Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Si chiama Naturalmente biologico ed è una abbinata tra due cultivar binarie

In Puglia ci sono due varietà di olive, di carattere opposto, che si integrano alla perfezione. Insieme, costituiscono un olio che piace molto al consumatore. Il nome di quest’olio extra vergine di oliva richiama esplicitamente la coltivazione biologica degli ulivi, e reca la firma di Agridè

Maria Carla Squeo

Si chiama Naturalmente biologico ed è una abbinata tra due cultivar binarie

L’azienda produttrice è la bitontina Agridè, con sede nella capitale indiscussa dell’olio, terra dove vi sono piante di olivo Ogliarola barese e dove alligna il celebre clone Cima di Bitonto.

Cosa succede quando a una cultivar nota per la sua dolcezza e armonia, per la sua rotondità e dolcezza, incontra un’altra cultivar, sempre in terra di Bari, che ha nome Coratina?

Succede che se mescolati bene gli oli ricavati da queste due cultivar possono andare incontro ai gusti del consumatore, il quale vuole sì la freschezza e il carattere dell’olio amaro e piccante, ma ammorbidito, reso più domesticabile e meno aggressivo, anzi per niente sbilanciato nelle sue note amare. Ecco allora Naturalmente biologico.

Alla vista si presenta di colore giallo oro dai riflessi verdolini, limpido.

Nella nota olfattiva si evidenziano i profumi che rimandano all’oliva fresca, verde, con una chiara prevalenza dei sentori di mandorla verde.

Al palato si presenta morbido e rotondo, con un evidente sensazione di dolcezza, unitamente a una buona fluidità e armonia, con l'amaro e il piccante della Coratina che si presentano ben dosati, co un gusto vegetale di carciofo.

In chiusura ritornano le note del frutto verde, i toni mandorlate e anche i richiami alle erbe di campo.

È versatile, seppure con carattere, ideale per zuppe di legumi e per tutte le verdure cotte al vapore. Inutile dire che le orecchiette con cime di rapa quest’olio è proprio molto indicato, più di un monovarietale Coratina, perché la nota amara delle cime di rapa si smorza per via della presenza, in questo blend, dell’olio da olive Ogliarola barese.

Maria Carla Squeo - 13-03-2018 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti