Mercoledì 17 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

Esempi di economia circolare

In Umbria la creazione di un modello per la produzione di elementi energetici è l’espressione di un progetto triennale di Cia Umbria insieme con Università di Perugia, Cnr e diverse aziende agricole e forestali regionali

Marcello Ortenzi

Esempi di economia circolare

L’economia circolare è fondata su un nuovo concetto di produzione, di design, di distribuzione, di cambiamento nei modelli di consumo, che siano funzionali al prolungamento della vita dei prodotti e al riciclo, riuso e recupero dei materiali e dell’energia. Un obiettivo da raggiungere quando si hanno materiali provenienti dal settore agroforestale è quello di raccoglierli efficacemente e stabilire i modi per convertirli in energia e altri materiali. 

Un progetto triennale della Cia Umbria insieme all’Università di Perugia, CNR e diverse aziende agricole e forestali regionali, iniziato nel 2018, mira alla creazione di un “modello articolato di piattaforma logistica per la raccolta e distribuzione di materiali legnosi o residuali provenienti dalle produzioni agricole, allo scopo di individuarne il miglior uso finalizzandolo alla produzione di energia e dallo sfruttamento per la creazione di compost ed ammendanti da riutilizzare nel campo dell’agricoltura”.  

Il progetto AGREEGREEN, misura 16 del Psr umbro, implementato dal  3A -Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria, intende promuovere e diffondere le conoscenze e i processi scientifici e produttivi legati in particolar modo al “Biochar”, in cui il carbone di legna ottenuto da pirolisi di biomasse legnose è usato, oltre agli usi energetici, come ammendante nei terreni per migliorarne la permeabilità, l’areazione e la capacità igroscopica, fattori decisivi in ambito agricolturale e “N-Fix”, tecnologia che consente l’uso dell’azoto presente in atmosfera attraverso batteri azoto-fissatori introdotti negli apparati radicali della maggior parte delle specie. In questo modo le piante fruiscono non solo dell’azoto presente nel terreno ma anche di quello disponibile in atmosfera. 

La tecnologia è applicata ai digestati provenienti da reflui di allevamenti e colture agricole (“pollina”, in questo caso), attraverso un’iniezione diretta in esso di un plasma contente gli stessi batteri azotofissatori. Tale processo abbassa il ph del digestato, salifica l’ammoniaca ed evita la diffusione di effluvi sgradevoli, contribuendo anche in questo modo alla salubrità dell’aria e dell’ambiente.

Il processo si articolerà in varie linee di azione:

Valutazione quali-quantitativa delle tipologie di biomasse potenzialmente disponibili;

Innovazione di processo per la valorizzazione delle biomasse legnose umbre;

Valutazione dei risultati ottenuti e modellizzazione dell’impianto della piattaforma per la valorizzazione delle biomasse legnose umbre;

Modello di certificazione applicata alla filiera legno umbra.

 

Marcello Ortenzi - 27-04-2019 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo