Venerdì 18 Agosto 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato

Luigi Caricato

Il mio nome è Italo

Una famiglia dedita a un sogno: coltivare l’olivo. E questo sogno ha un nome: Italo. E Italo nasce in Abruzzo ed è frutto di un’azienda agricola che fa perno su una tradizione ormai consolidata da ben quattro generazioni di esperienza maturata sul campo.

La regione Abruzzo, così come si legge nel sito aziendale, con decreto n. 2694 del 27 settembre 1996, "ha riconosciuto la professionalità del produttore e l'elevata qualità e genuinità del prodotto conferendo alla Fattoria del Torquato l'ambito marchio Abruzzo Qualità”.

Il nome dell’azienda è mutuato dalla località Torquato, posta sulle colline teramane in agro di Sant’Omero, proprio a ridosso del mar Adriatico.

Il nome dell’olio riprende invece il nome di Italo, Italo Giancola, che con Filippo ha dato impulso a un nuovo corso aziendale, praticando una olivicoltura moderna e razionale.

L'olio prodotto dalla Fattoria del Torquato si contraddistingue per la sua versatilità, essendo un olio dal fruttato medio, si presta a svariati impieghi.

Le olive da cui l’olio si estrae sono coltivate a Sant’Omero, e sono l’espressione delle cultivar Frantoio, Dritta, Leccino, Moraiolo e Carboncella.

La qualità la si riscontra all’assaggio, e il rapporto qualità/prezzo/rendimento lo rende molto apprezzabile: 6 euro il formato da 500 ml.

SAGGIO ASSAGGIO

È verde dai riflessi dorati, limpido alla vista.
All'olfatto si apre con profumi freschi di oliva, che rimandano nettamente al frutto verde, con richiami altrettanto evidenti al carciofo e al cardo, oltre a una marcata e piacevole connotazione erbacea.
Al palato l’impatto iniziale è dolce, e si presenta morbido e vellutato, dal gusto vegetale di carciofo e mandorla, con note amare e piccanti ben dosate, che si percepiscono in maniera progressiva, armonica, senza mai risultare sgradite.
In chiusura una lieve punta piccante e un ritorno di mandorla verde e di erba di campo.

 

Luigi Caricato - 25-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
L'apertivo insolito

L'apertivo insolito

La cipolla egiziana ligure marinata, le olive Taggiasche e l’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure. Ed è fatta. Ovvero: quando l'essenziale rende appetibile il necessario > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Alla Terme della Versilia, presso l'Hotel Villa Undulna, a Cinquale, ci sono tutte le occasioni per ritemprarsi all'interno della spa, e non solo durante l'estate. Una grande attrazione la esercitano in particolare due preziosi elementi della natura, con le loro virtù terapeutiche: l’acqua salsobromoiodica e la torba del vicino lago di Massaciuccoli > Maria Carla Squeo

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo