30 Aprile 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

Energia, compost e biometano

Un nuovo impianto in Toscana tratterà 44 mila tonnellate di organico l’anno, producendo 10.500 Mwh di elettricità, con le migliori tecnologie sostenibili. Si guarda sempre di più al riuso degli scarti come avviene nel biogas con prodotti provenienti dall'agricoltura o dalla frazione umida dei rifiuti, nell'ambito dell'economia circolare

Marcello Ortenzi

Energia, compost e biometano

Un impianto a servizio del territorio della Toscana centrale, che si prevede entrerà in funzione entro la primavera del 2019, per il trattamento dei rifiuti organici, in grado a regime di gestire 44 mila tonnellate di “umido” l’anno, ha visto iniziare i lavori di costruzione all'inizio di marzo.

L'impianto è stato ideato e voluto dalla società di gestione dei rifiuti Geofor per il Polo ambientale di Pontedera e offre il meglio dell'attuale tecnologia di trattamento dei rifiuti.

Il nuovo impianto, che funziona tramite la digestione anaerobica della frazione umida dei rifiuti, è in grado di lavorare la sostanza organica in depressurizzazione producendo biogas ed energia.

L’impianto sarà costruito sulla base del progetto rielaborato secondo le prescrizioni impartite dalla Conferenza di Servizi coordinata dalla Regione Toscana. Scopo del macchinario, oltre alla produzione di energia elettrica, sarà quello di lavorare il rifiuto organico per produrre compost di qualità; la lavorazione del rifiuto avverrà in ambiente confinato e depressurizzato in modo da non avere il rilascio delle "maleodoranze".

Lo schema di processo prevede dapprima la degradazione della frazione putrescibile con produzione di biogas (e produzione di energia elettrica susseguente) e successivamente la stabilizzazione aerobica del digestato, al fine di ottenere un prodotto finale adatto all’uso agricolo.

Le autorizzazioni ambientali necessarie alla realizzazione dell’impianto sono state rilasciate la scorsa estate, dopo un complesso iter procedurale. Il digestore anaerobico potrà produrre 10.500 Mwh di elettricità l’anno, oltre a 7.000 tonnellate annue di ammendante e in futuro potrà essere integrato con un nuovo impianto per la produzione di biometano utilizzabile come carburante per trasporti sostenibili.

Il nuovo impianto segue le indicazioni del Piano di Gestione dei Rifiuti toscano, basato sulle Linee Guida europee, che ha fissato obiettivi al 2020 molto ambiziosi, quali la soglia del 70% di raccolta differenziata e il conferimento in discarica solo del 10% dei rifiuti. Si guarda sempre di più al riciclo dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata e al riuso degli scarti come avviene nel biogas con prodotti provenienti dall'agricoltura o dalla frazione umida dei rifiuti, nell'ambito dell'economia circolare.

Il Costo del digestore anaerobico è di circa 18 milioni di euro e l'impianto è già stato ammesso agli incentivi del Gestore dei Servizi Energetici, preposto al controllo e versamento degli incentivi per gli impianti a fonti rinnovabili, produttrici di energia elettrica.

Marcello Ortenzi - 07-03-2017 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il mio nome è Italo

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il sepolcro vuoto

Il sepolcro vuoto

Maria di Magdala. Gli evangelisti ne parlano come una delle donne che accompagnavano e assistevano Gesù e che furono presenti nei momenti drammatici della sua passione e morte. Di lei in particolare si precisa, per ben due volte, che era stata liberata da sette demoni > Sante Ambrosi

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Sono Marco Larentis, Simona De Nicola e Stefano Bonamico, a firmare un libro illustrato per le edizioni Hoepli. Diventato un prodotto "cult della moderna interpretazione della alimentazione consapevole”, il succo di olive è ormai al centro dell’attenzione generale > Luigi Caricato