Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > amarcord

Custodi del paesaggio e trainatori del turismo

Gli olivicoltori oltre a produrre ogni anno un olio di qualità, sono i padri custodi del territorio, perché lo preservano e lo mantengono bello e ordinato

OO M

Custodi del paesaggio e trainatori del turismo

La rubrica “Amarcord” è stata pensata per segnalare articoli o testi di particolare interesse - già pubblicati su testate giornalistiche, blog, dispacci di agenzie stampa, o comunque in comunicazioni diffuse con qualsiasi altro mezzo - e tuttora attuali e utili nelle loro indicazioni, oltre che nei suggerimenti trasmessi.

E' il caso dell'editoriale di Andrea Bertazzi, pubblicato sul periodico “Dop Garda Notizie”, il numero 8 del maggio-giugno 2011, di cui riportiamo di seguito, per gentile concessione del Consorzio di tutela Dop Garda, uno stralcio.

L'obiettivo della rubrica "Amarcord" consiste nel valorizzare i pensieri espressi, anche nei mesi o negli anni passati, senza per questo relegarli nel dimenticatoio, ritenendoli a torto superati. I pensieri, d'altronde, hanno lo scopo di generare altre riflessioni, stimolando, quando è il caso, anche un dibattito.

Siamo del parere che una volta espresso, il pensiero, se davvero attuale, non muore mai.

 

Sono davvero numerose le attività di promozione che il Consorzio dell’olio Garda Dop ha svolto in questi mesi, e ne siamo molto fieri. Tante le manifestazioni in cui siamo stati invitati a intervenire, in cui ho ribadito ogni volta, in maniera netta e inequivocabile, l’importanza, fondamentale, del lavoro svolto da olivicoltori e frantoiani, i quali – e va detto senza alcuna esitazione – oltre a produrre ogni anno un olio di qualità, conservano anche, se non soprattutto, il territorio, preservandolo e mantenendolo bello e ordinato; e non è certamente poco, visto che l’ambiente che circonda il lago di Garda rappresenta un elemento essenziale e fondante per continuare a tenere vivo e operoso il turismo, una voce centrale e ineludibile per l’economia gardesana. Dobbiamo per questo essere orgogliosi di ciò che facciamo, ma dobbiamo nel contempo esigere, senza alcun indugio, maggiori attenzioni per il nostro non facile lavoro. Attenzioni che siano sincere e che siano espresse da tutti, indistintamente, in modo da proseguire nel nostro delicato ruolo, così determinante ed essenziale, di custodi, vivi, del paesaggio.

Non solo. Nei miei interventi ho invitato inoltre tutti a imparare a conoscere meglio il territorio nel quale vivono, invitandoli ad apprezzare, acquistare e consumare i prodotti della nostra terra, consigliando in modo particolare gli addetti alla ristorazione e alla vendita di prodotti gastronomici, ad prestare maggiore attenzione, oltre all’estetica di una bella tavola o di un piatto da servire, anche all’utilizzo dell’olio, che non è un condimento qualsiasi, ma un ingrediente centrale, in grado di condizionare la qualità della pietanza preparata e servita, determina in meglio se buono l’olio, o in peggio se non è buono. E così, ho avuto modo di evidenziare come il prezzo sia proporzionato a quelli che sono effettivamente i costi di produzione, tenendo oltretutto conto del grande ritorno di immagine in professionalità e qualità che se ne può trarre mettendo in tavola una bottiglietta di autentico e non presunto olio Dop Garda.

(...)

Andrea Bertazzi

 

 

OO M - 01-02-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria