Lunedì 19 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > ricette oliocentriche

Cruditè di zucchina con pane Carasau, cipolla egiziana ligure e fiori di geranio odoroso

Il modo di condire queste verdure è vario e si adatta ai tutti gusti e a tutte le forme di presentazione.
La proposta è di rimanere sul tradizionale condimento con olio di extra vergine di oliva, sale e pepe

Marco Damele

Cruditè di zucchina con pane Carasau, cipolla egiziana ligure e fiori di geranio odoroso

In Francia sono chiamate “cruditè” le verdure crude servite come antipasto o aperitivo e questo sano e veloce uso è diffuso ormai in tutto il mondo. Il modo di condire queste verdure è vario e si adatta ai tutti gusti e a tutte le forme di presentazione.

Io amo rimanere sul tradizionale condimento con olio di extra vergine di oliva , sale e pepe servito però di fantasia e passione per la cipolla egiziana ligure, anche in questo piatto protagonista di sapore e gusto insieme ad una base di pane carasau e ad una manciata di fiori freschi di geranio odoroso e finocchietto selvatico.

Ingredienti
2 zucchine lavate e tritate
Cipolla egiziana ligure fresca
Pane carasau
Fiori freschi di geranio odoroso
Finocchietto selvatico
Olio extravergine di oliva
Sale e pepe a piacere

Note 
Dopo aver tritato finemente le zucchine con un pizzico di sale e olio extravergine di oliva, servirle a strati, con alla alla base del pane carasau spezzettato grossolanamente, cipolla egiziana ligure e per guarnire il piatto di colore e vitamine, fiori di geranio odoroso e finocchietto selvatico

 


La Cipolla Egiziana Ligure è un progetto di Regalo e Baratto in Agricoltura. le foto sono di Marco Damele

Marco Damele - 09-05-2017 - Tutti i diritti riservati

Marco Damele

Imprenditore agricolo di Sanremo, perito agrario e tecnico di colture biologiche e biodinamiche, dal 2007 al 2012 è stato presidente dei giovani di Confagricoltura Imperia e Liguria. Dal 2013 fondatore e responsabile di R&B Agricoltura, realtà operativa impegnata a rafforzare l’idea di ruralità e nel contempo divulgare le conoscenze per prendere in esame con uno sguardo nuovo a tutto il sistema agro alimentare italiano. Dal 2015 è entrato nel comitato scientifico di Hortives, nato a Milano con lo scopo di conservare il valore genetico degli ortaggi coltivati attualmente in orticoltura; riscoprire antiche varietà e specie ormai scomparse o sostituite dalle nuove varietà ibride; valorizzare ortaggi antichi; riscoprire vecchi sapori tradizionali e tipicità andate perdute.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

È stata degustata l'annata 2013, ed è una esplosione di aromi e gusti. Al naso è molto intenso e persistente. Al gusto, molto speziato, sorprende con note balsamiche di menta e cioccolato > Enrico Rana

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo