Martedì 11 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo

Maria Carla Squeo

Think green

L'Umbria è terra di grandi oli, e la denominazione di origine protetta regionale è la chiara dimostrazione di un grande lavoro, molto serio, che ha fatto perno, in tutti questi anni, sulla centralità del  territorio. Ma non è solo il territorio ad aver messo in evidenza l'imprenditoria di una regione, c'è anche la capacità di fare impresa, che ha permesso a tante aziende di imporsi sul mercato anche con oli extra regionali.

Ecco allora una azienda che ha saputo lavorare sulla materia prima olio da olive, e si è imposta sul mercato. attraverso

È suo olio extra vergine di oliva, il Think green 100% Italiano, che prendiamo in considerazione.

Giallo dai chiari riflessi oro e dalle sfumature verdi, si presenta limpido alla vista. Quando lo versiamo nel bicchiere dell'assaggio, cogliamo subito le sensazioni erbacee, i richiami alle erbe di campo e a una serie di note vegetali tipiche degli oli italiani, il sentore di carciofo in particolare.

E sempre la sensazione del carciofo si percepisce anche al gusto, mentre la sensazione che si prova immediatamente al palato è una certa morbidezza e armonia delle note amare e piccanti, tutto è ben dosato.

In chiusura, altra classica percezione di molti oli italiani, i classici toni mandorlati, oltre che una lieve punta piccante.

La nota rotonda e armonica, lo rendono particolarmente versatile e adatto a molteplici impieghi.

Maria Carla Squeo - 01-05-2017 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti