Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > ricette oliocentriche

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

OO M

Felafel con hummus ai tre oli

Il rientro dalle vacanze può essere sorprendentemente piacevole con la ricetta giusta. Oleificio Zucchi è pronto a ripartire con i suoi oli, per raccontare i colori e sapori dell’autunno. 

La ricetta proposta dai Zucchi è stata concepita per far conoscere e promuovere una sana e approfondita cultura dell’olio.

Felafel con hummus ai tre oli

INGREDIENTI

500 g di ceci secchi

200 g di semi di sesamo

Succo di limone

2 spicchi di aglio

½ cipolla

1 ciuffo di prezzemolo

1 cucchiaino di cumino macinato

1 cucchiaino di coriandolo macinato

Bicarbonato

Sale

Paprika q b

Olio di semi di sesamo

Olio di semi di arachide

Olio extra vergine di oliva Sinfonia

 

PREPARAZIONE

Fate ammollare i ceci secchi per 24 ore in acqua fredda affinché si ammorbidiscano. Passato il tempo di ammollo, scolate e sciacquate i ceci. Mettete metà dei ceci a cuocere in una pentola con abbondante acqua salata per circa 2 ore.

Nel frattempo tostate 100 gr di semi di sesamo in una padella anti aderente per circa 2 minuti, mescolando spesso. Versate in un mortaio e lasciate intiepidire. Iniziate a pestare i semi di sesamo aggiungendo l'olio di semi di sesamo a filo, fino a ottenere un composto omogeneo.

Frullate i ceci cotti nel mixer con uno spicchio di aglio. Aggiungete la pasta di sesamo appena preparata e continuate a frullare. Aggiungete a filo l'acqua di cottura dei ceci sempre frullando, fino a quando l'hummus avrà la consistenza di una maionese. Condite con qualche goccia di succo di limone e un pizzico di sale, amalgamate bene e trasferite in una ciotola. Decorate la superficie con semi di sesamo e una spolverata di paprika. 

Prendete la metà di ceci ammollati crudi tenuta da parte e frullate con un mixer. Tritate grossolanamente la cipolla, uno spicchio di aglio e il prezzemolo e aggiungeteli ai ceci. Condite con il sale e le spezie e continuate a frullare, aggiungendo a filo l'olio extra vergine di oliva Sinfonia Zucchi fino ad ottenere una pasta omogenea, dalla consistenza morbida ma lavorabile. Assaggiate e regolate il sapore di sale e spezie. Infine unite il bicarbonato e date una frullata veloce.

Riscaldate l'olio di semi di arachidi. Con l'aiuto di un cucchiaio formate delle polpettine grandi circa come una noce. Schiacciatele leggermente e passatele sui semi di sesamo sesamo, quindi friggete in olio caldo fino a doratura.
Servite i falafel caldi, accompagnati da hummus e pane arabo.

 

GLI OLI

Olio di semi di sesamo. Ricco di acidi grassi essenziali insaturi, apporta naturalmente acido linoleico, è ottimo per saltare verdure o riso nel wok, e si adatta bene alle sperimentazioni etniche. Il caratteristico sapore di sesamo tostato è perfetto per valorizzare il gusto delle insalatone miste ricche di verdura, frutta secca o di stagione e formaggi.

Olio di semi di arachide. Artefice di fritture asciutte e gustose, soffritti leggeri e stuzzichini originali da servire accanto ad un bicchiere di vino. Stabile alle alte temperature, ha un colore giallo molto chiaro e un aspetto limpido. Utilizzato spesso nella cucina cinese, thai e vietnamita, si può provare anche a crudo su insalate esotiche, insaporite con frutta fresca e secca.

Olio extra vergine di oliva Sinfonia. Dalla sapiente selezione di cultivar dolci e aromatiche nasce quest’olio delicato e leggermente fruttato. In grado di confortare i palati più fini, quest’olio dal colore giallo verde è un prodotto molto versatile che facilmente si adatta a ogni gusto e condimento. Questo prodotto è consigliato da Legambiente.

 

 

OO M - 28-08-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti