Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Più valore all'aceto

Al Forum Olio & Ristorazione spazio anche agli aceti. Sono stati importanti i contributi di pensiero e le proposte concrete di Elda Mengazzoli, dell’Acetificio Mengazzoli, di Eva Golia, catering made e resident chef presso la Scuola di cucina Sale&pepe, e di Mauro Olivieri, food designer di fama internazionale. Tra le innovazioni presentate, un prodotto completamente nuovo: l’aceto da grattugiare, una originale formulazione che ha lasciato stupefatto e incuriosito il pubblico (Sesta puntata. Continua)

Maria Carla Squeo

Più valore all'aceto

Forum Olio & Ristorazione, sesta puntata. Proseguiamo il nostro appuntamento con la cronaca di quanto si è ascoltato nell'ambito della seconda edizione dell'incontro dedicato ai consumi fuori casa di oli e condimenti, svoltosi a Milano lo scorso 27 maggio al Palazzo delle Stelline.

Nella prima puntata (Cosa è emerso al Forum Olio & Ristorazione) abbiamo riportato per sommi capi i punti salienti.

Nella seconda puntata ci si è soffermati sul concetto di "olio di intrattenimento", a lungo promosso dal direttore di Olio Officina Magazine Luigi Caricato (per leggere clicca il titolo L'olio di intrattenimento).

Nella terza puntata (La ristorazione oliocentrica), abbiamo dato spazio ad alcuni esempi pratici: il ristorante Aurevo di Palazzo di Varignana, e il progetto “Ricette Evo”, presentato da Cristina Santagata.

Nella quarta puntata (L'olio oggetto di studio), abbiamo raccolto le considerazioni delle sorelle Serena e Cristiana Mela, del Frantoio Sant’Agata d’Oneglia, intervenute insieme con Eugenio Boer, chef e patron del prestigioso Ristorante Bu:r a Milano.

Con la quinta puntata (Il Garda Dop al ristorante) si è argomentato in merito alle potenzialità, non sempre comprese, degli oli delicati dal fruttato leggero e in particolare a quello del Garda, a denominazione di origine protetta.

E questa settimana, la sesta puntata si sofferma sugli aceti, con l'esperienza dell'Acetificio Mengazzoli e della loro invenzione del Parpaccio, l'aceto da grattugiare.

L'ACETO DA GRATTUGIARE

A Milano si sono ascoltate opinioni ben strutturate, aperte a nuovi sviluppi. E aperte anche alla sfera dei condimenti in un senso più generale ed estensivo del termine, andando anche oltre la stessa materia prima olio da olive. Non c’è stata infatti la sola presenza degli oli da olive alla seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Hanno trovato spazio di rilievo anche gli aceti, con Elda Mengazzoli, dell’Acetificio Mengazzoli, e con lei, Eva Golia, catering made e resident chef presso la Scuola di cucina Sale&pepe, e, in collegamento Skype da Roma, Mauro Olivieri, food designer di fama internazionale, il quale con i Mengazzoli ha lavorato per giungere a un prodotto completamente nuovo: l’aceto da grattugiare. Questa originale innovazione di prodotto ha lasciato stupefatti i presenti. 

Tutto è partito dalla necessità di avere un prodotto utile, da impiegare nella preparazione di un piatto. “Questa esperienza dell’aceto solido, addirittura da grattugiare, è nata da un errore effettuato nella realizzazione di una crema a base di aceto e alghe, da cui è scaturita una evoluzione della crema originaria, proprio a partire da un errore di formulazione. Come spesso accade - ha evidenziato Elda Mengazzoli - si ottengono a volte risultati sorprendenti proprio in maniera fortuita. Ma poi, va anche detto, che si è studiato in maniera approfondita quanto è nato per caso, in modo da ottenere il risultato che oggi è sul mercato ed è apprezzato per i suoi esiti”.

Eva Golia, dal canto suo ha fatto vedere, annusare e provare concretamente l’aceto grattugiato di Mengazzoli.

  

“Non occorre mai commettere l’errore di considerare secondario un ingrediente come l’aceto, come pure lo stesso olio extra vergine di oliva”, ha tenuto a precisare la chef Eva Golia. “In cucina i condimenti esercitano un ruolo fondamentale. Olio e aceto non sono pertanto interscambiabili. Il panorama dei condimenti è molto ampio. Proprio per questo occorre approfondire bene tali materie prime, e provare, ogni volta provare, provare e provare tante volte, sperimentare, studiare”.   

Scene dal Forum
Il designer Mauro Oliveri in collegamento Skype

 

Fine sesta parte, continua.

La foto di apertura, come pure quelle interne, sono di Gianfranco Maggio.

LEGGI LA PRIMA PARTECosa è emerso al Forum Olio & Ristorazione

LEGGI LA SECONDA PARTE: L'olio di intrattenimento

LEGGI LA TERZA PARTE: La ristorazione oliocentrica

LEGGI LA QUARTA PARTE: L'olio come oggetto di studio

LEGGI LA QUINTA PARTE: Il Garda Dop al ristorante

 

Maria Carla Squeo - 09-07-2019 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri