile on line, voluta e realizzata da Assitol e Unione Nazionale Consumatori; è un utile supporto pensato per fornire informazioni essenziali a chi acquista l’olio con l’intento di salvaguardare le qualità dell’olio da olive attraverso una serie di regole da rispettare a casa, ma anche nei ristoranti e negli esercizi commerciali.

"L’ulivo (Olea europaea) fa parte della nostra storia e cultura” spiega Luigi Caricato, oleologo e direttore della manifestazione annuale Olio Officina Festival. "Non tutti sanno, però, ad esempio, che si dovrebbe dire olio da olive e non olio di oliva in quanto ci sono ben quattro distinte categorie merceologiche tra gli oli ricavati dalle olive (in ordine di qualità crescente: olio di sansa di oliva, olio di oliva, olio vergine di oliva, olio extra vergine di oliva), e in Italia vi sono ben 538 cultivar, ovvero altrettante varietà coltivate di olive da olio in Italia, tra cui Leccino, Frantoio, Moraiolo, Biancolilla, Coratina, Ogliarola, Moresca, Casaliva, Nocellara e molte altre”.

Sono stati anche presentati dei dati dei prof. ri Massimo Cocchi e Francesco Sardo, Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie dell’Università di Bologna,  che evidenziano come  sia l’olio da olive, sia la carne di maiale sono ricchi di acido oleico, elemento cruciale nella prevenzione della malattia ischemica cardiovascolare, con un effetto inibitorio anche sui vari aspetti della funzione piastrinica, che potrebbe essere associato a un ridotto rischio di malattie cardiache.

Inoltre se, fino a qualche decennio fa, per soddisfare le richieste dei consumatori bastava offrire buoni prodotti e migliorare la qualità dei servizi, oggi questo non sembra più sufficiente: le esigenze dei consumatori sono cambiate e lo schema cognitivo bisogno-acquisto-beneficio cui si ispirava il marketing tradizionale ha ceduto il posto a nuove strategie mirate a procurare al potenziale cliente un’esperienza emozionale, facendo leva sulla stimolazione sensoriale. Ne ha parlato la prof.ssa Rosalia Cavalieri, docente di filosofia e teoria dei linguaggi all’Università di Messina.

Un’altra informazione utile che è emersa e che l’olio di sansa, poco conosciuto, ricopre invece un ruolo molto importante per i suoi alti valori nutrizionali ed antiossidanti ed è in aperta concorrenza con gli oli da seme e gli altri grassi alimentari in base ad uno studio dell’Università di Udine e che attesta che nell’olio di sansa il contenuto in tocoferoli si assesta su livelli paragonabili a quelli degli oli vergini. Attenzione anche alle etichette perché le etichette presenti su una bottiglia d’olio non sempre consentono di esprimere tutto il valore degli oli da olive. Un eccesso di legislazione imbriglia un prodotto che ha invece molto da raccontare. Sono allo studio alcune soluzioni per contrastare tale fenomeno. L’obiettivo è rendere gli oli da olive più competitivi sul mercato.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Cinzia Boschiero - 05-02-2019 - Tutti i diritti riservati

Cinzia Boschiero

Appassionata di temi di natura e salute, giornalista specializzata su dati e bandi europei, conosce 4 lingue, lavora in Italia e all’estero per progetti di ricerca, innovazione e attività di dissemination (Horizon 2020 etc.). Ha vinto due grant del Parlamento europeo e ha ideato e realizza format televisivi e radiofonici su temi comunitari relativi all’agroindustria e ad altri settori. Organizza seminari, corsi di formazione e di aggiornamento per professionisti su normative e bandi europei. Con la sua società E.C.Partners lavora per enti, associazioni, imprese, fondazioni come ufficio stampa.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora