Martedì 16 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > aceti

L’alta densità del Balsamico

E’ stato volgarmente denominato “industriale”, ma, a partire dal 2009, è per tutti l’aceto Balsamico di Modena Igp. A raccontarcelo un addetto ai lavori

Fabrizio Gaggioli

L’alta densità del Balsamico

L’Aceto Balsamico di Modena, denominato volgarmente “industriale” sino al 2009, e Aceto Balsamico di Modena Igp a partire da tale data, ha conosciuto una vigorosa crescita in termini di qualità negli ultimi dieci anni, al punto di avvicinarsi in taluni casi all’Aceto Balsamico di Modena Tradizionale Dop 12/25 anni.

Il disciplinare di produzione imposto dall’Igp ha sicuramente aiutato questo fenomeno, imponendo una percentuale minima di mosto, la maturazione in legno e l’utilizzo di materie prime selezionate.

Accanto all’aspetto normativo anche la tecnologia e l’innovazione messa in pista dalle aziende leader del settore hanno dato forte impulso alla creazione di qualità sempre migliori.

E’ importante sapere che il fattore più importante per determinare la qualità dell’Aceto Balsamico di Modena Igp, ottenuto da una miscela di aceto di vino e mosto d’uva, si può identificare nella percentuale di mosto contenuta nel blend.

Al crescere della quantità di mosto si ha un aumento della densità del prodotto e della sua dolcezza, cosi come la qualità percepita da parte del consumatore finale.

Oggi è possibile trovare sul mercato Aceti Balsamici di Modena Igp con una percentuale di mosto superiore al 60%, come le qualità “5 grappoli” e “Puro Modena Barrique” di Acetaia Giuseppe Cremonini.

Questi prodotti hanno una densità uguale a quella del Balsamico Tradizionale 12/25 anni e un gusto che gli si avvicina molto.

Questi prodotti ad Alta Densità sono ideali per esaltare i sapori di risotti, Parmigiano Reggiano, gamberi, tonno fresco, carne rossa, formaggi stagionati, macedonie di frutta e gelato.

 

 

La foto di apertura è gentilmente fornita da Acetaia Giuseppe Cremonini.

Fabrizio Gaggioli - 04-03-2014 - Tutti i diritti riservati

Fabrizio Gaggioli

E' direttore commerciale di Acetaia Giuseppe Cremonini, azienda operante a Spilamberto, in provincia di Modena, cittadina storicamente riconducibile all'aceto balsamico, dove appunto tutto ha avuto inizio oltre cinquecento anni fa e in cui ha sede sia il Museo dell’Aceto Balsamico di Modena Tradizionale Dop, sia la Consorteria dell' Aceto Balsamico.

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Coratina del Frantoio del Poggiolo Monini

Il Coratina del Frantoio del Poggiolo Monini

Oli extra vergini di oliva che sorprendono. Ecco la nuova linea di monovarietali della famiglia Monini. La celebre varietà esprime eleganza e finezza, corpo e carattere, sentori erbacei freschi  > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Stefano Bollani entra a far parte della Hall of Fame di Casa Menotti

Stefano Bollani entra a far parte della Hall of Fame di Casa Menotti

La cerimonia, che si è svolta sabato 13 luglio a Casa Menotti a Spoleto, ha visto come protagonista il pianista toscano. Si tratta del primo musicista nella categoria Big a ricevere il Premio Monini “Una Finestra sui Due Mondi”

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo