Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > aceti

L’alta densità del Balsamico

E’ stato volgarmente denominato “industriale”, ma, a partire dal 2009, è per tutti l’aceto Balsamico di Modena Igp. A raccontarcelo un addetto ai lavori

Fabrizio Gaggioli

L’alta densità del Balsamico

L’Aceto Balsamico di Modena, denominato volgarmente “industriale” sino al 2009, e Aceto Balsamico di Modena Igp a partire da tale data, ha conosciuto una vigorosa crescita in termini di qualità negli ultimi dieci anni, al punto di avvicinarsi in taluni casi all’Aceto Balsamico di Modena Tradizionale Dop 12/25 anni.

Il disciplinare di produzione imposto dall’Igp ha sicuramente aiutato questo fenomeno, imponendo una percentuale minima di mosto, la maturazione in legno e l’utilizzo di materie prime selezionate.

Accanto all’aspetto normativo anche la tecnologia e l’innovazione messa in pista dalle aziende leader del settore hanno dato forte impulso alla creazione di qualità sempre migliori.

E’ importante sapere che il fattore più importante per determinare la qualità dell’Aceto Balsamico di Modena Igp, ottenuto da una miscela di aceto di vino e mosto d’uva, si può identificare nella percentuale di mosto contenuta nel blend.

Al crescere della quantità di mosto si ha un aumento della densità del prodotto e della sua dolcezza, cosi come la qualità percepita da parte del consumatore finale.

Oggi è possibile trovare sul mercato Aceti Balsamici di Modena Igp con una percentuale di mosto superiore al 60%, come le qualità “5 grappoli” e “Puro Modena Barrique” di Acetaia Giuseppe Cremonini.

Questi prodotti hanno una densità uguale a quella del Balsamico Tradizionale 12/25 anni e un gusto che gli si avvicina molto.

Questi prodotti ad Alta Densità sono ideali per esaltare i sapori di risotti, Parmigiano Reggiano, gamberi, tonno fresco, carne rossa, formaggi stagionati, macedonie di frutta e gelato.

 

 

La foto di apertura è gentilmente fornita da Acetaia Giuseppe Cremonini.

Fabrizio Gaggioli - 04-03-2014 - Tutti i diritti riservati

Fabrizio Gaggioli

E' direttore commerciale di Acetaia Giuseppe Cremonini, azienda operante a Spilamberto, in provincia di Modena, cittadina storicamente riconducibile all'aceto balsamico, dove appunto tutto ha avuto inizio oltre cinquecento anni fa e in cui ha sede sia il Museo dell’Aceto Balsamico di Modena Tradizionale Dop, sia la Consorteria dell' Aceto Balsamico.

Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo