Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Gli oli del Salento? Tutti molto particolari

Il Salento è cresciuto, negli ultimi anni. I corsi, e i concorsi organizzati dalla scuola d'assaggio Olea, hanno permesso una significativa caratterizzazione sensoriale degli extra vergini salentini. Vi presentiamo il “saggio assaggio” di tre referenze dell’azienda Forestaforte, di Giovanni Melcarne: i monovarietali Leccino e Frantoio, e, in particolare, la Dop Terra d'Otranto

Lorenzo Cerretani

Gli oli del Salento? Tutti molto particolari

Sono reduce di una tre giorni a Racale, un grazioso centro abitato nei pressi di Gallipoli (in provincia di Lecce, per chi non conosce la zona). A Racale si sta svolgendo un corso per formare nuovi assaggiatori di olio di olive. Il corso l’ha voluto l’associazione Staisinergico una associazione che fa del coworking la propria parola chiave.

Nei primi tre giorni tanta teoria (oltre a me sono intervenuti il prof. Giovanni Lercker, Luigi Caricato e Giovanni Melcarne) e tanti assaggi, oltre ai difetti abbiamo assaggiato insieme 18 oli provenienti dal Salento ma che dalla Toscana, la Sicilia, l’Emilia-Romagna, la zona del Garda, le Marche e dalla Spagna. Altri oli provenienti da altre ragioni italiane saranno assaggiati nelle prossime giornate di corso.

Gli oli del Salento sono risultati tutti molto particolari. Il Salento è cresciuto negli ultimi anni, come ha ricordato Giovanni Melcarne, i corsi e i concorsi organizzati negli ultimi anni dall’associazione Olea hanno permesso una corretta caratterizzazione sensoriale degli oli prodotti dalle varietà Cellina di Nardo e Ogliarola Salentina. La prima in particolare, ma con minor intensità anche la seconda sono caratterizzate da note che ricordano chiaramente alcuni frutti di bosco più nello specifico il lampone.

Come ricorda Giovanni Melcarne, oltre che produttore e frantoiano presidente del Consorzio dell'olio Dop Terra d’Otranto, sono i perni della Dop di questo territorio, ma purtroppo sono le varietà più “sensibili” alla Xylella Fastidiosa e pertanto sono le varietà che in questi anni sono state più colpite. Questo non ha modificato le caratteristiche degli oli, ma ha portato purtroppo alla morte di decine di migliaia di piante.

Tra gli oli assaggiati abbiamo analizzato anche i tre prodotti dell’azienda Forestaforte di Giovanni Melcarne, che descriviamo qui di seguito:

Il monovarietale Leccino ci ha colpito per le note aromatiche fresche ben marcate. Il frutto dell’oliva verse si accompagnava bene con gli odori di mandorla verde. L’amaro era lieve mentre la nota piccante spiccava e persisteva nel tempo. Al gusto la nota dolce è risultata la prevalente. Quest’olio si è distinto per il buon equilibrio.

Il monovarietale Frantoio ha mostrato note più evidenti del precedente. Al naso sono risultate molto gradevoli le note di fruttato di oliva verde che sin accompagnava agli odori di foglia di olivo e di mela. Al gusto era evidente la nota amara e ben marcato il piccante in buon equilibrio con la nota dolce.

Infine, la Dop Terra d’Otranto è risultata la più “caratteristica”, la più affine al territorio. Un olio dai sentori marcati, in alcuni casi possenti. L’odore di frutta di oliva verde era deciso, il sentore amaro era molto evidente. Oltre a questi sono risultati evidenti gli odori ed i sapori della cicoria, ma anche dei frutti di bosco.

Lorenzo Cerretani - 26-02-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria