Lunedì 23 Ottobre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Gajah Elephant Sumatra. Alla turca

Forse qualcuno si scandalizzerà. Pensiamo per esempio ai tanti cultori dell’espresso all’italiana, inteso come unico stile di preparazione del caffè. E invece, assaggiando gli Arabica provenienti dalle Gayo Highland di Aceh, coltivati a un’altezza di 1200 metri, si comprende bene come, dopo una breve bollitura nell’apposito recipiente che non volatilizza le molecole aromatiche, il gusto ci guadagna

Daniele Tirelli

Gajah Elephant Sumatra. Alla turca


Ho deciso che il miglior modo per gustare questo blend di Ateng e Djember era prepararlo alla turca (cioè in forma di decotto con tanto di deposito nella tazza). La qualcosa scandalizzerà i cultori dell’espresso all’italiana, inteso come unico stile di preparazione del caffè.

In realtà si possono meglio apprezzare le perduranti note muschiate, erbacee e di funghi di questo caffè a tostatura media e macinato al momento, proprio grazie alla breve bollitura nell’apposito recipiente che non volatilizza le molecole aromatiche. Questione di gusti!

Questi caffè arabica provengono dalle Gayo Highland di Aceh (Sumatra) e sono coltivati ad un’altezza di 1200 metri. Le prime coltivazioni a Sumatra furono introdotte nel 1888 nell’area del Lake Toba nelle regioni del Nord.

La varietà Sigarar Utang o Ateng è tuttavia recentissima e frutto di una mutazione spontanea di altre varietà. Prende il nome da un celebre attore nano di quel paese, in quanto la pianta è di altezza ridotta ma molto produttiva, tanto da essere definita una “super-varietà”. Rispetto ad altri caffè di Sumatra è più delicato.

Il Djember (o S795) fu introdotto nel 1955 e deriva da una particolare selezione della India Coffee Research Station, che condivide con il primo molti attributi comuni. Il tutto è dotato di un certo corpo e di un’acidità contenuta. Secondo me si presta bene anche al percolato all’america

Daniele Tirelli - 13-03-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Torta de aceite

Torta de aceite

Colazione con la celeberrima torta dell'azienda andalusa Inés Rosales. A base di olio da olive. Una delizia. L'avete mai provata? > Daniele Tirelli

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Oliva Ascolana del Piceno

Oliva Ascolana del Piceno

Un libro-manuale edito da Ascoliva, di cui sono autori Marino Felicioni, Leonardo Seghetti e Mario De Angelis, mette in evidenza un settore tra i meno conosciuti eppure di fondamentale importanza > Maria Carla Squeo