Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > aceti

Viaggio alla scoperta del Balsamico

Anticipazioni dal programma Olio Officina Food Festival 2015. Anche nella prossima edizione del grande happening dedicato ai condimenti per il palato e per la mente, spazio a una materia prima tra le più prestigiose del made in Italy. Due sessioni di degustazione, e, tra le protagoniste della scena, l’Acetaia Giuseppe Cremonini

OO M

Viaggio alla scoperta del Balsamico

OLIO OFFICINA FOOD FESTIVAL 2015. Dopo il grande successo della passata edizione, anche la prossima avrà l’aceto balsamico in primo piano. Sarà la degustazione a essere il perno di una intera giornata. Alcuni dettagli del programma, con una anticipazione che sappiamo farà la gioia degli appassionati.

Si inziia al mattino con un’ora dedicata a un “Viaggio alla scoperta del Balsamico”, con tra l’altro, la presentazione dell’Acetaia Giuseppe Cremonini, tra le più prestigiose case produttrici a livello internazionale. Non mancherà la proiezione di un video dedicato all’Aceto Balsamico tradizionale di Modena Dop. Poi, a seguire, per tutta la mattinata e poi nel corso dell’intero pomeriggio, due sessioni di Degustazione di aceti balsamici Igp e Dop.

C’è molto da apprendere in materia di aceti. Se ne consumao in quantità, ma si conoscono poco. Manca una cultura dell’aceto, tanto più dell’aceto balsamico, ch’è un prodotto diverso dal comune aceto di vino. “Forse non tutti sanno - aveva spiegato nella passata edizione Giulia Gibertoni, che per l'Acetaia Giuseppe Cremonini cura l'export - che l'aceto balsamico tradizionale Dop va utilizzato solo a crudo e con grande parsimonia. E’ ottimo sul Parmigiano Reggiano e sulle fragole, sulla crema o su gamberi e crostacei, è l'ingrediente principe di un gustoso risotto all'aceto balsamico. Per realizzare la tradizionali scaloppine al Balsamico bisogna invece utilizzare l'aceto balsamico di Modena Igp, ideale per l'impiego a crudo o in cottura”.

Anche nell’ambito della medesima categoria dei balsamici è necessario evidenziare alcune differenze sostanziali. Tra Dop e Igp la differenza per esempio c'è, non solo nella tecnica di produzione, nella concentrazione del mosto e nel gusto, ma anche nella diffusione su scala internazionale. “Il mercato dell'aceto balsamico tradizionale di Modena Dop conta l'1% del mercato mondiale”, precisa la Gibertoni. “Se in Italia, in formato da 100 ml, costa tra gli 80 e i 100 euro, negli Stati Uniti arriva a prezzi fino a 260 dollari ed è quindi riservato una èlite dell'alta ristorazione”. Alquanto diversa la distribuzione dell'aceto balsamico di Modena Igp che, ad esempio, nell'Acetaia Giuseppe Cremonini, totalizza l'80% dell'export. I Paesi più amanti del prelibato condimento? Sono Asia e Stati Uniti.

 

La foto di apertura è di Acetaia Giuseppe Cremonini

OO M - 04-11-2014 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo