17 Dicembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

La questione ambientale

I negoziati della Cop23 delle Nazioni Unite, che si sono conclusi a Bonn lo scorso 17 novembre, hanno fissato un percorso di revisione degli impegni ambientali. Si sono definite in particolare le procedure per arrivare al taglio delle emissioni di gas serra. L’iter tecnico dovrebbe terminare nel 2018

Marcello Ortenzi

La questione ambientale

I negoziati della Cop23 delle Nazioni Unite, che si sono tenuti a Bonn fino al 17 novembre, si sono svolti a livello di delegazioni dei 197 Stati firmatari dell'accordo di Parigi. Le isole Fiji hanno presieduto la Conferenza. Due anni dopo l'adozione dell'accordo, i Paesi firmatari cominciano adesso a definire le regole per la sua applicazione: un iter tecnico che dovrebbe concludersi con la Cop24 nel 2018.

I rappresentanti delle piccole isole e dei Paesi africani sono giunti alla Cop con la rimostranza verso i Paesi ricchi, che sono i primi emettitori di gas a effetto serra e quindi hanno una maggiore responsabilità. Essi chiedono di essere loro ad aiutare i più poveri a svilupparsi correttamente e ad affrontare gli impatti climatici. La sessione politica ha visto solo Angela Merkel ed Emmanuel Macron tra quelli delle nazioni più importanti,mentre gli Stati Uniti hanno presentato solo un diplomatico che ha avuto un ruolo marginale.

La conclusione, piuttosto combattuta, ha visto approvato un documento finale che poco ha accontentato gli esperti del clima. L'andamento dei lavori ha evidenziato una vitalità della società civile, città, regioni, associazioni che va al di là dell'espressione dei vari governi nazionali. Un risultato è stata la formazione di un'alleanza di una ventina di paesi per eliminare il carbone entro il 2030 (Powering past coal alliance), tra cui Regno Unito, Canada, Francia e Italia. Germania e Polonia,il paese ospite della Cop 23 e quello che la ospiterà nel 2018, coprono la metà dell’intero consumo di carbone d’Europa e per questo non hanno aderito all'alleanza.

Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, presente a Bonn, ha anche confermato l’intenzione dell’Italia di candidarsi a ospitare la conferenza sul clima del 2020, la Cop 26. Si sono definite le procedure per arrivare alla revisione degli impegni degli Stati per il taglio delle emissioni di gas serra, che devono essere aggiornati. 

Il presidente della Conferenza nel documento finale ha istituto un tavolo di discussione detto "dialogo Talanoa" che partirà nel gennaio del 2018 per definire gli aggiornamenti dei target nazionali in vista della Cop24. Resta aperta la questione del Green Climate Fund, il fondo per aiutare i paesi più poveri a combattere il riscaldamento globale: la sua istituzione rimane ancora indefinita. Il governatore della California Jerry Brown ha inviato un messaggio in cui afferma che la California non aspetta Trump, affinché si intervenga sui cambiamenti climatici. La prossima Conferenza sul clima, la Cop24, si terrà nell'autunno del 2018 a Katowice, nel cuore della regione carbonifera della Polonia, la Slesia.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Marcello Ortenzi - 20-11-2017 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Estrarre un olio di altissima qualità con la sola pressione meccanica e senza utilizzo di acqua in fase estrattiva. Una piccola realtà siciliana, nata dal basso, si sta presentando come il futuro dell'estrazione olearia, nel pieno rispetto dell'ambiente. Al Maker Faire di Roma l'azienda proprietà della famiglia La Greca, ha presentato BioSpremi®, un progetto dell'estrazione ecosostenibile che resta in linea con gli attuali standard di produttività

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato