Lunedì 23 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Quanto è buono l’olio della Tunisia

Si chiama Imperialis e si è imposto all’attenzione anche al Premio Le Forme dell'Olio 2017. A produrlo ad Hammamet è la famiglia Bichiou, che lo pone in commercio con il brand Tanit Mediterraneum. All’assaggio, la grande sorpresa. Un extra vergine di grande potenza ed eleganza, da olive Chemlali e Chetoui

Luigi Caricato

Quanto è buono l’olio della Tunisia

Chi ha avuto modo di recarsi in vacanza in Tunisia, e in particolare ad Hammamet, avrà avuto modo anche di apprezzarne la cucina. Chi ama cibi speziati, non mancherà di consumare le carote piccanti, quale antipasto. Oppure una ricca zuppa di pesce, che i raffinati gourmet conoscono molto bene, nel suo nome del luogo: corba el hout.

Ecco, tra le tante proposte culinarie tunisine, l’olio che ho avuto modo di apprezzare, l’Imperialis di Tanit Mediterraneum, è così versatile che lo si può utilizzare per ogni pietanza. Non solo, per qualsiasi altra cucina, anche non tunisina. Sarebbe dunque il caso che lo si provasse anche con piatti di una delle tante cucine regionali italiane. Sembra cucito addosso, come un abito su misura. Se l’olio Imperialis entrasse in Italia nei consueti canali commerciali, sarebbe apprezzato da molti consumatori, anche i più esigenti.

Ecco allora quel che si è riscontrato all'assaggio dell’olio in purezza.
Alla vista è verde dai riflessi dorati, limpido. Basta versare l’olio nel bicchiere e già si avverte la freschezza olfattiva. Si apre infatti al naso con note erbacee e profumi vegetali di carciofo, oltre ai richiami che rimandano in maniera netta alle erbe di campo. Si tratta di un fruttato di media intensità.

Cosa succede quando lo assumiamo in bocca, già si nota l’amaro e il piccante che si percepiscono netti quanto ben dosati, in perfetto equilibrio. Al palato si coglie immediatamente la buona fluidità, unitamente alle note di erbe di campo e vari ortaggi, tra cui la cicoria selvatica.

In chiusura si percepisce, gradevole, una punta piccante e una lieve nota di mandorla verde.

È un olio versatile, adatto a crudo come in cottura. Soprattutto adatto con verdure e pesci, senza tuttavia disdegnare piatti a base di carne e formaggi.


Imperialis, Tanit Mediterraneum, Hammamet, Tunisia
È un blend di oli estratti da olive Chemlali e Chetoui in coltivazione biologica.

Luigi Caricato - 14-03-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Carapelli, prima azienda a utilizzare il marchio FOOI

Carapelli, prima azienda a utilizzare il marchio FOOI

L'olio extra vergine di oliva premium “Il Nobile”, primo olio  con marchio 100% italiano in scaffale in Gdo, da maggio, con firma Filiera Olivicola Olearia Italiana e requisiti chimico-fisici più restrittivi di quelli europei, anche per i residui fitosanitari. È ottenuto da un blend di cultivar Cima di Bitonto (barese), Peranzana (foggiano), Coratina (nord barese) e Ogliarola (Mezzogiorno d’Italia)

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Regole precise per considerare i claim degli oli da olive

Il segreto della longevità? La scienza lo ha dimostrato: l’olio extra vergine di oliva fa parte di questa “ricetta” di lunga vita. Si tratta di uno degli approfondimenti affrontati nella lectio magistralis tenuta di recente a Milano dal prof. Gabriele Riccardi, ordinario di Endocrinologia all'università Federico II di Napoli e diabetologo, oltre che specialista della nutrizione umana. Nostra intervista allo studioso, membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nutrizionale Carapelli onlus

BIBLIOTECA OLEARIA
Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?