Giovedì 24 Maggio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

Energia, compost e biometano

Un nuovo impianto in Toscana tratterà 44 mila tonnellate di organico l’anno, producendo 10.500 Mwh di elettricità, con le migliori tecnologie sostenibili. Si guarda sempre di più al riuso degli scarti come avviene nel biogas con prodotti provenienti dall'agricoltura o dalla frazione umida dei rifiuti, nell'ambito dell'economia circolare

Marcello Ortenzi

Energia, compost e biometano

Un impianto a servizio del territorio della Toscana centrale, che si prevede entrerà in funzione entro la primavera del 2019, per il trattamento dei rifiuti organici, in grado a regime di gestire 44 mila tonnellate di “umido” l’anno, ha visto iniziare i lavori di costruzione all'inizio di marzo.

L'impianto è stato ideato e voluto dalla società di gestione dei rifiuti Geofor per il Polo ambientale di Pontedera e offre il meglio dell'attuale tecnologia di trattamento dei rifiuti.

Il nuovo impianto, che funziona tramite la digestione anaerobica della frazione umida dei rifiuti, è in grado di lavorare la sostanza organica in depressurizzazione producendo biogas ed energia.

L’impianto sarà costruito sulla base del progetto rielaborato secondo le prescrizioni impartite dalla Conferenza di Servizi coordinata dalla Regione Toscana. Scopo del macchinario, oltre alla produzione di energia elettrica, sarà quello di lavorare il rifiuto organico per produrre compost di qualità; la lavorazione del rifiuto avverrà in ambiente confinato e depressurizzato in modo da non avere il rilascio delle "maleodoranze".

Lo schema di processo prevede dapprima la degradazione della frazione putrescibile con produzione di biogas (e produzione di energia elettrica susseguente) e successivamente la stabilizzazione aerobica del digestato, al fine di ottenere un prodotto finale adatto all’uso agricolo.

Le autorizzazioni ambientali necessarie alla realizzazione dell’impianto sono state rilasciate la scorsa estate, dopo un complesso iter procedurale. Il digestore anaerobico potrà produrre 10.500 Mwh di elettricità l’anno, oltre a 7.000 tonnellate annue di ammendante e in futuro potrà essere integrato con un nuovo impianto per la produzione di biometano utilizzabile come carburante per trasporti sostenibili.

Il nuovo impianto segue le indicazioni del Piano di Gestione dei Rifiuti toscano, basato sulle Linee Guida europee, che ha fissato obiettivi al 2020 molto ambiziosi, quali la soglia del 70% di raccolta differenziata e il conferimento in discarica solo del 10% dei rifiuti. Si guarda sempre di più al riciclo dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata e al riuso degli scarti come avviene nel biogas con prodotti provenienti dall'agricoltura o dalla frazione umida dei rifiuti, nell'ambito dell'economia circolare.

Il Costo del digestore anaerobico è di circa 18 milioni di euro e l'impianto è già stato ammesso agli incentivi del Gestore dei Servizi Energetici, preposto al controllo e versamento degli incentivi per gli impianti a fonti rinnovabili, produttrici di energia elettrica.

Marcello Ortenzi - 07-03-2017 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

Nuovi prodotti. Frantoio, Nocellara e Coratina. Sono in tutto tre oli extra vergini di oliva. Tutti e tre 100% biologici e 100% italiani, ciascuno dei quali espressione di una singola varietà di olivo. Una iniziativa che si inserisce in un progetto che va alle radici della cultura dell’EVO, legando gusto e territorio 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Nutrirsi bene è un'arte

The art of healthy eating. Una storia vera e di grandi emozioni, che evoca la grande tradizione olivicola e olearia della Puglia, la paziente cura del territorio e il forte legame con il prezioso succo di olive. Così, in un fascinoso spot in lingua inglese, Masserie di Sant’Eramo presenta il proprio mondo e il frutto del proprio lavoro: l’olio extra vergine di oliva

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese