Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > aceti

La qualità dell’aceto all’assaggio

Proviamo ad accostarci a un aceto con il solo aiuto dei nostri sensi. Occorre come primo strumento un lessico che sia accettato e condiviso da tutti i degustatori, in modo che non ci sia imprecisione nel definire il profilo sensoriale. Nel frattempo, ecco l’approccio sensoriale

Luigi Caricato

La qualità dell’aceto all’assaggio

Vista, olfatto, gusto, ma anche sensazioni tattili e chinestetiche. Avete mai provato a degustare un aceto. L’avete mai fatto?

Forse vi sembrerà strano e poco probabile, ma è ciò che in molti consumatori pensavano dell’olio da olive non molti anni fa. Quindi, nessuna resistenza. Provate. Non desistete.

La vista Il primo approccio avviene con gli occhi, per valutare il colore, la sua intensità; quindi si osserva l’aspetto, la viscosità, la consistenza, la torbidità o limpidezza del liquido.

L’olfatto Si procede successivamente all’identificazione degli aromi, una serie di composti presenti nella composizione degli aceti che si percepiranno con nitidezza soprattutto se il campione da degustare è a temperatura ambiente. Diversamente non si coglierebbero nella loro giusta evidenza i profumi, sia quelli positivi, sia gli eventuali attributi negativi. L’olfatto tende a percepire e a distinguere in maniera chiara le varie molecole responsabili degli odori solo quando le condizioni dell’assaggio sono da considerarsi ideali. Le molecole presenti nei vari gruppi di sostanze di cui è composto l’aceto, si possono percepire sia per via nasale, sia, in modo questa volta indiretto, per via retronasale. Cosa significa sensazione retronasale, o come viene altrimenti detta retro-olfattiva? Molto semplice, con tale termine si indicano quel complesso di sensazioni percepite uno volta espulso l’aceto che abbiamo degustato dalla bocca, scomparso dunque lo stimolo sensoriale che si è appena percepito per via orale. Le sensazioni percepite vengono successivamente valutate anche in base all’intensità, non solo dunque in ragione di pregi e difetti organolettici. Un aceto dalle note olfattive intense – per fare un esempio – diventa ideale su pietanze sulle quali vogliamo far esaltare i sapori, tanto da renderle più sapide e appetibili. A condimento di unaghiotta coppa di fragole di bosco, ci va invece un aceto – ovviamente balsamico in tal caso – dal profumo più tenue, meno marcato .

Il gusto e le sensazioni tattili e chinestetiche In bocca i nostri recettori, localizzati in gran parte sulla lingua, percepiscono i quattro sapori di dolce, amaro, acido e salato; ma anche la fluidità, la caratteristica pungenza, che può essere più o meno intensa, la consistenza al palato, il corpo che coincide con la sensazione del grado di densità e compattezza del prodotto.

I descrittori Quelli selezionati al momento comprendono una vasta scelta di attributi che costituiscono senz’altro un passo utile alla buona causa della valorizzazione. Attraverso un approccio sensoriale scientificamente definito, si potrà così giungere in tempi brevi a codificare, come già è avvenuto con altri alimenti, il profilo sensoriale di un prodotto in maniera attendibile e ufficiale. Ecco alcuni tra i più significativi descrittori. Alla vista: viscosità, limpidezza, brillantezza; all’olfatto: pungenza, forza, fruttato, legno, vinoso; in bocca: acido, dolce, salato, astringente, aspro, fluidità, consistenza.

 

Si ringrazia per la gentile concessione della foto di apertura l'Acetaia Cremonini

Luigi Caricato - 26-08-2014 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo