Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > aceti

L’aceto è balsamico

E’ un condimento ancora poco conosciuto, seppure d’utilizzo comune. L’aceto non è tuttavia un vino nato male. C’è tanta progettualità dietro. E tanta professionalità, attraverso l’operato dell’oxologo. A Olio Officina Food Festival un focus di una intera giornata dedicato ai balsamici di Modena

Maria Carla Squeo

L’aceto è balsamico

Dopo le attenzioni riservate lo scorso anno agli aceti, obiettivo che il direttore di Olio Officina Food Festival non ha mai trascurato, questa volta, nel corso della terza edizione del grande happening pensato proprio per onorare i condimenti buoni per il palato e per la mente, i riflettori si concentreranno nell’arco di una intera giornata, venerdi 24 gennaio, sugli aceti.

L’appuntamento è in sala Agnesi, ma anche in sala Leonardo. In quest’ultima sala in particolare, ci sarà l’enologo Giulio Davoli, il quale racconterà intorno a un figura poco nota, anzi possiamo senza dubbio dire del tutto sconosciuta: l’oxologo, ovvero colui che è esperto di aceti.
Oxologo è infatti una voce greca – oxos significa aceto, appunto.

Eppure di bravi oxologi ve ne sono, soprattutto quando si ha a che fare con gli aceti balsamici. Secondo l’oxlogo Alberto Ferrari c’è una differenza tra gli aceti comuni – di vino o di mela o di altre tipologie – e gli aceti balsamici. Nel primo caso l’apporto tecnologico è determinante. Il 90 per cento degli aceti di vino è tecnologia. Per il balsamico è diverso: il rapporto è 50 e 50. Ci vuole l’intervento dell’uomo, molto più detreminante.

C’è sempre qualcosa da imparare. Anche se praticata da sempre, quella dell’oxologo è una professione in realtà sconosciuta, pur se significativa per la qualità delle produzioni che si possono ricavare quando vi è una progettualità. La stessa voce oxologo, in verità, è pressocché sconosciuta ai più, prima ancora che poco praticata. In qualche modo si evita pure di qualificarsi oxologi. Non è un caso che a intervenire al festival ci sarà Giulio Davoli, che preferisce qualificarsi come enologo.

A parte queste riflessioni, certamente non secondarie, c’è da dire che c’è ancora molto da apprendere. Pur essendo un prodotto d’uso comune, che si utilizza con frequenza, non tutti ancora lo conoscono a sufficienza.

Quanto agli aceti balsamici, questi si percepiscono come prodotti di gran pregio, ma nonostante ciò non tutti ancora conoscono i modi per impiegarlo. Vi è un uso limitato a un ricettario convenzionale, con le classiche preparazioni riportate comunemente nella pubblicistica, ma per valorizzare un prodotto al di là delle consuetudini, si dovrebbe acquisire la capacità di andare oltre gli usi abituali e individuare nuovi moduli espressivi.

Così, al festival, grazie anche all’apporto professionale dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto, è possibile compiere un utile percorso formativo. Ciò che conta sapere, è che l’aceto Balsamico di Modena non è un aceto come tanti altri in circolazione, ma l’espressione di una consolidata tradizione del territorio modenese che appartiene intimamente alle famiglie del territorio, un’area simbolo in cui è circoscritta la produzione, dove il prodotto è nato più di cinquecento anni fa. Il balsamico lo si produce nelle acetaie, luogo in cui molte generazioni vi ritrovano anche la propria identità.

Tra i relatori alla giornata dell’aceto balsamico ci sono Fabrizio Gaggioli, che presenta tra l’altro la quality & consumer map, una mappa in cui si descrive in ogni suo particolare l’aceto balsamico, distinguendolo per grado di qualità, gusto e sapore, con, in più, a supporto, anche gli indicatori della qualità percepita dal consumatore finale, in relazione a tre elementi portanti, ovvero: la densità, il mosto e il tipo di maturazione.

Ad argomentare intorno alle materie prime dell’aceto balsamico ci penserà l’enologo Giulio Davoli, diciamo pure l’oxologo. Si scopre che i fattori distintivi che portano a un prodotto unico ed esclusivo fanno perno intorno a un territorio circoscritto in cui si coltivano i vigneti caratteristici, dove anche le nebbie e la forte umidità, influendo sul microclima, fatto di forti escursioni termiche fra il giorno e la notte, l’estate e l’inverno, determinano la caratterizzazione del prodotto.

Per quanti amano saperne di più, vi è anche l’occasione e opportunità di sentire Cristina Sereni, della Consorteria dell’aceto Balsamico Tradizionale, una vera istituzione per chi apprezza i balsamici. La Consorteria è stata istituita nel 1967 e nasce a Spilamberto. Si propone di promuovere, organizzare e sostenere, in tutti i modi possibili, iniziative e manifestazioni, corsi di formazione e approfondimento. Sarebbe bene farci un salto e visitare il museo.

Per chi non ha l’occasione di andare sul teritorio e si trova nelle sale del palazzo delle Stelline, a Olio Officina Food Festival, ci sono tante degustaziono guidate, a cura di Cristina Sereni. Non solo gli aceti balsamici Igp e Dop, anche i prodotti innovativi come una bella intuzione dei Cremonimi, il Balsamic Drink.

Gli assaggi guidati sono rivolti a un numero massimo di circa venti persone. Per chi vuole approfondire le possibili implicanze e combinazioni in cucina, ci pensa anche Giulia Gibertoni, tra le relatrici della giornata a Milano. Si scoprirà che l’aceto balsamico non è un prodotto solo della festa, lo si può utilizzare con frequenza - certo, in base anche alla tipologia di balsamico e la grado di invecchiamento. Non c’è un solo aceto balsamico, ma tanti e differenti, variegati, seppure comunque riconducilio a una impronta comune. A degustare, la differenza la si coglie. Non esitate a provare.

 

 La foto a corredo dell'articolo è di Acetaia Giuseppe Cremonini

Maria Carla Squeo - 12-01-2014 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo