Mercoledì 16 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

L‘Uomo di Ferro e i suoi oli

Cronaca di un sabato mattina trascorso con Massimiliano D’Addario erede e motore dell’azienda agricola Marina Palusci di Pianella, nel Pescarese, tra tour negli oliveti, là dove domina la scena la varietà Dritta, e degustazioni ragionate di monovarietali e blend

Lorenzo Cerretani

L‘Uomo di Ferro e i suoi oli

La mattinata è iniziata con un interessante ed intenso tour negli oliveti “storici” della famiglia, allevati dai nonni e poi dai genitori di Massimiliano. Ho potuto cogliere in questa passeggiata l’attaccamento al territorio, all’oliveto ed ai vigneti di famiglia. In questo territorio dominato soprattutto dalle varietà Dritta e Leccino mi ha colpito vedere anche la presenza del Leccio del Corno e la diffusa coltivazione dell’Intosso.

Su queste varietà si basano gli oli prodotti dall’azienda Marina Palusci.

Abbiamo assaggiato in sequenza:

ALCHIMIA

Ottenuto dalla trasformazione in purezza delle olive della varietà Leccio del Corno raccolte con un grado di invaiatura avanzato tra il 12 ed il 14 novembre 2016.
Le olive sono state raccolte per questa varietà in questa data allo scopo di ottenere un olio fruttato leggero, con fresche note vegetali caratterizzato in bocca da un amaro molto tenue, appena percettibile. Il piccante è risultato leggero ma vivace. Al gusto sono risultate dominanti le note dolci.

OLIOMANIA olio BIO

Ottenuto da un olivaggio delle varietà Dritta, Maurino, Leccino e Frantoio. Quest’olio è risultato caratterizzato da un fruttato di oliva leggero accompagnato da una delicata nota di mandorla verde. Quest’olio ha mostrato al gusto un amaro più deciso del precedente sostenuto da un gradevole piccantino.

L’extravergine

Ottenuto da un olivaggio di Dritta (per il 60%) e Leccino (per il restante 40%) raccolte dal 10 al 22 ottobre 2016 rappresenta una valida espressione dell’olio tipico di questo areale. Un olio caratterizzato da una buona nota di fruttato di oliva verde accompagnato da un buon amaro e piccante. Note olfattive gradevoli e ben evidenti di mandorla verde/amara, di cicoria e carciofo.

iOil Intosso

Un monovarietale dalle mille sorprese. Un olio che ha catturato l’attenzione del grande Bottura che l’ha scelto per la preparazione di alcuni dei suoi famosi piatti.
Questa varietà è stata da sempre utilizzata nel territorio per la produzione delle olive da mensa. Massimiliano ha pensato di utilizzarla per la produzione di olio per via delle piacevoli note aromatiche che caratterizzano l’olio che si ottiene. Quest’anno le olive sono state raccolte in Settembre e l’olio ottenuto ha messo in evidenza intensità profumi verdi e freschi.
L’olio è risultato caratterizzato da un fruttato di oliva verde di buona intensità accompagnato da profumi diversi e gradevoli: il pomodoro verde, l’erba tagliata ed il carciofo.
Al gusto spicca la nota piccante sulla piacevole sensazione amara.

L’UOMO DI FERRO

Dulcis in fundo abbiamo assaggiato il più possente del gruppo ottenuto da olive della sola varietà Dritta raccolte nel mese di Settembre. Il fruttato di olive si esprime con altre note aromatiche molto marcate. Il profumo di mandorla caratteristico della varietà si mostra all’olfatto e si conferma in bocca nella sua espressione più verde. I profumi di cicoria e di cardo si accompagnano al gusto al sentore di rucola e del mallo della noce verde. Un amaro vigoroso ed un piccante della stessa intensità confermano l’armonia delle note intense.

Lorenzo Cerretani - 11-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti