Mercoledì 16 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Scegliere una birra non è facile

Sceglierla per abbinarla a un alimento è molto, molto più arduo. Cosa bere dunque con una Mimolette Extra-Vieille di 24 mesi, mentre rosseggiano Le Grand Charmoz, le Grepon, la Blatiere, le Dent du Caiman e tutte le altre guglie, una volta luoghi inaccessibili e sede di mostri fantastici, oggi scaglie aguzze di granito che sfidano il tempo?

Daniele Tirelli

Scegliere una birra non è facile

Per primo bisogna capire la Mimolette, detta anche Vieux Hollande o Boule de Lille, che fu il formaggio preferito da Charles De Gualle. Imitazione dell’Edam olandese, nacque nella Francia del Nord, nel 1600. La volle Jean-Baptiste Colbert, ministro di Luigi XIV, artefice del “mangiate Francese!”: … il divieto “mercantilista” di importare generi alimentari dall’estero, una sorta di Km zero obbligatorio (il sogno, in Italia, di molti politici e vari gruppi di pressione).

Per distinguerlo dal formaggio olandese venne tinto di arancio aggiungendo del roucou, un colorante naturale estratto dalla Bixa Orellana, una pianta che cresce in Centro-Sud America.

Formaggio ricco e corposo (45% di materia grassa), a pasta pressata, di forma sferica e un peso dai 2 ai 4 Kg, presenta, oltre al caratteristico colore arancio, una buccia secca, grigiastra con buchi prodotti volutamente dai ciron (Acarus Ciro), degli acari che mangiando la crosta generano fori che permettono però al formaggio di respirare e maturare.

Stagionata per 24 mesi, la Mimolette arricchisce la sua componente aromatica e indurisce la sua pasta cerosa, occhiata qua e là. Resta tuttavia un formaggio garbato. I suoi sapori sono netti e peculiari: profuma di noce; in bocca rilascia, in apertura, la nocciola, poi una nota salata da cui emerge il caramello e quindi un tipico sentore amaro di caffè ben percepibile che finisce in un dolce-salato.
Curiosamente, la Mimolette, un tempo surrogato, copia di un altro formaggio è divenuta oggi un AOP Label Rouge con una sua tradizione.

La birra: una belga, bionda Kasteel Tripel (possibilmente invecchiata), che tenda anch’essa al dolce del caramello, con un amaro contenuto, un tono secco e fruttato e 11° alcolici per pulire il palato dalla pastosità del formaggio. In mancanza di altre idee, mi sembra possa andare.

 

Daniele Tirelli - 06-09-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti