Martedì 10 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > altri condimenti

Conoscete l’olio di colza?

Ci sono grassi alimentari di cui si sente parlare ma di cui si sa molto poco. Eppure la prima domanda, la più spontanea che ci poniamo, è se faccia bene o male alla nostra salute. Qualcuno avrà anche letto qualcosa in merito agli effetti dell’acido erucico. Cosa ne sappiamo? E perché oggi tale olio viene chiamato canola oil?

Giovanni Lercker

Conoscete l’olio di colza?

L’olio di colza, da diversi anni, è chiamato “canola oil” che in italiano è stato definito olio di canola. In relazione alle disposizioni legislative, l’olio di colza “classico” non poteva più essere prodotto in quanto aveva un contenuto di acido erucico elevato (fino al 45% degli acidi grassi totali) che ne rendeva sconveniente la produzione, in quanto la commercializzazione di oli contenente quello di colza non potevano avere più del 5% di acido erucico.

Negli anni 70, l’olio di colza ad elevato erucico, era stato studiato per gli effetti sulla salute con sperimentazioni fatte su dieci specie animali differenti (dal dottor Vles di Vageningen), nei quali l’alimentazione con quantità massive di olio (20% nella dieta, quando normalmente la quantità di parte grassa è intorno al 4% della dieta, nelle sperimentazioni sugli effetti delle diete negli animali!) aveva prodotto infiltrazioni di olio nel miocardio: la causa era stata giustificata dall’incapacità dell’acido erucico di legarsi alla carnitina per andare alla beta-ossidazione (come tutti gli acidi grassi) per produrre energia e l’organismo lo utilizzava per risintetizzare i trigliceridi a livello del miocardio, che ne assorbiva stivandole in loco le quantità corrispondenti.

Con tutte le riserve possibili sulla conduzione e sulle modalità di progettazione di tali ricerche, l’olio di colza fu considerato problematico e ne fu limitata la quantità negli alimenti in base al contenuto di acido erucico (< al 5%).

Il sospetto di questa forzatura sul pericolo nei consumo di olio di colza ad alto erucico, era riconducibile alla recente disponibilità di nuove varietà di semi con olio ottenibile a basso contenuto di acido erucico, per cui si apriva una nuova vita per le produzioni canadesi di olio dalla colza.

Il canola oil è stato ottenuto con selezione naturale, realizzata dai ricercatori canadesi (ecco perché compare nel nome “can”) specialisti di questa materia prima oleaginosa da sempre, e contiene quantità di acido erucico nella sua composizione degli acidi grassi inferiore a 0,05% (in gergo tecnico si dice a doppio 0).

Questo olio è paragonabile a tutti gli altri oli ottenuti da semi, ma con il vantaggio di avere contenuti di acidi grassi polinsaturi (più instabili alla utilizzazione degli oli) molto inferiori. Pertanto, l’olio di canola non può essere considerato pericoloso per la salute, ma semmai un po’ meglio degli altri oli di semi negli impieghi culinari ed industriali alimentari.

 

 

La foto di apertura è tratta da internet

Giovanni Lercker - 16-08-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Presentazione del libro “I Paradossi di Don Milani” alla Mondadori Bookstore di Busto Arsizio

Presentazione del libro “I Paradossi di Don Milani” alla Mondadori Bookstore di Busto Arsizio

L’appuntamento è per il 12 dicembre, alle ore 21. “La ricostruzione filologica del pensiero e delle azioni di don Milani - afferma Maurizio Maggioni - fa emergere il valore delle sue posizioni, anche meglio di quanto esse siano state considerate negli anni Sessanta e Settanta, all’epoca della loro massima condivisione"

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora