Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Gajah Elephant Sumatra. Alla turca

Forse qualcuno si scandalizzerà. Pensiamo per esempio ai tanti cultori dell’espresso all’italiana, inteso come unico stile di preparazione del caffè. E invece, assaggiando gli Arabica provenienti dalle Gayo Highland di Aceh, coltivati a un’altezza di 1200 metri, si comprende bene come, dopo una breve bollitura nell’apposito recipiente che non volatilizza le molecole aromatiche, il gusto ci guadagna

Daniele Tirelli

Gajah Elephant Sumatra. Alla turca


Ho deciso che il miglior modo per gustare questo blend di Ateng e Djember era prepararlo alla turca (cioè in forma di decotto con tanto di deposito nella tazza). La qualcosa scandalizzerà i cultori dell’espresso all’italiana, inteso come unico stile di preparazione del caffè.

In realtà si possono meglio apprezzare le perduranti note muschiate, erbacee e di funghi di questo caffè a tostatura media e macinato al momento, proprio grazie alla breve bollitura nell’apposito recipiente che non volatilizza le molecole aromatiche. Questione di gusti!

Questi caffè arabica provengono dalle Gayo Highland di Aceh (Sumatra) e sono coltivati ad un’altezza di 1200 metri. Le prime coltivazioni a Sumatra furono introdotte nel 1888 nell’area del Lake Toba nelle regioni del Nord.

La varietà Sigarar Utang o Ateng è tuttavia recentissima e frutto di una mutazione spontanea di altre varietà. Prende il nome da un celebre attore nano di quel paese, in quanto la pianta è di altezza ridotta ma molto produttiva, tanto da essere definita una “super-varietà”. Rispetto ad altri caffè di Sumatra è più delicato.

Il Djember (o S795) fu introdotto nel 1955 e deriva da una particolare selezione della India Coffee Research Station, che condivide con il primo molti attributi comuni. Il tutto è dotato di un certo corpo e di un’acidità contenuta. Secondo me si presta bene anche al percolato all’america

Daniele Tirelli - 13-03-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria