Mercoledì 16 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

L’uomo e la pietra

I muretti a secco, rappresentando "una relazione armoniosa fra l'uomo e la natura", sono stati dichiarati patrimonio dell’Unesco. Un riconoscimento importante e determinante, utile per comprendere l’interazione tra l’uomo e l’ambiente. Sono uno dei primi esempi di manifattura umana. In alcuni contesti e areali, viti, olivi, alberi da frutto, piante officinali vivono perché ci sono i muretti

Marcello Ortenzi

L’uomo e la pietra

Per l’Unesco sono uno dei primi esempi di manifattura umana, il simbolo di una relazione armoniosa fra uomo e natura e custodiscono il DNA del paesaggio rurale italiano. Quelle pietre una sopra l'altra, poste con eccezionale ingegno e capacità artistiche oltre che artigianali, sono la montagna viva, come affermato dall’Uncem. 

Molte regioni italiane hanno manufatti a secco, Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia, Campania, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Trentino Alto-Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Toscana, Lazio. Una caratteristica essenziale è che sono in grado di combattere fragilità dei versanti, fermare le frane, rallentare le valanghe, ridurre l'erosione, ma poi esiste la consapevolezza che su quei terrazzamenti fatti in pietra vi sono imprese e imprenditori che resistono strappando porzioni di ettari all’invasione del bosco. 

Viti, olivi, alberi da frutto, piante officinali vivono perché ci sono quei muretti che rendono i versanti alpini e appenninici economicamente validi. Naturalmente vanno scomparendo le ditte e i privati cittadini capaci di costruire quei muretti. Alcuni piccoli comuni hanno voluto coinvolgere nell'apprendimento delle tecniche per la realizzazione di muri a secco sia i giovani, anche stranieri richiedenti asilo, con progetti nelle scuole. Infatti, so no un bel tema per aiutare l’integrazione che si fa anche conoscendo il valore del patrimonio materiale, la sua storia e la sua dignità, oggi pienamente sancite dall’Unesco. 

La Scuola trentina della pietra a secco, istituita nel 2013 all'interno dell'Accademia della montagna, è composta da un gruppo di lavoro che include diverse figure professionali - dal maestro artigiano al geometra, dall'architetto all'ingegnere.  

La montagna è una delle aree che più sono interessate dai muretti e l’Uncem ha invitato le Regioni, il Ministero dell’Ambiente e quello delle Politiche agricole e forestali, a investire risorse da destinare ai territori tramite gli Enti locali montani, per la valorizzazione, la manutenzione, la costruzione e il rifacimento dei muretti a secco presenti sui versanti. 

Un'attività fondamentale per la prevenzione del dissesto idrogeologico: investire su quelle pietre fa risparmiare in protezione civile e nelle fasi post-emergenze, sempre più ricorrenti. L’associazione degli enti montani assicura che l’investimento non appare oneroso, poiché per un metro quadrato di muretto a secco possono bastare 80 euro per la manutenzione, visto che le pietre sono già presenti. 

La montagna potrebbe così festeggiare il riconoscimento dell'Unesco con interventi concreti e misurabili, a vantaggio delle comunità alpine e appenniniche, ma anche delle realtà urbane. C’è poi una vera e propria arte edilizia “a secco” in Puglia per la costruzione di abitazioni, come i trulli della Valle d’Itria tra Bari, Brindisi e Taranto, o le pajare nel Salento, eredi probabilmente di costruzioni più antiche chiamate specchie. La stessa tecnica costruttiva si osserva anche nelle mura megalitiche di Altamura e, fuori dalla Puglia, nei nuraghi sardi, risalenti al II millennio a.C.  

I muretti a secco rappresentano oggi delle zone d’importante concentrazione di biodiversità: l’umidità dell’aria, anche quando fa molto caldo, condensa negli interstizi tra le pietre, rendendo il muretto umido anche in piena estate, quando fa molto caldo. Gli interstizi quindi offrono rifugio a molti animali che sfruttano il particolare microclima tra le pietre per sopravvivere in estate e ripararsi in inverno: lucertole, serpenti, gechi, anfibi e molti invertebrati, in Italia Meridionale e nelle Isole, hanno imparato a usare i muri a secco come un nuovo habitat, continuando a sopravvivere anche in assenza della macchia mediterranea.

Marcello Ortenzi - 07-01-2019 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti